Menu
Cerca
Il miglior cuoco del mondo

Bottura francescano oltre l’Osteria Refettori in una favela e nel Bronx

Bottura francescano oltre l’Osteria Refettori in una favela e nel Bronx
Personaggi 15 Giugno 2016 ore 15:00

«Riuscire al giorno d’oggi significa usare l’ingrediente della cultura perché la cultura è conoscenza e la conoscenza apre le coscienze e crea responsabilità». Non è la verità espressa da un filosofo o da un maître à penser, ma è la filosofia che ha fatto di Massimo Bottura il miglior cuoco del mondo, proclamato due giorni fa a New York dalla giuria del World Best Restaurants. Bottura è titolare di un piccolo ristorante nel cuore di Modena. Negli anni 50 era una delle “piole” più popolari: osteria con tavolacci in legno dove si pranzava e beveva con poche lire, ritrovo per gli uomini del sottoproletariato e per donne di dubbia reputazione. Negli anni 80 il locale divenne birreria. Nel 1995 l’osteria venne rilevata da Massimo Bottura che ne mantenne dimensioni “francescane”: 12 tavoli e un arredo molto minimal.

 

hjg

 

Ma quella definizione di “francescano” in qualche modo è entrata nel dna di questo cuoco che poco alla volta ha fatto la scalata di tutte le classifiche del mondo e che dopo aver preso le tre stelle, e dopo aver occupato terza e seconda posizione è salito in cima, conquistando il trono di miglior cuoco del pianeta. Infatti Bottura ha fatto del tema della sostenibilità e del diritto alla buona cucina anche per i poveri un proprio impegno. Lo scorso anno, in occasione di Expo, si era reso promotore di un’iniziativa che ha conquistato l’attenzione e la simpatia di tutti. In zona Greco, periferia nord della città, in un teatro degli anni ’30 in disuso, adiacente alla parrocchia di San Martino, insieme alla Caritas ambrosiana, si è impegnato nell’aprire un refettorio per bisognosi, in cui grandi cuochi si alternavano cucinando i resti raccolti nei tanti locali aperti ad Expo. Un circolo doppiamente virtuoso, in cui da una parte si dimostrava come si può evitare lo spreco e dall’altra si dava cibo di qualità anche ai meno fortunati.

 

165559150-06b49be5-1b63-4139-8b97-ed8c16d41bbb

 

L’iniziativa è stata un grande successo, dal punto di vista del risultato concreto ma anche da quello simbolico. L’idea che una mensa dei poveri potesse avvalersi del contributo di grandi cuochi e che potesse essere progettata parallelamente da designer e artisti famosi, è stata un’idea vincente, che prosegue anche terminato il periodo di Expo.

Sull’onda di quel successo Bottura ha deciso di replicare l’esperienza anche in altri contesti: ha dato appuntamento a Rio 2016 per una nuova edizione della “soup kitchen”. «La formula è sempre quella: utilizzare gli avanzi del cibo e cucinare per i poveri. Non a caso andremo in una favela», ha detto Bottura. Che ha anche annunciato di aver in programma l’apertura di un altro “refettorio” nel Bronx, in collaborazione con il console italiano a New York. Nel frattempo in Italia ha replicato l’esperienza all’Antoniano di Bologna, antica mensa per i poveri cittadina. «Il progetto del Refettorio», sottolinea Massimo Bottura, «è culturale: vuole rendere visibile l’invisibile e trasmettere emozioni con dei prodotti da scartare, combattendo lo spreco. Lo considero un dono di bellezza alle anime fragili».

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli