Emergenza Covid-19

Tamponi rapidi solo nel pubblico: stop dalla Regione in cliniche e ambulatori privati

Rimarranno per ora una prerogativa delle strutture pubbliche.

Tamponi rapidi solo nel pubblico: stop dalla Regione in cliniche e ambulatori privati
26 Ottobre 2020 ore 17:40

Un film già visto in fase 1 coi test sierologici: anche i tamponi rapidi appena arrivati sul mercato sono stati fermati dalla Regione. Ma solo per le cliniche private.

Tamponi rapidi privati, stop dalla Regione

Da Prima Saronno

“Forse Regione vuole garantirsene l’esclusività”.

E’ l’unica spiegazione che è riuscito sinora a darsi Luca Foresti, direttore del Centro Medico Sant’Agostino di Milano, commentando o stop deciso da Regione Lombardia ai tamponi rapidi erogati dalle cliniche e ambulatori privati.

Uno stop arrivato a meno di una settimana dall’avvio della sperimentazione in scuole e Pronto Soccorso e che riporta subito alla primavera e alla Fase 1, quando Regione vietò alle cliniche private di effettuare i test sierologici instaurando un monopolio pubblico con la DiaSorin; decisione, questa, poi annullata dopo le forti proteste con la regolamentazione dell’erogazione e del prezzo.

I tamponi rapidi: un’arma importante contro il Covid

Eppure, come spiegato in occasione dell’avvio della sperimentazione, il tampone rapido può essere cruciale nel contrasto dell’epidemia. Fornendo un risultato in 15 minuti, permetterebbe di riconoscere subito i positivi ed avviarli, come avviene in alcune Regioni e nella sperimentazione, al tampone “classico”. Lasciando così liberi dall’isolamento i negativi.

Fino alla decisione della Regione, arrivata nei giorni scorsi, il prezzo per il tampone rapido era di 30 euro fa sapere Foresti:

“Adesso Milano si trova senza questa opportunità e non capiamo come le Regioni, invece di chiedere aiuto ai privati, preferiscano bloccare attività come queste“.

Una decisione che lascia fermi nel solo magazzino del Sant’Agostino 10mila test antigenici rapidi.

Astuti: “Autorizzare e regolamentare subito”

E come nello stop sui sierologici in Fase 1, il consigliere Pd Samuele Astuti chiede un’immediata marcia indietro dalla Regione col via libera ai tamponi rapidi per cliniche, ambulatori e centri medici privati. Marcia indietro che si traduce in una regolarizzazione esattamente come avvenuto ad aprile:

“Chiediamo alla Regione – sottolinea Astuti –  di avocare a se la governance del sistema, regolare l’erogazione  dei tamponi rapidi, fissare  un prezzo di riferimento e l’obbligo per la struttura che li esegue di fare in caso di positività anche il test molecolare. Questo  servirebbe a monitorare il territorio, fattore indispensabile al contenimento dell’epidemia. Ora è più che mai necessario diagnosticare i positivi il più in fretta possibile. Ognuno  deve conoscere il proprio stato di salute e responsabilmente, anche se asintomatico, isolarsi  per evitare il propagarsi del virus”.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia