280 in Italia quelle al top

Le spiagge Bandiera Blu 2015 Dato che c’è già aria di mare

Le spiagge Bandiera Blu 2015 Dato che c’è già aria di mare
13 Maggio 2015 ore 03:00

Se qualcuno avesse ancora qualche dubbio su dove trascorrere l’estate ecco che la consegna delle Bandiere Blu da parte della Fee (Foundation for Environmental Education) fa definitivamente chiarezza. Sono 280 le spiagge italiane al top e, stando ai risultati pubblicati nella mattinata del 12 maggio, la regina indiscussa della prossima estate sarà la Liguria che, con la bellezza di 23 località costiere premiate, vince il titolo di regione con il maggior numero di lidi che potranno sventolare l’ambita bandiera. Subito dietro le terre di Montale si trova la Toscana, con 18 spiagge blu, e le Marche, con 17. Al quarto posto, fuori dal podio, si posiziona la Campania, che arriva a 14 bandiere blu, a cui seguono la Puglia (11 lidi), l’Emilia Romagna (9 lidi) mentre l’Abruzzo, il Veneto, Il Lazio e la Sardegna si piazzano tutti a pari merito con 8 spiagge. Perde colpi la Sicilia che dalle 7 località dello scorso anno si ferma a quota 5. Seguono la Calabria con 4, il Molise con 3, il Friuli Venezia Giulia con 2 e la Basilicata con un solo sito costiero. Da segnalare l’incremento registrato anche sul fronte laghi: una bandiera per la Lombardia, due per il Piemonte e addirittura cinque per il Trentino Alto Adige.

New entry. Il Belpaese quest’anno può anche vantare l’ingresso di 7 nuove località premiate con la tanto desiderata bandiera blu. A esser riuscite a conquistare l’importante vessillo sono: Capaccio (Campania); Terracina (Lazio); Borghetto S.Spirito, Taggia, S.Margherita Ligure (Liguria); Cannobio (Piemonte); Castellaneta (Puglia), Castelsardo, Sorso (Sardegna), Tusa (Sicilia), Rosolina (Veneto). Mentre lo perdono: Silvi (Abruzzo), Rocca S. Giovanni (Abruzzo), Ragusa, Marsala (Sicilia).

 

 

Le dichiarazioni. Non appena sono stati rivelati i luoghi Bandiera Blu 2015, in molti si sono congratulati con i lidi vincitori. Secondo l’ammiraglio Felicio Angrisano, comandante generale delle Capitanerie di Porto: «Bandiera Blu è simbolo di quell’impegno delle amministrazioni comunali a favore di una conduzione sostenibile del territorio; un fine che la Guardia Costiera condivide e persegue con professionalità ed impegno». Dello stesso avviso è anche Claudio Mazza, presidente della Fee Italia: «Anche per il 2015 possiamo annunciare con soddisfazione un aumento di Bandiere Blu, un incremento costante che dimostra, nonostante le ridotte risorse economiche, la volontà di tanti comuni di non mettere al secondo posto l’attenzione per l’ambiente».

Come funziona. La Bandiera Blu è un riconoscimento internazionale, istituito nel 1987, anno europeo per l’ambiente, che viene assegnato ogni anno in 48 Paesi. Inizialmente partecipavano solo località europee, mentre oggi il riconoscimento include anche le spiagge di Sudafrica, Nuova Zelanda, Canada e nei Caraibi. Per la scelta delle destinazioni da premiare assieme alla Fee (Foundation for Environmental Education) partecipano anche due importanti agenzie dell’Onu: Unep (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente) e Unwto (Organizzazione Mondiale del Turismo). Per quanto riguarda i criteri da rispettare per poter aggiudicarsi la Bandiera Blu si ricorda la presenza di acque eccellenti, di un’ottima gestione del territorio, di programmi volti all’educazione ambientale e della promozione di un turismo sostenibile.

Un incremento economico. È naturale che ottenere il titolo di Bandiera Blu rappresenti per i comuni premiati un vero e proprio punto di forza per la propria economia estiva. Insomma, detto in parole semplici, poter issare sulle spiagge la già citata bandiera garantisce l’arrivo di un numero significativo di visitatori, sia italiani che stranieri, durante tutta la stagione turistica. Il concetto appena espresso è stato confermato anche da una ricerca interuniversitaria condotta dagli atenei di Urbino e di Perugia secondo cui «per il 94 percento dei comuni ci sono vantaggi per il rafforzamento dell’immagine» mentre «l’88 percento ha riscontrato un aumento di soddisfazione da parte dei turisti».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia