La corsa a sindaco

Milano, sponda di centrodestra Chi è Stefano Parisi, cioè l’anti-Sala

Milano, sponda di centrodestra Chi è Stefano Parisi, cioè l’anti-Sala
Personaggi 03 Febbraio 2016 ore 12:30

Milano per il centrodestra è l’ultima spiaggia: al voto del prossimo giugno per l’elezione dei sindaci delle maggiori città italiane, solo il capoluogo lombardo sembra forse raggiungibile. A Roma, Napoli e Torino le chance sono nulle. Per questo la scelta del candidato è diventata questione di vita e di morte. Dopo mesi di tentennamenti il magnete della bussola berluscon-salviniana sembra indirizzarsi decisa verso un personaggio dal profilo abbastanza defilato, ma che in passato ha dimostrato capacità indiscusse come manager pubblico: si tratta di Stefano Parisi, 59 anni, romano, city manager all’epoca della giunta Albertini.

 

stefano-parisi

 

Ma chi è Stefano Parisi? E perché per il centrodestra sarebbe lui l’uomo giusto per diventare l’anti Sala? La sua storia è quella di un manager sempre a ponte tra privato e pubblico. Uomo di grandi capacità decisionali, è un personaggio con competenze nel campo dei nuovi media e delle reti informatiche: infatti da anni ricopre il ruolo di presidente di Confindustria digitale. Il suo nome è legato ad una stagione in cui Milano dopo i durissimi anni ’70 e gli effimeri anni ’80, ha ricominciato a pensare in grande. È sotto la sua guida come city manager che sono state messe le basi per i grandi interventi edilizi, come quelli di Porta Volta o di City life che hanno fatto uscire Milano dal lungo torpore. Ed era stato sempre lui ad avviare il cablaggio della città, attraverso la società pubblica Metroweb. Se oggi il capoluogo lombardo attira tante multinazionali che hanno portato qui i loro quartier generali europei o sud europei, è proprio grazie a questa qualità di infrastrutture anche digitali che garantisce. Dopo l’avventura milanese Parisi ha ricoperto la carica di direttore generale di Confindustria negli anni del berlusconismo trionfante. Dopo di che è tornato alla sua passione, prima come amministratore delegato di Fastweb e poi fondando appunto Chili.

 

Stefano parisi_1267335793

 

Parisi non ha mai nascosto le sue simpatie politiche verso Forza Italia e Berlusconi. Un’appartenenza politica che gli è valsa anche un’attenzione particolare da parte della magistratura: in quanto amministratore delegato di Fastweb era stato indagato a causa di presunti fondi neri. Era il 2007: ci sono voluti sei anni per arrivare al proscioglimento. Ma intanto Parisi aveva deciso di dimettersi per evitare il commissariamento dell’azienda: essendo azienda quotata, il commissariamento avrebbe comportato la probabile chiusura. A indagine finita Parisi si tolse qualche sasssolino con un’intervista a Panorama: «Da una analisi interna vennero fuori nel giro di un mese dati e informazioni che noi trasmettemmo subito alla procura perché sin dall’inizio ci fu chiaro che la truffa veniva ordita, con la complicità di due dirigenti infedeli (ora condannati in primo grado per corruzione, ndr), ai danni di Fastweb. Insomma noi eravamo la vittima di un raggiro che, come hanno certificato i giudici, ha sottratto circa 50 milioni di euro alla nostra società e 300 milioni a Telecom Italia Sparkle».

Ora Parisi torna alla ribalta. Da berlusconiano ha avuto un nulla osta senza riserve da Salvini. Ora deve sciogliere le riserve. Ma le sue speranze sono soprattutto legate a Francesca Balzani. Vincesse lei le primarie, sarebbe una sfida davvero possibile. Vincesse Sala le cose sarebbero più complicate. Lui, city manager di Albertini, contro colui che è stato il city manager di Letizia Moratti. I confini tra destra e sinistra sono decisamente fluidi…

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli