Pensare positivo
Aria fresca

Sembra un libro ma è come un film: “Lui Lei Laltra”, primo cinefumetto

La nuova opera del regista Beppe De Caro è una graphic novel, ma al posto dei disegni ci sono le foto. E vanta una splendida colonna sonora originale (ascoltabile inquadrando i Qr code). La vicenda mescola western e fantascienza, odio e amore, dramma e leggerezza

Sembra un libro ma è come un film: “Lui Lei Laltra”, primo cinefumetto
Pensare positivo Bergamo, 26 Luglio 2022 ore 00:05

Di Fabio Cuminetti

È un libro, ma la copertina è una locandina. E a pagina 5 ci sono titoli e autori della colonna sonora originale: basta inquadrare i codici Qr col telefono e alla lettura si accompagna un brano scritto ad hoc (con video ben curato su Youtube). Poi comincia la storia.

“Lui Lei Laltra”, di Beppe De Caro, è una graphic novel, ma al posto dei disegni ci sono le foto. Un cine-comics, o meglio cinefumetto, per dirle all’italiana, che ha i piedi nella carta stampata ma la testa nella multimedialità. Un’opera in movimento, di spessore e grande qualità: nulla a che vedere con i vecchi fotoromanzi, a cui un occhio poco attento la potrebbe paragonare. Il libro si legge tutto d’un fiato, anzi si sfoglia, visto che i testi sono ridotti al minimo ma immagini e canzoni suppliscono ampiamente al ruolo. Una gioia per gli occhi, per il cuore, per la testa.

17 foto Sfoglia la gallery

La vicenda mescola western e fantascienza. Si potrebbe parlare di sci-fi o di steampunk. C’è amore, c’è duello, c’è un contesto oltre i confini della realtà. «L’abile regista, tra intrighi fiabeschi e tragedie shakesperiane, cerca la modernità che va oltre il Bene e il Male – scrive il cantautore Bobo Rondelli nella prefazione -. È già un’opera che tra anni chiameranno “cult”. E chissà se un giorno, vi pentirete di non avere una copia dal valore di 50mila dollari, e allora sì che vi sentirete catapultati dentro la storia come scaltri cacciatori di taglie in “Lui, Lei, Laltra: wanted!”». Il libro è piaciuto anche a un altro nome noto della musica alternativa, Iosonouncane, che si è offerto di scrivere la postfazione (in quarta di copertina).

La genesi dell’opera risale a 5 anni fa: con il Covid i tempi di realizzazione si sono inevitabilmente dilatati. L’idea del cinefumetto parte dalla voglia di sperimentare qualcosa di nuovo e nel contempo non sobbarcarsi i costi necessari per un cortometraggio. De Caro, già musicista, attore e regista (numerosi i premi vinti con il cortometraggio “In braccio a Rita”, del 2006), ha firmato soggetto e regia, nonché la sceneggiatura (in collaborazione con Fabrizio Vecchi, di Roma). Grafica, fotografia, post produzione, effetti speciali, costumi, trucco e scenografie sono stati affidati a professionisti. La colonna sonora veste l’opera su misura: quattro brani sono del cantante rockabilly parigino Don Cavalli (con Vincent Talpaert), e due di De Caro e Alberto Ferrari (con il fratello Luca alla batteria) dei Verdena. Splendida “Non piangerai”, cantata dallo giovanissima Cecilia De Caro (figlia di Beppe) con notevole personalità vocale.

Le trovate creative sono degne di nota. Alcune hanno un’origine curiosa: una ragazza con una voglia a forma di cuore conosciuta in passato, ad esempio. Fioccano le citazioni, anche squisitamente pop: i gemelli Pikkialow richiamano la mitica Jenny Piccalo Di “Happy Days”, ma dicono solo «tze tze» come Bombolo; una composizione ricalca la locandina di “Grease”, un’altra la “Pietà” di Michelangelo; la foto del matrimonio vede sullo sfondo la chiesetta di “Kill Bill” (e probabilmente Tarantino si divertirebbe a sfogliare il libro). Il paginone finale lascia una porta aperta, come si usa oggi nelle serie tv e nei film di cassetta, per un eventuale sequel. Il cast attoriale è composto da amici e conoscenti di De Caro: Rebecca Migliarini, David Del Castillo Pañero, Rossana Pellegrini, Stefano Pirola, Sergio Rota Nodari.

La presentazione ufficiale di “Lui Lei Laltra” è in programma per il 17 settembre al BikeFellas. A seguire, secondo un calendario ancora da definire, l’autore porterà l’opera in un tour nazionale attraverso le librerie.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter