Di corsa in centro

La StraWoman, un fiume rosa contro la violenza sulle donne

La StraWoman, un fiume rosa contro la violenza sulle donne
22 Giugno 2019 ore 10:00

La maglia è rosa, ma il Giro d’Italia non c’entra. Della corsa ciclistica a tappe la StraWoman-Sportpiù «We run the world» ha il colore simbolo – anche se in realtà negli anni è virato più verso il ciclamino – ma non le bici, la competizione, la composizione tutta maschile. Settimo appuntamento, sabato 22 giugno, per la marcia non competitiva sotto le stelle riservata alle donne. Dalle 16 sarà allestito sul Sentierone lo StraWoman Village con animazione sportiva, stand, ospiti, musica, dj set.

4 foto Sfoglia la gallery

Alle 21 la partenza: direzione via Tasso, poi su per via Pignolo, ingresso in Città Alta da porta Sant’Agostino, giro completo delle Mura venete e ritorno verso la base lungo lo stesso itinerario. In totale fanno circa cinque chilometri, ma c’è una versione anche da dieci chilometri. All’arrivo, defaticamento. Quest’anno c’è anche una novità nel Tour StraWoman. Sono stati invitati tutti i Comuni della provincia ad aderire all’iniziativa di sostegno per il no alla violenza sulla donne. Durante l’edizione di Bergamo verranno conteggiati i cittadini provenienti da ciascun comune aderente: i primi tre con più partecipanti, vinceranno un trofeo, mentre una foto ricordo andrà ad ogni cittadino partecipante.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia