Furbetti bonus, Guerra : Gesto grave da parlamentari e consiglieri regionali, ma incapacità distinguo porta a svalutazione impegno di amministratori l

Furbetti bonus, Guerra : Gesto grave da parlamentari e consiglieri regionali, ma incapacità distinguo porta a svalutazione impegno di amministratori l
13 Agosto 2020 ore 09:35

Il Presidente intervistato nella trasmissione Prisma di Radio Popolare

“Non avere la sensibilità e non rendersi conto della gravità di richiedere un sussidio trovandosi in una situazione reddituale più che tranquilla, specie nel difficile momento storico che stiamo vivendo, credo sia politicamente, eticamente e moralmente molto grave”.

Così il Presidente di Anci Lombardia Mauro Guerra ha commentato, intervistato nella trasmissione Prisma di Radio Popolare, la notizia in merito alla richiesta da parte di parlamentari e consiglieri regionali del bonus di 600 euro previsto dal decreto Cura Italia, erogato dall’INPS su domanda, rivolto ai liberi professionisti titolari di partita IVA.

“Poi si è parlato genericamente di 2000 amministratori e politici locali, che avrebbero richiesto il bonus. L’incapacità di distinguere che sta caratterizzando l’approccio di molti a questa triste vicenda non credo faccia bene alla condizione democratica complessiva del nostro Paese.

E’ inaccettabile coinvolgere nel medesimo calderone e sollecitare ed esporre al medesimo giudizio consiglieri comunali che percepiscono solo un gettone di presenza di 18 euro a seduta per un numero di sedute che vanno da 6 a 10 all’anno. O Consiglieri anche di Comuni di maggiori dimensioni che ricevono gettoni di qualche decina di euro, così come sindaci e assessori di piccoli e piccolissimi Comuni, l’80% di quelli italiani, con indennità che sono inferiori anche ad un effettivo rimborso spese e che certo non possono “vivere di politica”.

Ovviamente diverso il discorso per i parlamentari. Credo che mettere sullo stesso piano condizioni così diverse e mettere tutto dentro il generico contenitore della casta e “dei politici” sia pericolosoper la democrazia e anche offensivo per i tanti amministratori che non vivono di politica, ma che sono ugualmente in prima linea ogni giorno e hanno continuato ad esserlo durante l’emergenza dando un contributo determinante alle loro comunità. Per questo è necessario raccontare anche una storia diversa. La lotta e l’indignazione contro una generica casta di “politici e amministratori” senza distinguo, sminuisce le gravi responsabilità individuali di alcuni e produce come esito purtroppo quello di considerare tutti coloro che sono impegnati nella cosa pubblica, quantomeno come sospetti di agire invece solo sulla base dei propri interessi personali. Un ragionamento che porta alla svalutazione della partecipazione, della rappresentanza democratica, dell’impegno pubblico per il bene comune”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia