L’uomo Prandelli, scuola Favini

15 Giugno 2014 ore 15:42

Due anni fa, prima di volare all’Europeo, Cesare Prandelli si presentò a Zingonia. Aveva la barba, come ogni tanto decide di portare per vezzo e la sua foto assieme a Mino Favini fece il giro del web e dei giornali. I quali scoprirono quanto importante per l’allenatore della Nazionale, fosse quel signore, allora settantaseienne, ritratto al fianco dell’allenatore dell’Italia.

Perché Favini non è solo il più grande talent scout del calcio italiano, tanto che la prima cosa che fece Percassi fu confermarlo alla guida della miniera d’oro chiamata vivaio.

Favini è prima di tutto un costruttore di uomini e poi di tecnici e di giocatori. Prandelli si è formato alla sua scuola e coltiva la virtù della gratitudine. Tant’è vero che invitò Favini alla finale europea di Kiev e, non succede, ma se succede, è pronto a portarlo a Rio, addì 13 luglio, stadio Maracanà, finale mondiale.

La vittoria di Manaus sull’Inghilterra, in condizioni climatiche spaventose, con una temperatura e un’umidità che avrebbero schiantato un elefante, è stata prima di tutto la vittoria della coerenza di un ct impermeabile alle critiche, inattaccabile dai gufi, resistente alle cassandre e alle prefiche.

Siamo solo all’inizio del cammino, ma è stata un grande impresa battere gli inglesi dopo avere perso Montolivo, De Sciglio, Buffon, con nove debuttanti assoluti in un mondiale, Chiellini terzino, Paletta che ci ha fatto morire e Balotelli, decisivo al momento giusto.

Già, Balotelli.

Prandelli l’ha sempre difeso, sostenuto, rincuorato, coccolato, incoraggiato, contro tutto e contro tutti. Prandelli ha imparato alla scuola di Favini come si educa un giovane calciatore a diventare un grande calciatore, ma prima di tutto, a diventare un uomo. Ecco perché, questo ct è molto atalantino dentro. E Favini ha molti buoni motivi per esserne orgoglioso.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia