In Europa il cammino continua

Gasperini raggiante: «Sono felice di aver reso felici questi tifosi unici»

Gasperini raggiante: «Sono felice di aver reso felici questi tifosi unici»
24 Novembre 2017 ore 07:35

Gian Piero Gasperini non può che essere raggiante dopo il prestigiosissimo 5-1 rifilato all’Everton nel mitico stadio di Liverpool che vale la qualificazione al turno successivo di Europa League, visto anche il risultato della partita tra Lione e Apollon.

«Non era così semplice – esordisce il tecnico atalantino – e il risultato si è dilatato solo nel finale». Per lungo tempo il match è rimasto incerto. «Nel primo tempo abbiamo fatto bene fino a un certo punto – ha aggiunto -. Poi abbiamo provato a gestire la partita e questo ci ha creato dei problemi. Abbiamo concesso qualche opportunità all’Everton su nostri errori evidenti e abbiamo perso la ricerca del gol, fattori che in altre gare di campionato abbiamo pagato a caro prezzo. Abbiamo comunque disputato un secondo tempo importante, cercando di chiudere il match e ci siamo riusciti».

 

 

Ma la più grande gioia gli è stata regalata dal pubblico, a Liverpool erano presenti tremila e cinquecento bergamaschi in festa: «Sono molto felice per tutta la felicità che ho visto sugli spalti e nella presidenza. Tanta gente ci ha seguito fin qui e lo ha fatto a Reggio Emilia – elogia il tecnico di Grugliasco -, e la qualificazione è un premio anche per loro. Ora abbiamo la certezza di giocare ancora a febbraio in Europa e cercheremo di prolungare il più a lungo possibile questo cammino. Contro il Lione tenteremo di vincere per arrivare primi, non per questioni di sorteggio, ma per la soddisfazione di voler raggiungere questo primato».

Non mancano elogi a Cristante, autore della prima doppietta di serata. «Bryan è un giocatore in grande evoluzione – commenta l’allenatore dell’Atalanta -. È arrivato l’anno scorso a gennaio e dopo un primo periodo di apprendistato ha finito in crescendo. Ad agosto è partito forte ed è un giocatore che ha delle prospettive notevoli, è già stato convocato in Nazionale e mi auguro che possa raggiungere e valorizzare le sue notevoli qualità».

 

 

Infine non manca una frecciata a tutti coloro che davano per spacciata la sua Atalanta: «Dopo il sorteggio c’era chi ci dava per eliminati quasi a voler dire “cosa ci fanno in Europa squadre come l’Atalanta che poi escono al primo turno”. Ecco, noi invece siamo ancora qui, a febbraio ci saremo ancora e abbiamo contribuito a innalzare il ranking dell’Italia. Poi queste vittorie non devono rimanere fine a se stesse – chiude Gasperini – ma ci devono dare una spinta per il campionato già partendo dal match di lunedì contro il Benevento».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia