Trent'anni insieme

“Laudate Dominum”, nel canto corale in val Brembana l’unione fa la forza

Le corali di Poscante di Zogno, Rigosa e Sambusita unite dall'estro appassionato di don Pierangelo Gualtieri. Concerti ma anche un prezioso servizio pastorale che genera talenti.

“Laudate Dominum”, nel canto corale in val Brembana l’unione fa la forza
Val Brembana e Imagna, 19 Agosto 2020 ore 09:38

di Giambattista Gherardi

Un importante anniversario da salutare con gioia, ma anche e soprattutto un impegno pastorale che unisce e coinvolge le valli e le generazioni. Ricorre in queste settimane in Valle Brembana il trentesimo anniversario di fondazione della Corale “Laudate Dominum” che unisce in un’unica formazione coristi di Poscante di Zogno, Rigosa e Sambusita. Direttore (e anima) della formazione è sin dalle origini don Pierangelo Gualtieri di San Pellegrino Terme, al tempo parroco a Poscante e insegnante di canto in Val Serina.

Da sempre appassionato di musica sacra, don Pierangelo era reduce dagli anni in Alta Val Brembana, parroco a Moio de’ Calvi e Valnegra, dove pure aveva fondato la Scuola di Musica Alta Valle Brembana, con sede a Valnegra. «Animare l’azione liturgica – spiega con entusiasmo – è occasione fondamentale e strategica per far crescere una comunità. L’idea di fondo, soprattutto nel campo della musica sacra, è stata quella di portare in Valle occasioni didattiche il più possibile vicine ai piccoli paesi di montagna, per evitare che le difficoltà della logistica scoraggiassero tutti in partenza. Grazie alla Scuola di Musica abbiamo una generazione di giovani organisti che presta servizio festivo, accompagna le corali e addirittura promuove in proprio attività concertistiche di tutto rilievo».

La corale LAUDATE DOMINUM con al centro don Pierangelo Gualtieri

Un “modello” diffuso che anche a livello corale ha portato ad ottimi risultati. La corale “Laudate Dominum” è nel 1990, grazie all’unione fra i gruppi di Poscante, Rigosa e Sambusita.  «Ogni gruppo – spiega don Pierangelo – è attivo in autonomia nella propria parrocchia per accompagnare le celebrazioni, ma insieme riusciamo a sviluppare un repertorio articolato e approfondito. Abbiamo avuto l’onore di poter proporre le nostre esecuzioni in una rassegna in Trentino Alto Adige, nella Cattedrale di Cremona e al santuario di Caravaggio. Le trasferte hanno rafforzato ulteriormente uno spirito di gruppo che genera socialità e crescita artistica». Ad affiancare il vulcanico don Gualtieri ci sono due vicedirettori che seguono nello specifico l’attività nelle parrocchie: Carmela Acerbis di Rigosa e Michele Donadoni di Poscante, mentre all’organo ci sono Thomas Gavazzi e Mattia Noris.

Costante resta il dialogo con la realtà della Scuola di Musica, che propone lezioni di pianoforte a Valnegra (docente Michele Gervasoni) e lezioni d’organo nella parrocchiale di San Pellegrino Terme. Gli allievi sono una trentina e dovrebbero riprendere a breve le lezioni, compatibilmente con le prescrizioni del post pandemia. A livello corale vanno sottolineate anche le collaborazioni avviate in diverse occasioni con alcune corali attive in Valle. In particolare si segnalano la corale Santa Maria del Bosco di Somendenna diretta da Luigi Gherardi, quella di Sant’Andrea a Bracca diretta da Angelo Minelli e la “Corale dell’Amicizia” di Costa Serina diretta da Carlo Minelli. «Il canto corale – conclude don Pierangelo – unisce tante persone e moltiplica l’entusiasmo. Da trent’anni in Valle Brembana è una sfida che raccogliamo con orgoglio».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia