«Nessuno gioca come noi, nessuno»

«Questa Atalanta mi mette i brividi» Le parole d'amore di un tifoso

«Questa Atalanta mi mette i brividi» Le parole d'amore di un tifoso
Pensare positivo 07 Aprile 2017 ore 05:30

Ci vuol poco a chiamarla "fede calcistica". No, l'Atalanta è qualcosa in più. Trascende il calcio per entrare nella vita di tutti i giorni, nella quotidianità, nell'essenza stessa di Bergamo. E chi ogni weekend soffre, gioisce, si dispera o si abbraccia sulle ali delle gesta dei beniamini nerazzurri lo sa bene. Tra questi c'è anche Stefano Pagnoncelli, geometra quarantenne di Pontirolo Nuovo e da trent'anni abbonato al fianco del padre Angelo (che di anni ne ha 65). Proprio Stefano, ieri, ci ha inviato in redazione una breve lettera in cui racconta, con parole semplici ma piene di trasporto, l'incredibile stagione che sta vivendo al seguito dell'Atalanta. Quella che, il nostro Xavier Jacobelli, ha più volte definito «il migliore anno della nostra vita». La pubblichiamo, perché siamo certi che saranno tanti gli appassionati a immedesimarsi in Stefano. Noi, intanto, lo ringraziamo. E sempre forza Atalanta!

 

 

Ho i brividi.

Ho i brividi perché, generalmente, la nostra generazione vive poco nel presente.

Di solito ci si crogiola pensando ad antichi fasti, che seppur vissuti in prima persona, nulla sono in confronto a questo incredibile presente.

Spesso ne parlo a casa, a bassa voce, come se la scaramanzia volesse prevalere sulla ragione.

Ma, per noi di Bergamo, atalantini dalla nascita, questo sarà in ogni caso un anno da raccontare ai posteri.

Ecco, ho i brividi perché mi rendo perfettamente conto che devo vivere il presente cercando di fissare nella mente, anche tramite questo diario di bordo, più emozioni possibili. Gli abbracci con mio papà allo stadio, mai forti come quest’anno, le vittorie in trasferta passeggiando, fino anche alle scoppole vissute in prima persona a Torino e a Milano.

Ma questa annata verrà ricordata come la più bella di sempre.

Immagino che fra 50 anni se ne parlerà con la superficialità dei numeri, di chi non l’avrà vissuto in prima persona.

Ma troverà testimonianze ovunque. Sappiate che i brividi ce li avevamo davvero.

Una città, una provincia intera che vive di Atalanta, che si stropiccia gli occhi ad ogni azione.

Ogni atalantino in questi mesi non riesce a godersi nessuna altra partita di calcio in Italia.

Al di là di come finirà il campionato, NESSUNO gioca come la Dea. Nessuno.

Tutte le partite degli “altri” appaiono noiose, ed incredibilmente non è una sensazione “di pancia”, ma pura razionalità.

Non importa come finirà il campionato, quest’anno ci sono i brividi.