Fino al 3 settembre

Musica di fine estate a Trescore Torna il frizzante Bum Bum Festival

Musica di fine estate a Trescore Torna il frizzante Bum Bum Festival
Eventi 25 Agosto 2017 ore 09:00

La fine del mese di agosto corrisponde spesso alla conclusione della stagione estiva, al termine delle ferie e al conseguente rientro sul luogo di lavoro. In bergamasca però, oltre a questi luoghi comuni, gli ultimi giorni di agosto sono di attesa per il tradizionale Bum Bum Festival, kermesse musicale a ingresso gratuito organizzata a Trescore Balneario in concomitanza con la Festa della Birra e della Musica, che ogni sera chiama migliaia di persone nel capoluogo della Val Cavallina. E la venticinquesima edizione, che prenderà il via giovedì 24 agosto e si concluderà domenica 3 settembre, sarà per l'ennesima volta di tutto rispetto.

Anche se i budget a disposizione degli organizzatori non sono quelli del periodo d'oro - sul palco del Bum Bum Festival hanno suonato artisti del calibro di Negrita, Negramaro, Piero Pelù, Subsonica, Elio e le Storie Tese, J Ax e Caparezza (solo per fare qualche nome) - la festa della birra più importante della bergamasca, che si svolgerà ancora una volta al Parco Le Stanze, è riuscita stilare un programma di alto livello che ha come nome di punta Francesco Gabbani, vincitore dell'ultimo Festival di Sanremo con Occidentali's Karma e autore del tormentone estivo Estate, che si esibirà sabato 26 agosto.

 

 

Buona birra e buon cibo. Oltre ad offrire una vasta gamma di birre (alcune esclusive dalla Baviera), alla Festa della Birra si può mangiare qualsiasi tipo di prelibatezza: dalla cucina tipica, alla griglieria, all'hamburgheria (anche con Chianina), alla pizzeria (con forni a legna), alla Casa dei Brezel fino a gustosissimi dolci e gelato naturale. Inoltre è presente anche un'area denominata Sir Vito, ossia un ristorante immerso in un'atmosfera di festa in cui si può cenare comodamente serviti al tavolo da ragazze e ragazzi in tipici abiti bavaresi pagando un piccolo sovrapprezzo a persona. Doveroso inoltre ricordare che il tutto è organizzato da volontari (circa 200) del gruppo dell'Oratorio di Trescore Balneario, e che l'intero utile della manifestazione viene devoluto ad iniziative benefiche di vario genere in Italia e nel Mondo.

Il basket. Oltre a birra e musica non può mancare nemmeno lo sport. E domenica 3 settembre sarà il giorno del Belì day, una otto ore di basket (organizzata dall'Aurora Pallacanestro Trescore 1962 e dall'ASF Trescore pallacanestro femminile) in ricordo di Manuel Bellini, uno dei creatori di questa kermesse musicale. L'inizio del torneo è previsto alle 10 e si concluderà alle 18 (per informazioni e iscrizioni inviare mail a beli-day@virgilio.it entro il 1 settembre).

 

 

Il programma

  • Giovedì 24 agosto. Il Bum Bum Festival inizia con il botto aprendo la kermesse con la Bandabardò, band con alle spalle 24 anni storia (nata l'8 marzo 1993) e che in passato ha già calcato il palco di Trescore Balneario.
  • Venerdì 25 agosto. La seconda serata è dedicata alla musica dance e sul palco salirà il famoso dj Molella che raggiunge il massimo successo negli anni Novanta e Duemila soprattutto grazie all'emittente radiofonica Radio Deejay. Nella propria carriera Molella collabora con molti colleghi dando vita a progetti minori che non raggiungeranno mai il successo ottenuto da Discotek people e Love lasts forever.
  • Sabato 26 agosto. Gli amanti della musica non potranno perdersi il piatto forte previsto per sabato, ossia Francesco Gabbani. Prima la vittoria nelle Nuove Proposte sanremesi con Amen, poi il bis nella sezione big con Occidentali's Karma e il successo europeo culminato con il sesto posto all'Eurovision. Per Gabbani - che si definisce un cantautore che fa parte degli artisti che hanno fatto la gavetta, ossia che non sono passati attraverso qualche talent - si tratta di un ritorno a Trescore essendosi già esibito nel settembre 2016 in occasione della festa dell'Uva.

 

 

  • Domenica 27 agosto. Il giorno festivo è dedicato alla musica strumentale con i Dardust, progetto italiano che unisce il mondo pianistico minimalista all'immaginario elettronico del Nord Europa. Dardust (Dario Faini) è un progetto multidimensionale nato con lo scopo di unire l’emozione della musica classica con l'influenza dell'elettronica nordeuropea, in una cornice live di sorprendenti effetti visivi. Ma non solo, perché sul palco ci sarà anche Birth, alias Alice Bisi, un personaggio che si definisce una giovane regina che non torva pace.
  • Lunedì 28 agosto. Il lunedì è il giorno del grande folk con il ritorno dei Modena City Ramblers. Dopo quattro anni la nota band è tornata con un cd di inediti nel marzo scorso e lo sta portando in giro per il mondo. Un lavoro eseguito quasi completamente da soli, eccezion fatta una collaborazione con la band americana Calexico nella ballata Ghost Town.
  • Martedì 29 agosto. Il martedì torna in campo la comicità, con l'ironia di Ruggero de I Timidi, definito dagli addetti ai lavori un incrocio fra Elio e Mal dei Primitivs. Crooner impacciato, regala musiche nostalgiche con il denominatore comune della comicità e della satira. Dopo Timidamente io, Notte romantica, Padre e Figlio, Ruggero si è lanciato in un improbabile tormentone estivo chiamato l'Estate del reggaeton.

 

 

  • Mercoledì 30 agosto. Il mercoledì invece vede un altro grande ritorno sul palco del Bum Bum Festival. Si tratta dei Punkreas, storica band milanese nata a cavallo degli anni ottanta-novanta che 25 anni fa lanciava il primo album chiamato United Rumor of Punkreas e che oggi invece continua a promuovere l'ultimo progetto denominato Il lato ruvido.
  • Giovedì 31 agosto. Il giovedì è la volta degli Ex-Otago, band acustica genovese composta da Maurizio Carucci, Alberto “Pernazza” Argentesi e Simone Bertuccini che in tre mesi toccherà la bellezza di cinquanta località.
  • Venerdì 1 settembre. Per non farsi mancare nulla, al Bum Bum Festival ci sarà anche il rap. Sul palco si esibiranno Samuel Heron, rapper ligure che da circa un anno produce singoli con Pankees, e Mudimbi, artista italo-congolese nato e cresciuto a San Benedetto del Tronto che nel 2017 ha lanciato il suo primo album ufficiale (Michel).
  • Sabato 2 settembre. Il secondo sabato della Festa della Birra è segnato da un altro grande ritorno, quello di Holi-Il festival dei colori, il format più colorato d'Europa che si ispira alla tradizione indiana. Si balla e ci si colora a ritmo di musica.
  • Domenica 3 settembre. Il gran finale invece è riservato agli Arpioni, gruppo che coinvolgerà il pubblico con un po' di Ska.