dal 6 al 31 luglio

Torna Dirama, festival di Legambiente Bergamo dedicato alla natura e alla cura del territorio

La rassegna è organizzata in collaborazione con il Parco dei Colli e le associazioni locali. La partecipazione è gratuita, ma la prenotazione è obbligatoria

Torna Dirama, festival di Legambiente Bergamo dedicato alla natura e alla cura del territorio
Tempo libero Bergamo, 02 Luglio 2021 ore 11:06

Promuovere la tutela ambientale, raccontando esperienze di sostenibilità e buone pratiche messe in campo da associazioni e cittadini. Sono gli obiettivi di Dirama - Incontro internazionale di natura, relazioni e cura del territorio, festival sostenuto da Legambiente Bergamo in collaborazione con il Parco dei Colli e associazioni locali.

Dal 6 al 31 luglio si potrà esplorare la natura, accompagnati da esperti di botanica, ornitologia, entomologia alla scoperta della flora e della fauna locale. E ancora nel Centro di inanellamento aula vivaio di Osio Sotto scoprire le specie di uccelli che abitano il fiume Brembo, oppure effettuare passeggiate botaniche nei sentieri del Parco dei Colli di Bergamo, nella Valle d’Astino e nel bosco dell’Allegrezza.

«Dirama, nata come iniziativa a sostegno del volontariato internazionale, ha saputo crescere unire le persone in un dialogo che continua di anno in anno - sottolinea Elena Ferrario, presidente di Legambiente Bergamo -. È un luogo immateriale in cui tessere relazioni e conoscenza».

Per approfondire le tematiche ambientali sono anche previsti talk, chiacchierate in diretta streaming, che saranno condivisi sui canali social del festival. Alla rassegna parteciperanno gruppi e realtà da tutta Italia e dal mondo: si parlerà di economia circolare, di nuovi approcci al cibo quali il recupero o l’autoproduzione, di co-housing, di scuola all’aperto, di nuovi materiali sostenibili e di etica nelle costruzioni e nel consumo di suolo.

«Crediamo che la cultura ambientale sia indispensabile– osserva Francesca Caironi, presidente del Parco dei Colli -. Questa iniziativa non può che contribuire ad incamminarci sulla strada giusta. È un’occasione per riconciliarci con le nostre origini, che facilmente tendiamo a rinnegare».

Spazio anche al biologico: durante il festival sono previste visite a realtà agricole che racconteranno le caratteristiche di alcune produzioni locali. Ma non mancheranno l’arte e la cultura; due le presentazioni di libri che raccontano le vite di donne chiave dell’ambientalismo, Laura Conti e Rachel Carson, ed eventi organizzati con gruppi teatrali e associazioni, come lo spettacolo in prima assoluta dedicato alla poetessa Antonia Pozzi.

Dalla scorsa edizione Dirama è anche mobilità. In occasione della settimana europea della mobilità sostenibile, a settembre, Dirama propone attività e incontri di sensibilizzazione promuovendo uno spazio di discussione per cittadini, tecnici ed amministratori. Oltre ai webinar formativi e agli incontri di divulgazione online con esperti, è stato lanciato un concorso di mobilità per le scuole superiori e si sta sviluppando un progetto di urbanistica tattica partecipata.

La partecipazione al festival è gratuita, ma è necessaria la prenotazione. Il calendario completo di Dirama è disponibile a QUESTO LINK.