Una storia incredibile

Il canadese scomparso 30 anni fa che ora ricorda la sua vera identità

Il canadese scomparso 30 anni fa che ora ricorda la sua vera identità
Personaggi 16 Febbraio 2016 ore 03:00

Edgar Latulip è nato con un’insufficienza mentale che richiede un’assistenza costante. In seguito a un tentativo di suicidio, è stato inserito all’interno di una struttura specializzata nella sua città natale, Kitchener, nell’Ontario, a soli vent’anni. Nel 1986, un anno dopo, Edgar è però sparito senza lasciare tracce. La polizia non è riuscita a ritrovarlo e i familiari hanno temuto fosse morto, assassinato o suicida. La madre di Edgar, Sylvia, si è ammalata – ha avuto un esaurimento nervoso -, ma non ha mai smesso di sperare che il figlio fosse ancora vivo, in qualche città del mondo.

 

 

La ragione della scomparsa. Il giovane scomparso, tuttavia, non si era suicidato, né si era allontanato di sua volontà. Il giorno in cui è sparito nel nulla, Edgar era salito su un autobus diretto alle cascate del Niagara, senza intenzione di uccidersi. Probabilmente voleva solo fare una gita. Purtroppo, però, Edgar è stato colto da un trauma cerebrale che gli ha tolto completamente la memoria. Negli ultimi trent’anni ha così vissuto in una cittadina a 130 chilometri da Kitchener, Saint Catharines, non troppo lontano dalla sua famiglia. Non poteva però rassicurarli e far loro sapere che stava bene, perché non si ricordava nemmeno quale fosse il suo nome.

Il ritorno dall’oblio. Un mese fa, contro ogni previsione, Edgar ha cominciato a ricordare qualcosa. L’uomo, oggi cinquantenne, avrebbe confidato all’assistente sociale che lo segue di avere di nuovo delle memorie del suo passato e di sapere, di nuovo, come si chiama. L’assistente sociale ha così fatto una ricerca online e ha compreso che il suo assistito è la stessa persona che la polizia canadese non è mai riuscita a trovare. I detective sono stati subito contattati e hanno provveduto a eseguire il test del DNA, per essere certi che l’uomo che diceva di chiamarsi Edgar Latulip fosse veramente lui. Le analisi hanno confermato la sua versione: Latulip è riemerso dall’oblio. Duane Gingerich, un investigatore che fece parte della squadra che effettuò le ricerche trent’anni fa, è rimasto molto colpito dalla notizia: «È l’unico caso che io conosca in cui una persona data per scomparsa per così tanto tempo sia stata poi ritrovata. È stato solo di recente che alcuni ricordi hanno cominciato a riaffiorare nella sua mente. È impressionante», ha affermato.

 

 

Una strada difficile. Ora che l’uomo ha riacquistato i ricordi, si sta cercando di organizzare un incontro con la famiglia d’origine, anche se gli specialisti avvertono che i lunghi anni di assenza potrebbero creare delle difficoltà: «Ci piace pensare a riunioni felici, ma nella realtà non tutti i ricongiungimenti sono positivi», ha dichiarato Luisa Dion, che gestisce il sito Ontario’s Missing Adults. Edgar, tuttavia, ha già fatto passi da gigante. Si è finalmente riappropriato della sua identità, è tornato in possesso del suo nome. Per quanto lungo e complesso sarà il cammino che si stende davanti a lui, almeno saprà quali sono le sue origini.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli