D'altri tempi

Il Raid dell'Etna parla bergamasco Vittoria nella gara per auto d'epoca

Il Raid dell'Etna parla bergamasco Vittoria nella gara per auto d'epoca
Personaggi 01 Ottobre 2018 ore 12:00

Dopo un itinerario di oltre mille chilometri, 60 prove competitive, 40 controlli orari e circa 25 ore di guida a bordo di auto d’epoca tra i luoghi più suggestivi della Sicilia, si è conclusa sabato 29 settembre la ventunesima edizione del Raid dell’Etna, manifestazione ideata e organizzata da Giovanni Spina e Stefano Consoli. I ruggiti dei motori di ben 84 equipaggi, dopo aver attraversato l’isola, hanno salutato il pubblico sotto il vulcano, trasformando la città di Catania - davanti agli occhi di curiosi e appassionati - in un palcoscenico dove poter rievocare, ammirare ma soprattutto celebrare una pagina della storia dell’automobilismo.

Ventunesima edizione. «È stata un’edizione che è riuscita a regalare con spirito sportivo tutta la passione e l’emozione che contraddistingue il raid da più di vent’anni - dichiarano gli organizzatori Spina e Consoli – In sette giorni abbiamo respirato insieme ai partecipanti provenienti da ogni parte del mondo, il profumo della nostra isola e l'entusiasmo dei siciliani (e non solo) per i motori. Un ottimo risultato ottenuto su tutti i fronti».

4 foto Sfoglia la gallery

Gli equipaggi, tornati da una settimana di esaltanti giorni di gara anche ad alta quota, sono stati celebrati durante la tradizionale festa di premiazione tenutasi nella cornice di Palazzo Platamone alla presenza dell’assessore all'Ambiente del comune di Catania Fabio Cantarella. Dopo la sfilata in Piazza Università, sorridenti e orgogliosi del traguardo raggiunto sulle loro amate quattro ruote, sono saliti sul podio i primi classificati di questa ventunesima edizione del Raid dell'Etna: i bergamaschi Sergio Mazzoleni e Silvia Gotti con la Porsche 356 Speedster del 1956 (vincitori del "Trofeo Eberhard & Co." e del “Porsche Tribute”); Franco Rossi e Tiziana Rigoletto (“Grand Prix Grandi Navi Veloci”); Dieter Glockner ed Edith Fiermann a bordo della loro Bentley 4 ¼ Le Mans del 1936 (“Condorelli Fidelity”). L’equipaggio che ha percorso più chilometri su strada vincendo il trofeo “Classic Michelin” è stato quello inglese composto da John e Moira Hilbery con ben 2.804 km. di percorrenza per raggiungere la Sicilia.

Altro successo bergamasco. Ad aggiudicarsi la “Coppa delle Dame - Trofeo Eberhard & Co” (la gara di regolarità tutta al femminile) sono state le bergamasche Maria Marchesi e Silvia Gotti; mentre “La Coppa Gentlemen Driver Perofil” è stata vinta da Massimo Mocchetti e Pasquale Litterio. Assegnata anche la “Coppa Lady Driver Oroblù” a Maria Vittoria Bellomi ed Edith Fiermann