Eventi
Il 30 novembre

"Belle storie di belle donne", serata sull'emancipazione femminile a Castelli Calepio

L'evento si terrà dalle 20.30 alle 23.30 all'auditorium comunale, ospiti varie donne per dire no alla violenza di genere

"Belle storie di belle donne", serata sull'emancipazione femminile a Castelli Calepio
Eventi Pubblicazione:

In occasione dell’annuale ricorrenza della giornata contro la violenza sulle donne, l’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Castelli Calepio organizza ogni anno una serata evento dedicata: quest'anno si terrà il 30 novembre, dalle 20.30 alle 23.30, e sarà intitolata Belle storie di belle donne: combattere la violenza con l’emancipazione. Il luogo scelto è l'auditorium comunale, in via Marconi.

Una serata sull'emancipazione

«Abbiamo scelto di sottolineare la capacità delle donne di ottenere posizioni e ruoli di successo nei vari campi: arte, musica, moda, sostenibilità, cucina creativa e danza - spiega l'assessore alle Politiche sociali, Elena Pagani -. Sono storie di donne che hanno scelto di condividere la loro esperienza, la loro riuscita, conseguita attraverso determinazione e sacrificio. Unite si vince».

All'evento parteciperanno Beatrice Pedrali, co-founder Sisterly, Marta Testa, artista e insegnante di sostegno, Klelia Cili, violinista e docente di musica, Ilaria Perletti, cantante, musicoterapista e insegnante di canto, Giulia Vicini e Giulia Zanni, pizzaiole creative della pizzeria GiulyPizza a Castelli Calepio, Elisa Zandonini, ballerina educatrice. A fare da moderatrice, ci sarà la stessa Pagani: «Si tratterà di una serata interattiva, con intermezzi musicali e canori, nel quale dire no alla violenza con l’arma dell’emancipazione».

Evento gratuito con prenotazione

L'evento, con il supporto organizzativo della Cooperativa Paese e del Centro Anziani Tagliuno, è gratuito e seguirà un rinfresco a cura dell’Atelier “Il Melograno”, laboratorio gastronomico inclusivo de Il club Palazzolo-Associazione di promozione sociale. La prenotazione è obbligatoria e da effettuare a questo link.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali