Menu
Cerca
il progetto

Nasce la “Brigata Ermanno Olmi”, sette film per supportare l’iniziativa Superbergamo

Oltre 20 tra registe e registi locali supportano l’attività di volontariato del Circolo Maite realizzata con Ink Club, Barrio, Club Ricreativo di Pignolo, UpperLab, csa Pacì Paciana, Arci Bergamo, La Popolare Ciclistica e il Comune di Bergamo

Spettacolo Bergamo, 11 Aprile 2020 ore 11:15

Un catalogo di film, ognuno diverso dall’altro per temi, visione e durata, ma tutti che hanno in comune il racconto della realtà.

Nasce la “Brigata Ermanno Olmi”, dedicata all’indimenticato autore bergamasco: un progetto che riunisce oltre 20 tra registe e registi locali che hanno deciso di supportare Superbergamo, l’attività di volontariato del Circolo Maite realizzata con il supporto di Ink Club, Barrio, Club Ricreativo di Pignolo, UpperLab, csa Pacì Paciana, Arci Bergamo, La Popolare Ciclistica e con il sostegno del Comune di Bergamo.

Il primo pacchetto di lancio è composto da 7 film e sarà disponibile in streaming da lunedì 13 aprile su http://bgolmi.it al prezzo scontato di 10 euro anziché 12 euro. Nei prossimi giorni il catalogo sarà implementato con ulteriori titoli che sarà possibile visionare in nuovi pacchetti o attraverso la visione singola: una volta acquistati i film, sarà possibile vederli senza limiti, semplicemente accedendo al sito.

La piattaforma Teyuto, su cui è ospitato il sito, ha scelto di devolvere gratuitamente il proprio servizio al progetto e l’intero ricavato (tolti i costi di commissione dei pagamenti) saranno devoluti al progetto Superbergamo.

4 foto Sfoglia la gallery

Ad oggi, hanno aderito all’iniziativa: Mattia Colombo, Andrea Cremaschi, Chiara Cremaschi, Adriana Ferrarese, Francesco Ferri, Luca Ferri, Livio Fornoni, Davide Lantieri, Sandra Lebbolo, Alessandra Locatelli, Sara Luraschi, Chiara Morcelli, Mark Olexa, Silvia Poeta Paccati, Claudia Anita Radaelli, Andrea Rovelli, Francesca Scalisi, Stefano Testa, Claudia Vavassori, Andrea Zambelli

Le registe e i registi interessati, possono contribuire con i propri film scrivendo a docs@maite.it

Ecco l’elenco dei primi 7 titoli della “Brigata Ermanno Olmi”:

  • Level 305 di Adriana Ferraresi (2015, 12′): Giganteschi ragni metallici, bisonti a quattro ruote e serpenti meccanici non-animali di Level 305 sono ciò che anima la profondità di una cava di calce, nella quale la presenza dell’uomo non è più contemplata se non nell’astratta consapevolezza della creazione di una nuova fauna.
  • Moriom di Francesca Scalisi e Mark Olexa (2017, 11′): Bangladesh, estate 2014. Moriom, una giovane donna bella ma strana, dice che i suoi genitori devono essere puniti per averla trattenuta prigioniera e averla torturata. Loro hanno una storia diversa.
  • Senza di voi – Ceci n’est pas une fuite di Chiara Cremaschi (2015, 52′): Chiara chiede ai suoi cugini, Davide e Manuel, di aiutarla a traslocare. Ha deciso di partire, di lasciare l’Italia. Il loro viaggio diventa lo spunto per l’autobiografia di una generazione nata negli anni 70, che ha visto crollare i suoi sogni a Genova nel 2001, durante il G8.
  • Survivors – I sopravvissuti di Livio Fornoni (2017, 6’15”): Musical post-apocalittico ambientato in un villaggio di sopravvissuti.
  • 3 aprile 2002 – Deheishe refugees Camp di Andrea Zambelli (2002, 24’): Documentario girato il 2 e 3 aprile 2002 nel campo profughi a Deheishe, in Palestina, nell’attesa dell’occupazione dei carri armati israeliani. Il regista si lascia guidare da Ghassan, ragazzo palestinese di quindici anni, all’interno del campo.
  • Una società di servizi di Luca Ferri (2015, 30’): In un gigantesco spazio coperto si sviluppano reti di servizi ed attività umane. Flussi di persone scorrono in una dimensione architettonica asettica come le relazioni dei suoi passanti che si muovono sulle note di musiche ambientali ripetitive e sedanti.
  • Un popolo in pieno sole di Claudia Vavassori (2018, 59′): Nguith, un piccolo villaggio nel Dipartimento di Linguère dove l’emigrazione è diventata una strategia comunitaria di sopravvivenza. Qui nasce il progetto di Arcs, Souff – Terra che contribuisce alla creazione di un modello di agrosistema creando le basi per un concreto cambiamento; contrastare l’emergenza alimentare e offrire opportunità di lavoro.

Superbergamo è un progetto di supporto pratico e volontario alla città e alla provincia di Bergamo in questo periodo di emergenza, attivo dal 27 febbraio 2020 e senza scopo di lucro. Grazie alla risposta di molte volontarie e volontari (oltre 110, che quotidianamente aumentano), è stata creata una rete solidale di consegne a domicilio di beni di prima necessità, soprattutto cibo e medicinali, destinati a persone impossibilitate ad uscire perché anziane o in condizione di fragilità. Con il passare del tempo il progetto si è articolato in diversi servizi, che vanno aumentando con il progredire della situazione emergenziale. Si può contribuire e sostenere le attività di Superbergamo anche tramite:

IBAN: IT53O0306909606100000159960 (causale: donazione covid19)

Satispay: tag.satispay.com/maite

Paypal: www.paypal.me/MaiteBergamo

Tutte le info su Facebook.