Politica
La grande opera

Bergamo-Treviglio, Prevedini in Provincia rilancia il progetto: «Bisogna farla»

Insediato martedì il Consiglio provinciale di Bergamo, deleghe per l’ex sindaco di Caravaggio Giuseppe Prevedini

Bergamo-Treviglio, Prevedini in Provincia rilancia il progetto: «Bisogna farla»
Politica 17 Gennaio 2022 ore 10:20

Si è insediato martedì il Consiglio provinciale di Bergamo eletto lo scorso 18 dicembre, e l’ex sindaco di Caravaggio Giuseppe Prevedini  ha ottenuto una delle deleghe più importanti: quella a Infrastrutture e Grandi opere. Tra i primi punti della lista degli obiettivi, torna a inserire uno dei suoi cavalli di battaglia: l'autostrada Treviglio-Bergamo.

Sconfitto a Caravaggio, torna in Provincia

È soddisfatto, il leghista, che rappresenta Caravaggio in provincia. Dopo la bruciante sconfitta alle ultime elezioni comunali, è tornato in via Tasso, dove era già stato consigliere dal 2009 al 2014, e si è portato a casa una delega che pesa.

Come è stato tornare in via Tasso?

"Positivo. L’ambiente è comunque un po’ cambiato e la pandemia in corso non ha permesso la presenza del pubblico, quindi l’impatto è stato un po’ più freddo. Sarà un’esperienza nuova perché il presidente ha voluto un patto allargato tra Lega, Forza Italia e Pd. Speriamo che a livello pratico sia positivo, e sono sicuro che lo sarà, ma che soprattutto possa portare grossi vantaggi ai cittadini bergamaschi".

Questa delega era attesa?

"Conosco bene il presidente e so che ci stimiamo reciprocamente per cui, pur non dando nulla per scontato, sapevo che avrei potuto aspirare a una delega importante. Quella che mi è stata riservata è veramente di rilievo".

Cosa auspica per questo mandato?

"Spero di lavorare serenamente, in collaborazione con tutti i consiglieri delegati. Come ho detto in Aula, lo scambio di idee e opinioni e il lavoro di gruppo sono utili al raggiungimento degli obiettivi: si evita così che qualcuno non veda o non senta qualcosa o non sia presente".

Tra le opere da realizzare la più discussa è l’autostrada Treviglio-Bergamo, lei cosa ne pensa?

"Sono diverse quelle in programma e l’obiettivo è di appaltarle e realizzarle, le chiacchiere non servono a nessuno. Sicuramente le risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) ci daranno una mano e penso che potremo fare un buon lavoro di squadra. Penso alla Variante di Verdello, ad alcune rotatorie, al collegamento ferroviario Bergamo-Orio al Serio. Quanto alla Treviglio-Bergamo sono dieci anni che è “parcheggiata”, è ora che prenda forma con la condivisione di tutti gli interessati ma non è detto che sarà un’autostrada. Potrebbe essere una superstrada, una tangenziale: la Bassa è penalizzata dal punto vista viabilistico e quello che conta è dar vita a un collegamento con il capoluogo, che un domani potrebbe proseguire verso Lodi. Ci sono tante soluzioni che si possono mettere sul piatto".

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola oppure QUI

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter