Notizie su Bergamo e provincia

Notizie su Bergamo e provincia (25-30 maggio)

Notizie su Bergamo e provincia (25-30 maggio)
Eventi 28 Maggio 2015 ore 09:25

30 MAGGIO

 

1 - Domenica si corre il Bergamo Historic Grand Prix: traffico chiuso sulle Mura di Città Alta

Domenica 31 maggio, sulle Mura di Città Alta, si terrà la decima edizione del Bergamo Historic Grand Prix, che andrà in scena tra le 8.15 e le 12 e nel pomeriggio, tra le 14 e le 16.30. Per l'occasione il viale delle Mura e largo Colle Aperto saranno chiusi al traffico. Per questo, durante tutto l'arco della manifestazione, le corse dei pullman Atb, precisamente delle linee 1 e 3, saranno limitate alla Stazione Inferiore Funicolare.

2 - Nuovo colpo in un'azienda che produce macchinari per il gelato: bottino da oltre 50mila euro alla Gel Matic di Grassobbio

Per tanti, oramai, non è altro che la banda del gelato. Nella sera di giovedì 28 maggio, a Grassobbio, 8 uomini incappucciati hanno portato via ben 4 macchinari (per un bottino da oltre 50mila euro) dalla Gel Matic Italia s.r.l. di via Zanica a Grassobbio. I furfanti si sono presentati al cancello della ditta con un furgone e, dopo aver divelto il cancello, sono entrati in azione. Subito è scattato l’allarme e le forze del'ordine hanno raggiunto il posto in una manciata di minuti. Ma i malviventi hanno agito in nemmeno due minuti. Questo è il quarto colpo in aziende specializzate nei macchina per la produzione di gelato in poco più di un mese: il 29 marzo venne ripulita la Frigogelo di Azzano, ma prima ancora era stato compiuto un furto alla Ice Berg di via Pandini a Bergamo e alla Servigel di Gorle.

3 - Furto di rame all'impianto di biogas della società Caraverde Energia di Caravaggio: 200mila euro di danni

Nella notte tra il 28 e il 29 maggio, a Caravaggio, dei malviventi sono subentrati nell'impianto di biogas della società Caraverde Energia e hanno rubato una gran quantità di cavi di rame. Nella mattina di venerdì 29, le forze dell'ordine hanno rinvenuto, su un furgone quei cavi, diventati però inutilizzabili perché già tagliati per essere poi venduti. E così l'impianto della Caraverde Energia sarà costretta a un fermo macchina di ben un mese, oltre che a rimediare ai circa 200mila euro di danni subito per colpa del furto. Quello in questione è un grande impianto consortile dove, attraverso tubi, nove allevatori fra Caravaggio, Mozzanica e Sergnano (Cremona) conferiscono i loro liquami, prodotti dai rispettivi allevamenti, per essere trattati. L’attività è stata bloccata: i ladri hanno rubato cavi elettrici di rame, per un totale di 8,5 tonnellate.

4 - Il Consiglio di Ciserano approva il piano di recupero di Zingonia

Venerdì 29 maggio, il Consiglio di Ciserano ha approvato quello che molti hanno rinominato il piano di recupero di Zingonia, più precisamente il piano attuativo che definisce cosa potrà essere realizzato al posto dei sei condomini Anna e Athena in corso Europa, a Zingonia. Palazzoni di cui è prevista la demolizione. Al posto di questi si realizzeranno due complessi di tre piani fuori terra ciascuno, con un’altezza massima di 15,5 metri, e in cui non si potranno ricavare abitazioni ma solo spazi commerciali o di servizio per un massimo di 20mila metri quadrati. Lo scopo dell'iniziativa è quello di riqualificare la zona più degradata del quartiere. Non è un caso che nell’accordo di programma stipulato tra i cinque Comuni, Provincia, Regione e Aler non si è vista altra soluzione che radere i palazzoni al suolo.

5 - Valeria Marini interrogata in procura nell'ambito del caso dell'ex questore Finolli

Nella mattina di venerdì 29 maggio, presso la Procura di Bergamo, la showgirl Valeria Marini è stata convocata, con la madre Gianna Orrù, per rilasciare delle dichiarazioni nell'ambito dell’inchiesta che ha portato alle dimissioni dell’ex questore di Bergamo Fortunato Finolli e che coinvolge l'ex marito della Marini,l’imprenditore Giovanni Cottone. La showgirl è stata ascoltata come persona informata sui fatti. Secondo quanto ricostruito dai pm Maria Cristina Rota e Fabio Pelosi, il questore Finolli aveva partecipato a un pranzo con il direttore dell’Inps di Bergamo, Angelo D’Ambrosio, e con l’amico di vecchia data Cottone, procacciatore d’affari della Maxwork. La società di intermediazione di lavoro con sede legale a Bergamo chiedeva all’istituto previdenziale una dilazione (la quinta in cinque anni) dei versamenti contributivi. L'accusa a Finolli è di istigazione alla corruzione e peculato. La Marini è stata interrogata dal pm Maria Cristina Rota per riferire dei suoi rapporti con Cottone e dei contatti a lei noti tra l’ex marito e l’ex questore di Bergamo.

6 - Da lunedì 1 giugno riaprono gli spazi estivi di Bergamo

È prevista per lunedì 1 giugno la riapertura dei dehors estivi di Bergamo, che quest'anno saranno ben 5 in 5 diversi punti della città. Inizialmente Palazzo Frizzoni ne aveva previsti 6, ma solo 5 sono stati assegnati con regolare bando. L'unico a rimanere fuori dal programma è il piazzale degli Alpini, per il quale non è stata avanzata alcuna candidatura entro i termini stabiliti. I dehors più ambiti, quelli di Città Alta, sono andati, rispettivamente, alla Comunità delle Botteghe di Città Alta (spalti di Sant'Agostino), alla Cocolele Srl (spalti di San Giacomo) e alla Food & Beverage di Crafa Emiliano & C. (spalti di San Michele). Per quanto riguarda Parco Goisis, invece, il progetto vincente è stato quello della Cooperativa Sociale Alchimia. Una proposta interessante che ha deciso di puntare sul divertimento "controllato": non verranno venduti alcolici. Infine c'è Piazza Dante, spazio che verrà gestito dal Caffè Falconi e da La Marianna.

7 - Allarme bocconi avvelenati a Carobbio: tre cani ne hanno ingeriti alcuni

A Carobbio degli Angeli è scattato l'allarme: venerdì 29 maggio, tre cani hanno ingerito bocconi avvelenati e hanno dovuto ricorrere alle cure del veterinario. Uno di questi è anche in gravi condizioni. L'avviso è arrivato dalla onlus Guardie Ambientali Bergamo. L'annuncio su Facebook: «Sono stati gettati dei bocconi avvelenati in un giardino privato e 3 cani li hanno mangiati, ora sono in cura dal veterinario! I cani sono del nostro coordinatore delle Guardie zoofile. Riki e Kira fortunatamente sono fuori pericolo mentre Bull è ancora ricoverato dal veterinario in gravi condizioni. Vi chiediamo di prestare la massima attenzione».

8 - Alle 17, in Duomo, Francesco Beschi conferirà l’ordinazione sacerdotale a cinque diaconi del nostro Seminario

Alle 17 di sabato 30 maggio, il vescovo Francesco Beschi conferirà l’ordinazione sacerdotale a cinque diaconi del nostro Seminario durante una solenne celebrazione nel Duomo di Bergamo, che verrà trasmessa in diretta su Bergamo TV. I futuri sacerdoti sono don Fabio Fugini, 28 anni, di Gazzaniga; don Marco Giganti, 27 anni, di Rova di Endine Gaiano; don Alessandro Previtali, 25 anni, di Suisio; don Mauro Riva, 25 anni, di Spirano; don Stefano Siquilberti, 25 anni, di Nembro. Poi, domenica 31 maggio, ci sarà la loro prima Messa nelle rispettive comunità.

 

29 MAGGIO

 

1 - Blitz della polizia sulla Teem, fermati due trafficanti di stupefacenti

Nella serata di giovedì 28 maggio, la polizia di Treviglio ha fermato due persone che trasportavano 12 panetti di hashish. Provenienti da Piacenza, si recavano a Treviglio per rifornirsi di droga sfruttando la "neonata" Teem. Ed è proprio al casello di Treviglio che la polizia ha fermato, in via Col di Lana, una Nissan Micra verde che poco prima aveva caricato una borsa della spesa. L’auto ha tentato la fuga in via Cavallotti e i due a bordo hanno gettato dal finestrino la stessa borsa prima di essere bloccati dalla polizia. I due trafficanti erano soggetti già noti alle forze dell'ordine. Ora si trovano nel carcere di Bergamo mentre si sta cercando di identificare gli individui che hanno fornito loro la droga.

2 - Victor Massiah nominato Direttore generale di Ubi Banca

Venerdì 29 maggio, attraverso un comunicato stampa, il Consiglio di Gestione di ubi Banca ha reso noto che Victor Massiah è stato nominato nuovo Direttore generale. Il suo mandato inizierà lunedì 1 giugno, con durata non oltre la scadenza del mandato dell’Organo di Gestione (Assemblea 2016).

3 - Clusone, smascherato giro di prostituzione nel night club "Love City". Arrestata una donna

Nella sera di giovedì 28 maggio, durante un controllo effettuato dai Carabinieri presso il night club "Love City" di Clusone, è stato smascherato un vero e proprio giro di prostituzione. Gli agenti, in un'area privée del locale, si sono imbattuti in una ragazza completamente nuda che stava "intrattenendo" un cliente del locale. I Carabinieri hanno così messo in manette la titolare del night, una donna sudamericana incensurata di 44 anni. L'accusa è sfruttamento della prostituzione. Le ragazze sono state tutte identificate: una decina, di età compresa tra i 18 e i 35 anni, di nazionalità sudamericana e dell'Est Europa.

4 - Uomo investito e ucciso a Calcio da un treno: mattinata nera per il traffico ferroviario

Se già giovedì 28 maggio era stata una giornata da dimenticare per i tanti pendolari bergamaschi, purtroppo la situazione s'è ripetuta la mattina di venerdì 29. Ancora una volta, infatti, il sistema dei passaggi a livello lungo la tratta Brescia-Treviglio-Milano è andata in tilt, provocando grandi disagi. Ma i veri problemi, nella mattinata di venerdì 29 maggio, li ha dati un altro fatto: alle 4.55 un treno della tratta Brescia-Milano ha travolto una persona all’altezza di Calcio, uccidendola. Di conseguenza il tratto ferroviario compreso tra Rovato e Romano di Lombardia è stato chiuso al traffico per disposizione dell’Autorità giudiziaria. Per permettere le indagini degli inquirenti, tutte le tratte ferroviarie sono state deviate lungo la Bergamo-Palazzolo, con un incremento dei tempi di percorrenza di circa 50 minuti. La circolazione tra Coccaglio e Palazzolo è stata addirittura sospesa dalle 5.05 alle 6.55. E sul web s'è scatenata la rabbia dei pendolari.

5 - La protesta delle opposizioni in Consiglio comunale durante la discussione sul bilancio

Giovedì 28 maggio, durante il Consiglio comunale in cui si sarebbe dovuto discutere del bilancio, è scoppiata la sonora ed eccentrica protesta delle opposizioni, che si sono presentate armate di fischietti, palette da vigili e cartelli in cui contestavano l'ipotesi di un aumento del 50 percento degli introiti derivanti dalle sanzioni agli automobilisti bergamaschi presente nel bilancio. Una contestazione lampo, durata un minuto, scattata in seguito all'intervento di Stefano Benigni, consigliere comunale di Forza Italia, il quale ha detto: «Ritengo che sia giusto multare chi è in difetto ma mi spiegate come fate a sapere che quest’anno registrerete il 50 percento dei trasgressori in più? Non sono né un mago né un indovino e sono convinto che neanche voi abbiate la bacchetta magica. Semmai avrete la paletta magica e d’ora in avanti potrete definirvi la Giunta delle multe». E dopo queste parole è partita la protesta colorita, realizzata soprattutto dai consiglieri di Lega, Movimento 5 Stelle e Fratelli d'Italia. Decisamente più fredda la reazione di Lista Tentorio e Forza Italia. Chiaro il giudizio sulla protesta di Simone Paganoni, capogruppo di patto Civico, il quale su Facebook scrive: «Non sapendo cosa dire, il centrodestra fa sceneggiate in Consiglio fischiando e alzando cartelli e palette... Folkloristico! Peccato che anche in questa occasione (come sempre) riescano a dividersi: sei del centrodestra alzano i cartelli, uno è assente, quattro si allontanano per la vergogna e Tentorio esce dall’aula per dissociarsi. Neppure quando fanno i pagliacci sono uniti figuriamoci se avessero dovuto amministrare la nostra città!!». Il sindaco Giorgio Gori affida il suo pensiero a Twitter invece, in cui definisce la protesta con un semplice hashtag: «#Gioppinate».

6 - La "Bella" di Palma il Vecchio resterà a Bergamo fino al 12 luglio

È diventata ufficiale la proroga della retrospettiva dedicata a Jacopo Negretti in corso alla Gamec, che resterà visitabile fino al 12 luglio. Anche la meravigliosa opera di Palma il Vecchio, la "Bella", resterà in città dunque fino a quella data. Un grande risultato, visto il successo riscosso dalla mostra in questi due mesi: 15mila visitatori a marzo, più di 25mila ad aprile.

7 - Nuovo grido d'allarme della Cgil sulla casa di riposo di via Gleno: «A rischio 35 posti di lavoro»

Da circa un mese, oramai, si dilunga la difficile trattativa tra sindacati e organizzazioni interessate alla gestione della casa di riposo di via Gleno. A inizio maggio, infatti, la fondazione Carisma ha annunciato ai sindacati la disdetta del contratto di appalto con la cooperativa sociale Monterosso che da anni gestisce il servizio di assistenza di una delle quattro palazzine. Tradotto, 35 posti di lavoro (25 a tempo indeterminato e 3 a tempo determinato, tutti operatori addetti all’assistenza, a cui vanno aggiunti sette infermieri liberi professionisti) sono a rischio. La Fp-Cgil di Bergamo ha già espresso il proprio giudizio: «La strategia ci sembra chiara: lasciare a casa i vecchi lavoratori, visto che quelli nuovi, grazie alla Legge di Stabilità, fanno risparmiare». Dopo la lettera della fondazione, è partita una lunga trattativa, tesa a scongiurare il licenziamento delle 35 persone. Nei giorni scorsi si sono tenuti due incontri: uno il 12 maggio con la Fondazione Carisma e l’altro, il 20 maggio, con la cooperativa sociale Monterosso, oltre a due assemblee a cui hanno partecipato tutti i lavoratori coinvolti. Il 27 maggio il sindacato ha inviato una richiesta di incontro unitario nella consapevolezza che questa vicenda abbia bisogno di un confronto con tutte le parti coinvolte sedute al tavolo. Si spera in una risposta nei prossimi giorni.

8 - Nella notte furto alla discoteca Nikita di Telgate. Un 19enne fermato

Poco prima della mezzanotte, nella tarda serata di giovedì 28 maggio, una banda composta da almeno tre persone è penetrata nella discoteca Nikita di Telgate. La banda ha forzato la porta d'ingresso e s'è poi diretta al bancone, nelle speranza di trovare del denaro in cassa. Il bottino, però, è stato assai magro e così i malviventi hanno deciso di portare via anche alcune bottiglie di alcolici. Proprio in quegli istanti è scattato l'allarme del locale e in pochi istanti una volante dei Carabinieri è arrivata sul posto. I ladri si sono dati alla fuga, ma gli agenti sono riusciti a fermare un giovane di 19 anni, nato nel 1996 e di origini senegalesi.

9 - Martedì 2 giugno, dalle 10 alle 20, attivo il servizio Atb dalla città ad Astino

L'Atb ha annunciato che martedì 2 giugno, dalle 10 alle 20, è attivo il servizio di collegamento tra il centro di bergamo e l’ex monastero di Astino. Partenza da Porta Nuova, poi fermate alla stazione, in via Carducci, al parcheggio della Croce Rossa Italiana (Loreto), in via Lochis e, infine, ad Astino. La linea è solitamente attiva nei weekend, tra le 10 e le 20, con un autobus ogni 20 minuti. Il servizio è a pagamento e utilizzabile con i biglietti del sistema tariffario Atb. La fermata di Astino è inclusa nella zona urbana.

10 - Accademia Tadini visitabile anche per i non vedenti: la Stele Tadini del Canova "osservabile" col tatto

L'Accademia Tadini di Lovere ha annunciato la Stele Tadini del Canova, suo opera più famosa, sarà "osservabile" anche da non vedenti e ipovedenti grazie a una riproduzione. All'interno della cappella in cui è conservata l'opera, infatti, è stata installata una riproduzione in gesso e tre pannelli in marmo di Carrara che possono essere toccati, accarezzati e letti anche da persone con disabilità sensoriali. L'installazione è stata resa possibile grazie ad alcuni sponsor privati e il cofinanziamento della Regione Lombardia.

11 - Terme di San Pellegrino, ecco finalmente il parcheggio. La sera eventi tra sushi e dj set

Dopo diversi mesi di lavori, alla Terme di San Pellegrino, inaugurate il dicembre 2014 e realizzate dalla business company Percassi, si è finalmente conclusa la realizzazione di un primo parcheggio, dove, al costo di 50 centesimi l'ora, potranno parcheggiare sia gli utenti della struttura che altri visitatori del Comune della Val Brembana. Al momento i posti auto sono 300, ma ne arriveranno altri. Intanto, con giugno, arrivano due grandi novità nel complesso termale gestito da QC Terme: ogni venerdì sera, dalle 18, nel light bistrot sono previste degustazioni di sushi. E la sera arriva anche la musica a bordo vasca (meteo permettendo) con dj set.

12 - Il Druso Circus lascia via Galimberti. Il saluto con 6 giorni di musica

Il Druso Circus lascia la location di via Galimberti, che nei suoi 6 anni ha ospitato qualcosa come 1.400 concerti, e da settembre avrà un nuova casa. Ancora non nota, anche se molti dicono che potrebbe essere ad Azzano San Paolo. Per omaggiare il prestigioso palco, il Druso ha deciso di organizzare una festa di addio che durerà 6 giorni: dall'1 al 6 giugno. I musicisti, cantanti, band e dj saranno parecchi, ma ci sarà spazio anche per le jam session e non mancheranno tanti ospiti. Tutto il programma è visionabile sul sito del Druso Circus.

 

28 MAGGIO

1 - Passaggio a livello guasto: disagi sulla Brescia-Bergamo

Mattinata di caos per il trasporto lombardo: per due ore un guasto al passaggio a livello tra Palazzolo e Coccaglio ha provocato ritardi e disagi sulla linea che collega Bergamo a Brescia, con ripercussioni anche su altre tratte. Interessati numerosi pendolari, visto l’orario di punta in cui i problemi si sono verificati e visto che il guasto ha trovato soluzione soltanto alle 9. Ritardi annunciati fino a 60 minuti, con l’inevitabile rabbia dei passeggeri, montata anche sui social network.

2 - Case occupate, l'Aler deve ristrutturarle. Saranno sgomberate?

Si torna a parlare degli alloggi comunali occupati in via Monte Grigna, viale Venezia e via Pignolo, case di proprietà dell’Aler ma sottoposte ad occupazione abusiva, e che, spiega il Corriere, dovranno essere ristrutturate dal Comune entro la fine dell’anno. I tempi di inizio dei lavori, però, potrebbero essere ancora più stretti, dato che i primi sopralluoghi dovrebbero cominciare nel giro di due mesi, dando il via agli ingressi di geometri, muratori e idraulici. Tutto però attende che le case siano liberate: gli occupanti sono stati già denunciati, ma resta ancora da capire cosa succederà. Verosimilmente si andrà incontro ad uno sgombero, che però prevede tempi più lunghi. In attesa di dare il via ai lavori: saranno sessanta gli appartamenti che l’Aler ristrutturerà. Fanno parte del primo lotto, quello che ha il minor bisogno di interventi: «Abbiamo iniziato l’esperienza in giunta comunale trovando sulla scrivania 230 alloggi in manutenzione, quindi non utilizzabili, su un totale di 990, di proprietà del Comune. Sono oggettivamente troppi, non si poteva non intervenire», è il commento rilasciato al Corriere di Francesco Valesini, assessore all’edilizia privata. «Facciamo di tutto affinché sempre più alloggi comunali possano essere utilizzati, regolarmente, e per affrontare l’emergenza casa nel suo complesso, anche pensando agli sfratti. Il patrimonio di edilizia residenziale pubblica è inoltre destinato a crescere».

3 - Verdello, crolla albero su campo da calcio

A vedere le immagini si parlerebbe di tragedia evitata quasi per miracolo. A Verdello un albero è caduto su un campo da calcio martedì sera, a causa del maltempo, dove appena prima alcuni ragazzi stavano giocando una partita. Una delle due porte è stata quasi totalmente abbattuta. Fortunatamente i giovani avevano deciso di abbandonare la gara pochi minuti prima che l’albero crollasse, proprio a causa delle avverse condizioni climatiche. Anche perché non è la prima volta che, in quel campo, capitano situazioni di pericolo come quella: già dieci giorni fa un ramo era caduto sul rettangolo di gioco.

4 - Inaugurato il nuovo ponte di Monterosso

«Recentemente abbiamo tagliato tanti nastri ma questo era il più atteso». Parola del sindaco Giorgio Gori, che oggi ha inaugurato il nuovo ponte di Monterosso, dopo una chiusura di 15 mesi in seguito all’incidente di un’autogru, incagliatasi lo scorso febbraio sotto la struttura. Oltre al primo cittadino, c’era anche l’assessore ai lavori pubblici Marco Brembilla: «Mi accusano spesso di comunicare tempi troppo lunghi per poi annunciare la fine dei lavori in anticipo, ma non è così. Il ripristino di questo ponte è stato davvero una corsa contro il tempo ma, contemporaneamente, una strada sempre in salita che abbiamo cercato di risalire il più velocemente possibile per cercare di far cessare un disagio, quello vissuto dai residenti del quartiere e dai tanti automobilisti che ogni giorno transitano su questa strada. Oggi è una giornata davvero splendida, non solo per il meteo».

5 - Foppa, il ritorno di Katarina Barun

Torna alla Foppa Katarina Barun, che a Bergamo giocò già nel 2006, ma se ne andò subito un anno dopo per il poco spazio trovato. Ma stavolta arriva 32enne in terra orobica forte dei numeri che consacrano la sua grandezza: a Novara è arrivata fino alla finale dei play-off per lo scudetto, ed è riuscita ad essere MVP nel successo in Coppa Italia. È stata la migliore schiacciatrice della stagione: 602 punti messi a segno, 38 ace, 63 muri e il 44.2 percento di efficacia in attacco: «Torno forte, non più forte. Solo che quando passi momenti difficili come i due infortuni che ho vissuto in questi anni, impari a vivere meglio quello che hai. Godi di più tutti i momenti. Torno con un po’ di esperienza in più, quello sì. Ho fatto tanta esperienza fuori e dentro l’Italia e penso di poter dare tanto alla squadra. E torno sicuramente per vincere», dice a L’Eco.

 

27 MAGGIO

 

1 - MediaMarket, accordo con i sindacati: ritirata la mobilità

Nella sera di martedì 26 maggio è arrivata la firma sull'accordo tra MediaMarket e le organizzazioni sindacali dopo una lunga trattativa. Il risultato è il ritiro della procedura di mobilità, stabilito per Bergamo il tetto del 10 percento alla solidarietà e incentivi per i trasferimenti volontari. Secondo l'accordo, la solidarietà riguarderà 4.830 addetti di 96 punti vendita, il 75 percento della forza lavoro complessiva. Sottoscritti anche il protocollo sulle relazioni sindacali e l’intesa sulla mobilità incentivata. Così facendo sono stati scongiurati i 906 licenziamenti salvaguardando per i prossimi 12 mesi i posti di lavoro, in una azienda che ha pesantemente risentito della crisi delle vendite dell’elettronica di consumo, anche individuando soluzioni economiche alternative alla riduzione dell’orario di lavoro, come ha sottolineato Luca Bottani della Fisascat Cisl Bergamo. La riduzione dell’orario di lavoro – del 18 percento sulla media nazionale – interesserà per 12 mesi, con decorrenza dall'1 luglio 2015 e fino al 30 giugno 2016. Le parti, in aggiunta alla solidarietà, hanno anche individuato lo strumento della mobilità volontaria con l’esclusivo criterio della non opposizione e con un incentivo economico all’esodo, commisurato alla retribuzione lorda del mese di maggio. L’azienda riconoscerà un importo aggiuntivo a titolo di una tantum di mille euro per coloro che manifesteranno la disponibilità al trasferimento entro il 30 settembre.

2 - Rinviato il processo a Benvenuto Morandi. E la banca liquida i clienti al 40 percento

Mercoledì 27 maggio si è tenuta la prima udienza del processo nei confronti di Benvenuto Morandi, ex sindaco di Valbondione ed ex direttore del settore Private Banking della filiale di Fiorano al Serio Intesa Sanpaolo, accusato di furto aggravato, falso e truffa aggravata per la vicenda dei presunti ammanchi milionari dai conti correnti del suo accusatore, l’imprenditore Gianfranco Gamba, dei familiari di quest’ultimo (la moglie Mariuccia Pezzoli e la figlia Simona), e per le presunte false rendicontazioni che sarebbero state mostrate ad altri clienti. Ma tutto si è concluso con un nulla di fatto visto che il processo è slittato di 5 mesi, precisamente a ottobre. Tutta "colpa" di un cavillo: Morandi, come da previsioni, si è presentato in tribunale ma il giudice ha decretato la nullità del decreto di citazione a giudizio per quanto riguarda uno dei capi di imputazione (quello sulle presunte truffe ai danni dei risparmiatori) perché nell’avviso di conclusione delle indagini preliminari si richiamerebbe per questo capo di imputazione a un allegato mai notificato. Da qui lo slittamento del processo per un problema di errata notifica a due delle parti offese, due risparmiatori coinvolti dai falsi conteggi. Per quanto riguarda i risarcimenti, la gran parte dei titolari dei conti è già arrivata a un accordo economico con la banca, firmando risarcimenti che al massimo toccano il 40 percento dell’importo svanito nel nulla. Altri ex clienti, invece, hanno scelto la strada della causa civile contro Intesa Sanpaolo e non si costituiranno contro Morandi. L’unico, per il momento, ad essersi costituito è Gamba. Si parla di almeno di 10 milioni.

3 - Calcio, morto in un incidente un motociclista di 53 anni

Ennesima tragedia sulle strade di Bergamo e della sua Provincia. La mattina di mercoledì 27 maggio, intorno alle 9, un motociclista di 53 anni è morto dopo essere stato disarcionato dalla sua moto lungo la strada provinciale 98, all'altezza di Calcio e in direzione Antegnate. L'uomo è un cittadino straniero, originario della Sierra Leone e da tempo residente a Calcio. Per cause ancora da accertare, il motociclista avrebbe urtato, con il suo scooter, un furgone che arrivava dalla direzione opposta. Sul luogo dell'incidente è giunto anche l'elisoccorso, ma tutti i tentativi di salvare l'uomo sono risultati vani. Secondo i soccorritori è morto sul colpo a causa delle gravi ferite riportate.

4 - Orio, cancellato volo per Casablanca. Tensione tra i passeggeri

Nella mattina di mercoledì 27 maggio, allo scalo di Orio, è stato cancellato il volo della AirArabia diretto a Casablanca e che sarebbe dovuto decollare dall'aeroporto bergamasco alle 9.55. La causa sono i problemi tecnici all'aeromobile. Forte il malumore dei 119 passeggeri, che sono stati mandanti agli scali di Venezia, Bologna e Cuneo per riprendere il loro viaggio. È dovuta intervenire anche la Polizia per placare gli animi dei più arrabbiati.

5 - Protesta dei commercianti a Grumello: saracinesche abbassate

Mercoledì 27 maggio, nel centro di Grumello, i negozi resteranno chiusi e le vetrine spente. Tutto per la protesta scelta dai commercianti locali, che hanno voluto manifestare il loro malumore verso le ultime scelte compiute dall'Amministrazione Comunale. Chiusi per tre ore quasi tutti gli esercizi commerciali di via Roma, via Martiri della Libertà, piazza Camozzi e strade limitrofe, perché da anni dicono in tutte le salse che il progetto di rendere a senso unico l’asse del centro per le loro attività sarà un bagno di sangue. Lo "sciopero" è durato dalle 9 alle 12, con i titolari di una cinquantina di esercizi pubblici che si sono spostati in piazza Camozzi, davanti al municipio, per incontrare il sindaco.

6 - Stadio, i lavori saranno conclusi per il 23 agosto. Costo: 2 milioni a carico dell'Atalanta

Con la fine del campionato inizieranno anche i lavori di ammodernamento dello stadio Comunale di Bergamo. L'obiettivo è chiudere il cantiere per il 23 agosto, data stabilita per l'avvio della prossima stagione di Serie A. Il progetto prevede un costo di 2 milioni di euro, a carico della società Atalanta, mentre il nuovo impianto di illuminazione sarà a carico del Comune. Probabile che il cantiere aprirà intorno alla metà di giugno, ma se le condizioni lo permetteranno anche prima. L'idea è rendere il Comunale un impianto in stile inglese, con il pubblico molto più vicino al campo da gioco. In particolare è prevista la ristrutturazione dei parterre delle due tribune, che prevede l’eliminazione delle vetrate, lavorando sull’altezza delle stesse e valutando l'ipotesi di lasciare comunque il fossato per garantire un adeguato livello di sicurezza. I parterre in metallo verranno invece rimpiazzati da gradinate in cemento.

7 - Bergamo e la sua Provincia colpite da una violenta grandinata

Nel tardo pomeriggio di martedì 26 maggio, intorno alle 19.30, tutta la Bergamasca è stata colpita da un violentissimo temporale, che ha portato anche a grandinate di forte intensità. Il ghiaccio caduto dal cielo, in alcune zone della città, ha completamente imbiancato strade e giardini. Fortunatamente non risultano danni gravi a persone o infrastrutture.

8 - Furti in 40 garage di via Serassi, portate via auto, moto e biciclette

Giunge oggi notizia di un maxi colpo messo a segno la notte del 22 maggio scorso nel complesso residenziale al civico 13 di via Serassi, a pochi passi dalla sede di Confcooperative. Qui si trovano 190 appartamenti e 250 garage. Proprio questi sono stati presi di mira dal gruppo di furfanti, o meglio, 40 di questi, da cui sono state portate via 3 automobili, 2 moto, svariate biciclette e altri oggetti di valore dei residenti. Per aprire i garage, i ladri hanno rotto la lamiera della basculante e hanno azionato la leva che consente di sbloccare il cilindro. Una volta aperto il box, i malviventi hanno potuto svaligiare tranquillamente i locali, senza che nessuno si accorgesse di nulla.

9 - Il giudice: non ci fu usura nei confronti del pugile Luca Messi

Il giudice Bianca Maria Bianchi ha assolto gli immobiliaristi Rino e Loredana Roncelli, padre e figlia, di Brembate Sopra, dall’accusa di usura che era stata ipotizzata ai danni del pugile Luca Messi. Il motivo dell'assoluzione, arrivata su richiesta della stessa Procura, è giunta perché «il fatto non sussiste». La contesa ruotava attorno alla vicenda della palestra Victoria di Ponte San Pietro, avviata dal pugile nel 2006 e poi chiusa nel 2012 in seguito a una battaglia legale. La principale difficoltà che emerse fu un contenzioso sull’affitto tra la società di gestione Element Srl (poi fallita), di cui Messi era socio con Omar Gentile, e la Riro Srl, della famiglia Roncelli, proprietaria dell’immobile. Nel 2008 Messi sospese il pagamento dei canoni d’affitto, lamentando malfunzionamenti negli impianti di aerazione. Accumulò così un debito di 475mila euro. Opposta la versione dei proprietari, che gli intimarono lo sfratto per morosità: gli impianti, secondo loro, erano stati sistemati e non avevano difetti. L’iter giudiziario, passato anche per il pignoramento delle attrezzature, si concluse a fine 2011 con la risoluzione del contratto per decisione del giudice civile. A Messi vennero dati 3 mesi per lasciare l’immobile, ma il pugile si impegnò a versare i canoni non pagati e avviò una trattativa per l’acquisto dell’edificio. Trattativa che non andò in porto e, il 25 ottobre 2012, il boxeur venne sfrattato.

10 - Brebemi, traffico in crescita. Tutto merito della nuova Teem

Dopo mesi di difficoltà e critiche, finalmente la Brebemi può sorridere. A pochi giorni dall'apertura della A58-Teem, sulla A35 si registrano aumenti del traffico di oltre il 35 percento. Merito della interconnessione sul lato milanese alla rete autostradale nazionale. Gli oltre 70mila transiti giornalieri già registrati sul percorso A35 e A58 e il loro costante incremento rappresentano, per il traffico locale e di lunga percorrenza, un miglioramento della viabilità, avendo ridotto le code chilometriche presenti nell’area fino a pochi giorni fa ed i notevoli costi a esse associati. Ora manca solo il completamento dei cantieri bresciani e la futura realizzazione dell’interconnessione verso Brescia con la A4, la A21 e il Lago di Garda.

11 - Alborante, manager Ryanair, assicura: «Per il 2019, a Orio, il rumore verrà ridotto del 42 percento»

John Alborante, sales and marketing manager di Ryanair, nel corso di una conferenza all'aeroporto di Orio per presentare le ultime novità della compagnia aerea low cost irlandese, annuncia: «Dal 2019 ci sarà una riduzione dei rumori del 42 percento nella zona di Orio grazie a nuovi aeromobili che garantiranno anche meno inquinamento».

 

26 MAGGIO

 

1 - Giovedì prevista l'inaugurazione del nuovo ponte di Monterosso

Giovedì 28 maggio, alle 10, verrà inaugurato il nuovo ponte di Monterosso, costruito in seguito alla demolizione del vecchio ponte, danneggiato nel febbraio 2014 da un'autogru. All'inaugurazione saranno presenti il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, e l’assessore ai Lavori Pubblici del Comune, Marco Brembilla. Il ponte sarebbe già pronto, ma dopo il collaudo (andato a buon fine) effettuato il 20 maggio, ci sono voluti i tempi tecnici che richiesdono un'ulteriore settimana prima dell'apertura al traffico. L'assessore Brembilla, a L'Eco di Bergamo, ha spiegato: «Sono state fatte le prove con camion carichi di sabbia e con il collaudatore, che ovviamente ha preso nota di tutte le dinamiche».

2 - Università di Bergamo, ecco le quattro regole per scegliere i nuovi professori ordinari

L'Università di Bergamo ha varato i nuovi criteri per selezionare i professori ordinari. Una riforma, a suo modo, storica, perché va a introdurre quattro criteri che andranno a prediligere il talento rispetto all'anzianità (che conterà meno del 20 percento nel giudizio complessivo), una novità per gli ateneo italiani. A illustrare la riforma il rettore, in scadenza, Stefano Paleari, durante un'apposita conferenza stampa: «Ogni area di valutazione avrà una percentuale di peso nella valutazione. La prima è costituita dalla ricerca (37 percento); la seconda è la qualità della didattica (23 percento); successivamente viene l'impegno nella governance, sia a livello centrale che di dipartimento (22 percento); e infine l'anzianità (18 percento). È una scelta controcorrente: i nostri organi hanno preso atto che per diventare professore ordinario conta poco l'anzianità, dobbiamo investire sul talento, sulla qualità. Sono fattori che fanno la differenza per il futuro e permettono all'ateneo di rilanciarsi nel panorama internazionale».

3 - Palazzo Frizzoni contesta l'abuso edilizio in via Tremana a Scientology. E questa gli fa causa

La piazzetta di via Tremana, oramai per tutti, residenti e non, è la "piazzetta dei culti". In pochi metri, infatti, si trovano la sala del Regno dei testimoni di Geova, la Chiesa di Scientology, l'Iglesia de Dios e Damanhur. Ma nonostante tanta "religiosità", l'aria è tesa, in particolare tra Scientology e il Comune di Bergamo. Quest'ultimo, infatti, dopo diversi sopralluoghi e verifiche, ha contestato l’abuso edilizio per un uso dei locali improprio rispetto a quanto previsto nel Pgt. Nello specifico, le contestazioni mosse a Scientology si basano sulla legge regionale del 2005 che prevede che un luogo di culto sia identificato in modo specifico. Ma ora il movimento religioso ha deciso di contrattaccare, facendo ricorso al Tar chiedendo di annullare il provvedimento con cui l’amministrazione ha ordinato lo stop del culto in rispetto della destinazione urbanistica della sede, che è commerciale. Qualche tempo fa, l'assessore all’Innovazione Giacomo Angeloni aveva dichiarato: «Gli spazi affittati a questi gruppi sono commerciali e non risultano richieste di modifica dell’attività, necessaria per farne anche sede di associazione. Oggi polemiche si sentono solo per le moschee, ma le regole vanno rispettate da tutti». Tra i motivi del ricorso di Scientology contro il Comune c’è anche l’incostituzionalità. «Ci opporremo in tribunale», spiegano dal Comune. Ma Scientology non si tira indietro, e precisa: «Chiediamo che Bergamo ci riconosca come culto, come accade in altri parti d'Italia».

4 - Black out alla stazione e il sottopasso di via Gavazzeni non si apre. Ora tutto risolto

Nella mattina di martedì 26 maggio, intorno alle 7, il cancello elettrico del sottopasso pedonale che collega la stazione ferroviaria a via Gavazzeni è rimasto chiuso per un calo di tensione. E così i tanti utenti che dovevano passare si sono trovati la strada sbarrata. Per raggiungere la stazione durante il black out, dunque, studenti e viaggiatori hanno dovuto percorrere via Gavazzeni, poi via Don Bosco e infine via Bonomelli, con evidenti disagi. Poco dopo la situazione è tornata alla normalità.

5 - L'Enac spinge per l'accordo Orio-Montichiari: «Orio, sviluppo al limite. Spostare cargo sulle piste bresciane»

Da settimane sia i vertici Sacbo che quelli della Catullo e della Save avevano scelto il silenzio sull'ipotetico accordo commerciale tra lo scalo di Orio al Serio e quello bresciano di Montichiari. Ma a rompere il silenzio ci ha pensato il presidente dell'Enac, Vito Riggio, il quale, presente all'inaugurazione della nuova area terminal dello scalo bergamasco, ha affermato: «Siamo già allo sviluppo massimo di questo scalo. La libertà del Caravaggio è vincolata da criticità legate all’impatto ambientale. Ho manifestato più volte l’idea che Bergamo si allarghi su Brescia. Vedo che ci sono difficoltà, ma se il consiglio mi darà mandato e il ministro sarà d’accordo sono pronto a intervenire in modo più pesante: la crescita di Bergamo ha raggiunto limiti molto alti, dall’altra parte abbiamo invece un magnifico aeroporto, quello bresciano, che si dovrebbe utilizzare. Se per riaprire il tavolo la persuasione non sarà sufficiente, vedremo di trovare un altro modo. Le società di gestione non possono ignorare le indicazioni che arrivano dal governo centrale». Tradotto: serve un accordo tra Sacbo e "colleghe" veronese e veneziana. Miro Radici, presidente Sacbo, dice la sua sulla questione: «Il nostro aeroporto soffre di un problema ambientale, che tutti i giorni è messo sul tavolo. Stiamo facendo di tutto per ridurre le difficoltà: speriamo che i nuovi aerei della Ryanair, che garantiranno un 30% in meno di rumore, possano dare un piccolo aiuto. Avevamo pensato a Montichiari, ci abbiamo lavorato per mesi, ma la trattativa si è inceppata: noi però siamo sempre stati cristallini e corretti. Bergamo non è abituata a giocare su tre tavoli. Montichiari resta l'opzione migliore».

6 - Faccia a faccia Gori-Delrio per trovare soluzione per completare le varianti di Zogno e Cisano

Prima l'incontro (pubblico) al taglio del nastro della nuova area terminal di Orio al Serio, poi un'ora e quaranta di incontro negli uffici di Palazzo Frizzoni. È stata una giornata intensa quella del sindaco Giorgio Gori e del ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio. Sul tavolo i documenti da presentare al ministro in vista del piano triennale delle infrastrutture che il Governo varerà a settembre, in cui compaiono il raddoppio ferroviario della Montello-Ponte San Pietro (80 milioni di euro) con la fermata al nuovo ospedale, le varianti di Zogno e Cisano, ma anche il treno per Orio da 195 milioni. Tante richieste insomma da Bergamo e il ministro non ha certamente fatto promesse, se non che prenderà in seria considerazione la proposta avanzata dal capoluogo orobico. In particolare quella per permettere di sbloccare finalmente i lavori delle varianti di Zogno e Cisano, da troppo tempo fermi.

7 - Palazzo Frizzoni parte civile nel processo contro gli occupanti di Cascina Ponchia

L'assessore alla Riqualificazione urbana Francesco Valesini, durante il Consiglio comunale di lunedì 25 maggio, ha annunciato che Palazzo Frizzoni si è costituito parte civile nel processo che vede imputati tre occupanti di Cascina Ponchia (situata in Monterosso). Il "Kollettivo autonomo popolare" occupa la struttura oramai da oltre un anno e ha realizzato molte iniziative, anche in collaborazione con gli abitanti del quartiere. E infatti il Comune ha tolto "dal mercato" la cascina, con l'intento di renderla un luogo di aggregazione, un laboratorio artistico e culturale. Ma di mezzo c'è un processo: Palazzo Frizzoni, infatti, ha denunciato l'occupazione della struttura e in seguito alle indagini svolte dagli inquirenti tre occupanti sono stati accusati e rinviati a giudizio.

8 - Morto Yanick Akoiblin, 22enne ex promessa dei Giovanissimi dell'Atalanta 2008

Yanick Akoiblin è stato una promessa dell'Atalanta. Originario della Costa d'Avorio, il ragazzo era arrivato a Zingonia all'età di 12 anni dal Crema Nuova. Qui ci rimase 4 anni, fino agli Allievi Regionali. Nel 2008 fu uno dei protagonisti dello Scudetto vinto dai Giovanissimi a Città di Castello. Lui era la perla di quella formazione. Poi un anno difficile, il passaggio alla Cremonese e altre avventure lontano da Bergamo. Intorno alle 16 di domenica 24 maggio, Yanick è morto. Il giovane ha perso la vita in un tremendo incidente avvenuto a pochi chilometri da casa sua, nel cremasco. A giugno avrebbe compiuto 22 anni.

9 - Sei albanesi residenti nella Bergamasca arrestati per furti nel Varesotto

I Carabinieri hanno arrestato 6 cittadini albanesi residenti nella Bergamasca accusati di almeno 15 furti in altrettante case del Varesotto. Secondo le forze dell'ordine, i 6 avrebbero ricavato dai colpi un ingente bottino: circa 60mila euro.

10 - Torna il TrenoBlu

Dopo il successo delle passate iniziative, domenica 31 maggio torna il TrenoBlu a vapore sui binari lombardi per un evento all'insegna della cultura, dell'arte e dei sapori tipici. Il convoglio d'epoca, trainato da una vaporiera del 1913, tra gli ultimi esemplari rimasti in Italia e di proprietà della Fondazione FS, giungerà a Iseo, in occasione della sesta edizione del Festival dei Laghi Italiani. La partenza è prevista dalla stazione di Milano-Lambrate alle 8.05. Le fermate successive saranno quelle di Greco Pirelli (8.15), Monza (8.35), Carnate (9.05), Calusco (9.35) e Bergamo (10.00), per poi giungere a Paratico-Sarnico seguendo, nel tratto finale da Palazzolo, la storica ferrovia lungo la Valle dell’Oglio. Giunti a destinazione ci sarà un battello per coloro che saranno desiderosi di gustarsi un pranzo a base di tinca al forno in quel di Clusane (sponda bresciana del lago). Gli altri, invece, potranno godersi i tanti appuntamenti presenti a Sarnico. Il pomeriggio si concluderà riprendendo alle 15.15 il battello. Il treno partirà alle 16.15 per il rientro a Milano, seguendo a ritroso lo stesso percorso dell’andata, con arrivo previsto per le 19.25. La prenotazione è obbligatoria. Per tutte le informazioni andare sul sito Ferrovie Turistiche.

11 - Torna il Golf al Parco dei Colli, con un nuovo nome e un nuovo progetto

5 mesi fa il Golf Parco dei Colli di Longuelo chiudeva i battenti a causa del fallimento della società che gestiva il campo bergamasco. Ma oggi il green orobico torna a vivere, con un nuovo nome: I Colli di Bergamo-Golf & Country Club Ssd. Il nome è lo stesso della società che lo gestisce, che vede come presidente Luigi Benedetti, che ci tiene però a sottolineare come l'investimento economico vero e proprio sia stato a spese del fratello Marcello. Benedetti spiega: «Per le note vicende relative alle proprietà il campo, al momento, può contare solo su 7 buche perdendo così il prestigio delle 9 buche di cui ha sempre goduto. Anche il prato era ormai abbandonato. Tuttavia non ci siamo persi d’animo: ci siamo affidati ad una serie di professionisti che hanno lavorato sul green riportandolo in condizioni assolutamente dignitose. Contiamo di riportare il campo a 9 buche per la fine dell’anno». E le cose paiono essere partite col piede giusto: «In poco più di quindici giorni di nuova attività abbiamo ricevuto già 150 iscrizioni di nuovi soci. Questo grazie a tariffe che abbiamo volontariamente tenuto molto basse».

 

25 MAGGIO

 

1 - La Rubini di Cortenuova è fallita: cento lavoratori a rischio

La Rubini di Cortenuova è fallita. Nei giorni scorsi il tribunale di Bergamo ha emesso la sentenza e oggi, lunedì 25 maggio, il curatore fallimentare ha incontrato lavoratori e sindacati per un sopralluogo all’interno dello stabilimento. L’intenzione dei dipendenti e dei loro rappresentanti è infatti quella di valutare la possibilità di proseguire l’attività, anche se il curatore non ha dato eccessive speranze e per l’apposizione dei sigilli potrebbe essere solo questione di giorni. «La situazione rimane disperata», ha detto Massimo Lamera della Fim Cisl, «ma chiudere una fabbrica che fattura un milione di euro al mese rimane una follia».

2 - Alzano, folla e tante autorità per l’ultimo saluto ad Abati

Si sono svolti ad Alzano i funerali di Alessandro Abati, il consulente di 47 anni ucciso nell’attacco talebano del 13 maggio a Kabul, in Afghanistan. Molta gente ha voluto dare l'ultimo saluto al cooperante e numerose sono state le autorità presenti alla cerimonia, fra le quali il prefetto Francesca Ferrandino, il sindaco di Alzano Annalisa Nowak, il questore Girolamo Fabiano, il comandante provinciale della Guardia di Finanza, Vincenzo Tomei e il comandante provinciale dei carabinieri Antonio Bandiera. Prima del rito religioso una piccola folla si era radunata commossa nel giardino della casa di Abati in via Roma. La cerimonia nella chiesa parrocchiale di Alzano Sopra è stata presieduta dal parroco, monsignor Alberto Facchinetti.

La salma di Abati era rientrata sabato ad Alzano dopo che a Milano erano stati effettuati il riconoscimento del cadavere e l’autopsia. L'autopsia ha stabilito che Abati è stato colpito da distanza ravvicinata dai proiettili di un Kalashnikov. Nell’attentato è rimasta vittima anche la compagna del bergamasco: Aigerim Abdulayeva, 27 anni, di origine kazaka, con la quale Abati avrebbe dovuto sposarsi il 18 luglio a San Pellegrino. La salma della giovane nei giorni scorsi era stata trasportata nel suo Paese. Sulla lapide del 47enne ci saranno sia la sua fotografia sia quella della sorridente Aigerim.

3 - Orio, inaugurato il nuovo terminal

Mattinata di festa a Orio al Serio dove è stato inaugurato il nuovo terminal partenze, alla presenza del Ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio e del presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, oltre al Sindaco Giorgio Gori. Una nuova area arrivi e una zona partenza ancora più grande, con tanti servizi e negozi, con lo scopo di rendere ancor più internazionale lo scalo e accogliere molti più passeggeri, preparandosi per il +8 percento atteso per quest’anno. Uno sviluppo costato 18 milioni di investimento, ultimato in tempo per Expo, come previsto. «Sacbo è un esempio di società pubblico-privata di successo. Quando facevo i ricercatore, usufruivo spesso di Orio. È un aeroporto all’altezza dei migliori scali internazionali. Avete fatto una cosa grandissima. Non solo per Bergamo», ha spiegato Delrio. Così Maroni ne ha approfittato per rilanciare l’invito ai lavori per il treno dalla città all’aeroporto: «Colgo l’occasione per rinnovare al ministro Delrio la richiesta di realizzare il collegamento ferroviario da Bergamo a Orio, collegamento diretto di 4 chilometri, un investimento di 170 milioni, ma è un investimento utile, perché serve alla città di Bergamo, all’aeroporto di Orio e alla Lombardia. È una richiesta che ho inserito nel dossier di opere infrastrutturali che ho consegnato alcuni giorni fa al ministro Delrio. Il Governo, tramite il fondo strategico o la Cassa Depositi e Prestiti, deve trovare le risorse necessarie per questo collegamento così importante». La nuova area avrà tre nuovi pontili di imbarco e sei gate. Oltre a numerosi negozi in più: le attività commerciali dello scalo passano da 38 a 51. Per ora, sono pronti vari marchi come Trussardi, Max Mara, Disegual. E arriveranno anche gli angeli di Victoria’s Secret.

4 - L'assessore Sorte: «La variante di Zogno non sarà una Salerno-Reggio Calabria»

A margine dell’inaugurazione del nuovo terminal di Orio, l’Assessore regionale alle Infrastrutture Alessandro Sorte ha parlato della variante di Zogno: «Non sarà un’altra Salerno-Reggio Calabria, anche perché la provincia di Bergamo è fra quelle che paga più tasse allo Stato ed è giusto che a Roma non se ne dimentichino», ha spiegato Sorte. Tra le opere prioritarie per il territorio c’è anche la variante di Cisano, «un’infrastruttura che vale 40 milioni di euro e finanziata con 5 dalla Regione. La terza leva su cui spingere è quella della rete ferroviaria. Abbiamo bisogno di investimenti sulle infrastrutture che ci consentano anzitutto di allargare i nodi. Quello di Ponte San Pietro e quello di Montello così da garantire anche la fermata dell’ospedale. In questo modo potenzieremo un servizio che ogni giorno è scelto da migliaia di pendolari. Rientra ovviamente in questo capitolo anche il collegamento ferroviario fra Bergamo e l’aeroporto di Orio».

5 - Allarme sulla linea Bergamo-Brescia: aggressioni e vandalismi

Sabato 23 maggio, intorno alle 9 di mattina, l'ultimo caso di aggressione avvenuto su un treno della tratta Bergamo-Brescia. Un controllore pizzica l'ennesimo giovane di colore privo di biglietto, a cui viene chiesto di scendere alla stazione di Grumello del Monte non volendo pagare il supplemento per poter proseguire il suo viaggio. È a questo punto che il ragazzo aggredisce il controllore, come mostra il video pubblicato dall'edizione locale del Corriere della Sera: spintoni e insulti e solo l'intervento dei servizi di sicurezza riesce ad evitare che la situazione degeneri. Una volta riportata la pace, il treno riprende il suo viaggio, e i protagonisti involontari dell'accaduto (controllori e servizi di sicurezza) raccontano: «La Bergamo-Brescia è una delle linee peggiori della Lombardia, dove ogni giorno si combatte una lotta per fare rispettare un minimo di legalità». Come dargli torto? Solo il 20 aprile scorso una delle sei carrozze di un convoglio di Trenord, fermo sui binari a Brescia, era stata pesantemente danneggiata, tanto da renderne impossibile l’utilizzo per il trasporto passeggeri. I vandali avevano anche incendiato un sedile. Ma si ricorda, purtroppo, anche un episodio di violenza sessuale e molte altre aggressioni a controllori e capitreno. A ciò si aggiungono i ritardi cronici di una tratta in parte vittima del binario unico. Un'emergenza a cui qualcuno dovrà tentare di porre fine.

6 - Rovetta, scontro sfiorato tra nostalgici repubblichini e antifascisti

Nella mattina di domenica 24 maggio si sono vissuti attimi di tensione a Rovetta, in occasione della tradizionale commemorazione dei 43 militi della Legione Tagliamento (Repubblica Sociale Italia) di presidio al Passo della Presolana uccisi a fucilate dai partigiani il 28 aprile 1945. Al cimitero del paese s'è dato appuntamento un folto gruppo di nostalgici repubblichini, persone di estrema destra, che hanno manifestato a suon di braccia tese e parole di amore per il Duce. Contemporaneamente, nel centro di Rovetta, il gruppo di antifascisti "Pane e guerra" dava vita a una contromanifestazione. Le forze dell'ordine hanno creato un cordone intermedio in modo tale che i due gruppi non venissero a contatto. Ci sono comunque stati attimi di tensione quando, al termine della cerimonia al cimitero, due militanti di estrema destra hanno fatto ritorno alla loro auto, parcheggiata nei pressi della piazza centrale. La coppia non è passata inosservata e ne è nato uno scontro verbale. È stata sfiorata la rissa, ma l'allarme è rientrato grazie anche all'intervento di alcuni agenti.

7 - Mercoledì prevista l'udienza preliminare nei confronti di Benvenuto Morandi

Mercoledì 27 maggio andrà in scena l’udienza preliminare che vedrà come imputato Benvenuto Morandi, l’ex sindaco di Valbondione ed ex direttore del settore Private Banking della filiale di Fiorano al Serio Intesa Sanpaolo, accusato di furto aggravato, falso e truffa aggravata per la vicenda dei presunti ammanchi milionari dai conti correnti del suo accusatore, l’imprenditore Gianfranco Gamba, dei familiari di quest’ultimo (la moglie Mariuccia Pezzoli e la figlia Simona), e per le presunte false rendicontazioni che sarebbero state mostrate ad altri clienti. Morandi era finito ai domiciliari un anno fa, ma la misura cautelare era stata revocata il 6 novembre scorso. I legali dell'ex sindaco, gli avvocati Angelo Capelli e Marialaura Andreucci, promettono battaglia in aula.

8 - Sabato si sono tenuti ben tre manifestazioni in città

La giornata di sabato 23 maggio è stata una giornata piena per Bergamo, teatro di ben tre manifestazioni diverse. Per le strade del centro, infatti, hanno sfilato prima i comitati, poi i sindacati per la casa e infine l'Arcigay. Le tre, partite da punti diversi, si sono unite una volta incontratesi in largo Porta Nuova, per poi concludersi davanti a Palazzo Frizzoni. La terza manifestazione, in particolare, è partita da piazzale Marconi e ha percorso via Paleocapa, via Quarenghi e via Tiraboschi. L'Arcigay è scesa in piazza come segno di contrasto alla veglia indetta dal gruppo delle Sentinelle in Piedi. Sul Sentierone, infatti, s'è svolta la veglia delle Sentinelle. Non ci sono comunque stati scontri e neppure attimi di tensione. Tutto si è svolto in modo pacifico.

9 - Bergamo sempre più internazionale: cucine aperte tutto il giorno per intercettare i turisti

Bergamo si sta riscoprendo sempre più città internazionale. Dopo i tanti passi avanti degli ultimi anni, con iniziative sempre più concrete tese a rendere la nostra città una importante meta del turismo globale, qualcosa si inizia a muovere anche sul settore commerciale, dove fino a oggi c'era stata forse più ritrosia ad abbandonare le vecchie abitudini per adattarsi al cambio di passo. Lo dimostra il fatto, ad esempio, che sia in Città Alta che in quella Bassa, è sempre più facile trovare, soprattutto nei weekend, ristoranti, pizzerie e tavole calde che tengono la cucina aperta tutto il giorno. Uno dei primi a farlo è stato Da Mimmo, che dichiara che nel weekend di Pasqua, nelle ore pomeridiane, ha servito almeno una quarantina di turisti che non si sa se pranzassero o cenassero. L'Expo è una grande occasione per captare i consensi di un nuovo pubblico, ma non è solo questione di turismo: come ammettono altri commercianti a L'Eco di Bergamo, è anche una questione di necessità. Si fa sempre più fatica a tirare fine mese e quindi si cerca di differenziarsi dalla concorrenza, offrendo un servizio sempre più completo e di qualità ai propri clienti.

10 - Domenica di Bergamondo

Domenica 24 maggio è stata una giornata di festa in quel dell'oratorio di San Francesco, dove si sono svolti i primi turni del Torneo Bergamondo, il torneo calcistico che vede sfidarsi diverse squadre composte da persone di tutte le più svariate comunità presenti a Bergamo e in provincia. Foltissimo il pubblico: semplici curiosi, ma anche tanti veri e propri tifosi. Un arcobaleno di volti e storie. Ricchissima, come sempre, la comunità boliviana presente sugli spalti. In campo, a dare spettacolo, soprattutto Romania e Camerun, imbattute e a punteggio pieno. Brillano anche Egitto, il pluricampione Senegal, Costa d'Avorio, Burkina Faso, Ghana e Marocco. Sono queste le squadre che hanno avuto accesso al prossimo turno. Tra i presenti anche tanti profughi ospitati al Gleno. L'allenatore della Nigeria spiega che alcuni di loro sono stati accolti da alcune squadre, anche se non capiscono ancora bene l'italiano. Può essere un modo di integrarsi, di fare nuove amicizie e comprendere come funzionano le cose qui in Italia.