informatica e domotica

RuneLab, start up di Seriate Un ufficio grande come il mondo

RuneLab, start up di Seriate Un ufficio grande come il mondo
Personaggi 24 Agosto 2018 ore 05:00

Hanno dimora a Seriate, ma l’innovazione che si impegnano a diffondere non si lascia scoraggiare da alcun confine. Perché il primo mattoncino di RuneLab, neonata azienda informatica «sempre tesa al futuro», è stato poggiato da giovani che di confini non vogliono sentir parlare. E ci tengono a ribadirlo.

L’esperienza internazionale. «Prima di lanciarci in questa avventura abbiamo raccolto esperienze nel settore della programmazione in California, in Germania, in Austria – racconta Paolo Massenzana (35), amministratore delegato e fondatore del progetto insieme agli amici Manuel Minuti (33) e Paolo Cremascoli (30) –. Lì abbiamo avuto modo di assorbire uno stile di lavoro più flessibile, slegato dalla costante presenza in ufficio. Quando ci siamo messi in testa di far partire da zero una realtà nel campo dell’informatica e della domotica abbiamo voluto ispirarci a quel modello. Ecco perché abbiamo collaboratori potenziali in ogni punto del globo, ed ecco perché chi lavora con noi quotidianamente, arriva ed esce dal nostro ufficio quando preferisce».

I servizi per le aziende. L’ufficio a cui si fa riferimento, per la cronaca, è un luminoso spazio che si estende per diversi metri quadrati, senza alcuna porta o muro divisorio; ma su cui piuttosto prendono la scena ampie scrivanie di legno massiccio (con vasetti di caramelle annessi) e anche un tavolo da ping-pong, di cui si usufruisce quando «c’è bisogno di prendere una pausa», ci tiene a specificare Paolo. Ed è lì, in quella specie di salotto di casa allargato, che la squadra riunita sotto il segno di RuneLab si modella sulle necessità informatiche presentate da altre aziende. La startup con sede a Seriate si trasforma così in un punto di riferimento a cui rivolgersi quando si ha a che fare con questioni che vanno dalla domotica all’innovazione, dall’effi cie nta mento energetico al telecontrollo. Ma non solo. «Qui ci occupiamo anche di risolvere esigenze informatiche di qualsiasi tipo, o di creare un gestionale che sia cucito sulle esigenze specifiche d e l l’azienda. Siamo anche “acceleratori di startup”. Significa che le imprese possono chiamarci perché sentono di aver avuto una bella idea ma non hanno le conoscenze tecnologiche per realizzarla. Ecco che in quel caso subentriamo noi».

 

Runelab, we are the future!

Siamo una start-up innovativa specializzata nell’industria 4.0, IOT e integratore di sistemi.
Questo è un assaggio di ciò che possiamo fare per te.

We are the future!

www.runelab.it

Pubblicato da RuneLab su Sabato 12 maggio 2018

 

L’inizio. Con un così alto tasso di tecnologia nel progetto che perseguono, non ci sarà da stupirsi nello scoprire che è stato proprio attraverso lo schermo di un pc che i soci si sono conosciuti: «Siamo diventati amici giocando online a League of Legends. Tra una partita e l’altra abbiamo scoperto di essere programmatori, e così sono iniziate le prime collaborazioni insieme: facevamo siti web, app per telefoni. Ci siamo trovati bene, abbiamo cominciato a lavorare per aziende più grosse, tra cui Kilometro Rosso. Ma sono passati due anni prima che ci si incontrasse di persona». Forti della sintonia costruita in tante battaglie intraprese contro i mostri di League of Legends, i tre hanno deciso di dar vita a un’impresa avulsa da vecchi stereotipi.

Una squadra mondiale. Alla RuneLab, infatti, gli orari di lavoro li decide il dipendente, e i collaboratori possono essere stanziati tanto in Nuova Zelanda quanto a Berlino: «Questa formula in moltissime nazioni è data per assodata. Ma in Italia è ancora forte il bisogno di dover controllare il dipendente in tutte le fasi del lavoro. Invece è una logica controproducente. Senza una pressione costante chiunque lavora meglio. Mi piacerebbe sapere che chi lavora con noi ha la sensazione di essere in una grande famiglia». Certo, formare una squadra disposta a gestire tanta libertà non è stato immediato. Ma ora alla RuneLab sono in dodici, e quando si è stanchi di stare su un progetto, si va tutti insieme a fare un aperitivo. Magari con il pc sottomano per appuntarsi l’ispirazione del momento, garantita da ogni spritz che si rispetti.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità