Pensare positivo
Costruttori

Quella fabbrica bergamasca di cioccolato in Lego che rischia di diventare "vera"

Il progetto di Roberto Ceruti da San Giovanni Bianco sta partecipando con successo a Lego Ideas, che premia con la produzione industriale sei invenzioni di comuni appassionati all'anno

Quella fabbrica bergamasca di cioccolato in Lego che rischia di diventare "vera"
Pensare positivo Val Brembana e Imagna, 27 Gennaio 2021 ore 23:02

Da quando è sposato abita a Ispra, un paese del Varesotto affacciato sulla riva sinistra del lago Maggiore. Ma è originario di San Giovanni Bianco (dove è nato e cresciuto, e dove torna spesso e volentieri da parenti e amici), in Val Brembana, ed è atalantino: nelle foto posa con la mascherina della Dea. Roberto Ceruti, 40 anni, oltre ai nerazzurri ha una grande passione: i Lego. Ha una pagina Facebook che si chiama Brickup, sempre con riferimento ai mattoncini, in cui si possono conoscere gli splendidi progetti a cui ha lavorato in questi anni.

Ora ha un altro grande progetto in ballo, sempre con le costruzioni, che potrebbe finire tra i finalisti di Lego Ideas, iniziativa del colossi dei giocattoli danese che produce sei set all’anno progettati da semplici appassionati, com’è appunto Ceruti. Nessun italiano, ad oggi, è mai riuscito a fregiarsi di questa possibilità. «Ora invece sono in lizza con questo progetto che sta avendo un successo quasi inaspettato, ma per farcela necessito di arrivare a diecimila voti», racconta. Qui lo si può votare: già in quasi 4mila l’hanno fatto.

6 foto Sfoglia la gallery

Il progetto di Roberto Ceruti permette di costruirsi in prima persona le magiche e dolci atmosfere del film “La fabbrica di cioccolato” diretto da Tim Burton con Johnny Depp nei panni di Willy Wonka. Ceruti ha realizzato, interamente con mattoncini Lego, “Charlie and the chocolate factory”, ricreando con assoluta precisione le deliziose e gustose atmosfere con i principali protagonisti del famoso film, cascata di cioccolato funzionante compresa.

L’approvazione di una nuova idea

Lego Ideas funziona così: una volta inviata la propria candidatura inizia la fase in cui tutti gli utenti hanno la possibilità di supportare l’idea cliccando sul pulsante “support”. Affinché arrivi all’attenzione del Team ufficiale Lego, un’idea ha bisogno di 10mila sostenitori. Si tratta di un numero considerevole, ma in questa maniera ci si assicura che solo le migliori idee riescano a farsi “notare tra la folla”. In questa fase di votazione si può condividere la propria idea attraverso i social, chiedere ad amici e parenti di lasciare un voto favorevole, insomma qualsiasi cosa possa aiutare l’idea ad acquisire nuovi supporters e superare la barriera. C’è un limite di tempo per poter raggiungere questo numero, al termine del quale l’idea inviata perde la possibilità di essere votata: se entro 60 giorni dall’invio si raggiungono i 100 supporters, l’idea riceverà 12 mesi aggiuntivi, che diventano 18 mesi se nel frattempo si sono raggiunti i mille supporters e così via. E l’idea di Ceruti sta andando avanti.