Patologie e ricerca

Il Metodo Bonori, un trattamento per combattere la Sclerosi Multipla

Il Metodo Bonori, un trattamento per combattere la Sclerosi Multipla
Pensare positivo 17 Agosto 2018 ore 08:20

Onde d’urto. Una pratica fisioterapica che sta dando risultati decisamente positivi per il trattamento di patologie molto diverse da quelle per le quali è stata introdotta diversi anni fa.

METODO BONORI, ne parliamo con il dottor Matteo Bonori. A parlarci del trattamento e degli ultimi sviluppi per la cura di diverse malattie attraverso di esso è il dottor Matteo Bonori, fisioterapista con cinque centri in provincia di Brescia e una rete di affiliati in diverse località del Nord Italia. «Utilizzando ormai da dieci anni le onde d’urto in ambito sportivo mi sono reso conto che grazie a esse le performance degli atleti possono migliorare», ha detto.

Molti vantaggi per gli sportivi. In origine questa terapia era nata per curare problemi muscolari e tendinei grazie a processi di autoguarigione e antinfiammatori attivati dai microtraumi causati ai tessuti dalle onde. «In seguito, però, mi sono reso conto che opportunamente modulata la terapia ha un effetto particolarmente benefico sugli atleti che recuperano prima dagli sforzi, grazie al miglioramento del sistema circolatorio e neuro-muscolare, migliorando così le performance», ha precisato il fisioterapista.

Il trattamento di altre patologie. Visti gli effetti benefici che le onde d’urto radiali apportano agli atleti migliorando la forza e resistenza muscolare, Bonori ha pensato di estendere l’utilizzo delle stesse a persone che più di tutti hanno bisogno di aumentare la propria forza muscolare. «Forte del fatto che le onde d’urto radiali a bassa intensità non hanno controindicazioni ne effetti collaterali rilevabili – ha detto il professionista – ho ben presto cominciato a pensare che da esse avrebbero potuto trarre giovamento anche per esempio le persone anziane a rischio caduta per la poca forza o ai malati di Parkinson o alle persone affette da sclerosi multipla per i quali i protocolli ufficiali tutt’oggi non prevedono questa terapia».

Sclerosi multipla, risultati straordinari. «Quando ho iniziato a trattare i malati di sclerosi multipla con le onde d’urto i risultati sono stati immediatamente confortanti” ha ripreso Bonori. “Persone che non riuscivano più a fare le scale dopo qualche seduta nel giro di qualche settimana potevano di nuovo salire e scendere le scale senza problemi». Come vedete dal video qui sotto dopo 2 sedute del Metodo Bonori la forza e resistenza muscolare della persona affetta da Sclerosi Multipla dal 2009 è migliorata in modo incredibile.

 

 

Il Metodo Bonori. Bonori ha così elaborato un protocollo di trattamento per la sclerosi multipla con le onde d’urto radiali a bassa intensità. «Le variabili sono molte perché le onde d’urto possono essere effettuate a diverse frequenze o diverse intensità di pressione, poi entra in gioco, altra variabile, la velocità con cui muovo il manipolo e dove lo passo. Ed è per questo – prosegue poi il Dott. Bonori – che nei prossimi mesi farò dei corsi di formazione dei miei centri affiliati in modo che così i miei Metodi possano essere effettuati non solo nei miei centri. Sicuramente il mio Metodo con il passare del tempo potrà aiutare migliaia di malati in tutto il mondo. Non a caso sono a diretto contatto con un medico fisiologo e ricercatore della facoltà di Medicina dell’Università di Brescia e con un medico degli Spedali Civili».

Parkinson e Ictus. Come accade per la sclerosi multipla, anche i malati di Parkinson e le persone con postumi da ictus traggono vantaggio dalle onde d’urto migliorando l’autonomia di queste persone, afferma il Dottor Bonori con grande soddisfazione.

Il futuro. «L’obiettivo è dimostrare l’efficacia del metodo da un punto di vista scientifico. I pazienti già oggi sono in continuo aumento e i benefici sono sotto gli occhi di tutti. Presto attiverò una rete di centri abilitati alla terapia e auspico che i medici specialisti, dopo averne constato i benefici, inizino a prescriverla ai pazienti come trattamento Metodo Bonori Sclerosi Multipla. Significherebbe che il mio protocollo di trattamento è stato pienamente avallato dalla Comunità scientifica».

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità