A proposito di case popolari

La vicenda del Papa e di Tarzan di cui parla perfino il “Guardian”

La vicenda del Papa e di Tarzan di cui parla perfino il “Guardian”
20 Ottobre 2015 ore 12:30

Allora: ci siamo. Andrea Alzetta, detto Tarzan, consigliere comunale di Roma nelle liste di SEL, cacciato dal medesimo consiglio per via di una vecchia condanna scontata in carcere, entrato nelle cronache perché citato nelle intercettazioni di Roma capitale, capo di Action – il movimento che occupa le case a Roma – nel luglio scorso scrive al papa per chiedergli un aiuto nel progetto di adibire ad edilizia popolare – a giubileo terminato – gli edifici che saranno costruiti a Roma per accogliere i pellegrini.

 

31895158_mafia-capitale-ora-diamo-cinquemila-euro-tarzan-il-regalo-ad-alzetta-di-buzzi-carminati-1

 

In agosto, cioè a stretto giro di posta, grazie a una suora che aveva guidato la lettera a bersaglio, il papa – tramite mons Wells – gli risponde. Ha riferito Alzetta: «nella missiva si dice che il Papa ha letto la nostra lettera, ha a cuore i temi dell’accoglienza e della questione abitativa, ci benedice e ci incoraggia ad andare avanti». Adelante, cartoneros! per dirla col viaggio in Bolivia. Adesso vorrebbero incontrarlo.

La vicenda è stata ripresa anche da The Guardian, che ha riportato quel che ha detto Alzetta nell’occasione: «Incredibile. Non ho mai pensato nella mia vita che avrei scritto al Papa, e che lui avrebbe risposto! Tuttavia, al giorno d’oggi a chi avremmo potuto rivolgerci?». Come dire: Da chi altro avremmo potuto andare. O, in originale, Da chi andremo?

Ha anche aggiunto che dai politici non c’è da aspettarsi più nulla, ma è secondario. «Questo Papa è uno dei pochi che si mette senza esitazione dalla parte degli ultimi» (Alzetta dixit). Non resta che attendere gli sviluppi. Alcuni giornali hanno già scritto “occupare” con due “K”.

Come si è espresso Francesco in altra occasione: ricordatevi di quelli che lo osannavano (Gesù) mentre entrava in Gerusalemme, e vedete poi “che fine ha fatto”. Gloriosa, ci viene da rispondere. Un po’ tribolata ma, alla fine, gloriosissima.

 

5532b5be-fc28-4455-a256-528d719b0b99

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia