Da «Gh'è pié de büse» a...

10 frasi in bergamasco sulle strade

10 frasi in bergamasco sulle strade
14 Settembre 2019 ore 06:30

Siamo rientrati dalle vacanze, riaprono le scuole e, come ogni anno, riprendono le polemiche sulle condizioni dell’asfalto, che si estendono a macchia d’olio alla viabilità, all’urbanistica e alla vita in generale. Se pensiamo che la brutta stagione non è ancora iniziata, non c’è dubbio che le discussioni ci accompagneranno ancora per qualche mese. Per la gioia del nostro carattere rissoso.

 

1. Gh’è pié de büse

Lo stato del manto stradale è spesso oggetto di feroci critiche da parte degli automobilisti. Soprattutto perché è inconcepibile che questo avvenga in una terra dove l’edilizia è una religione. [Trad. È pieno di buche]

 

2. I è dóma lur e rotónde

Ultimamente si è diffusa l’abitudine di creare rotatorie un po’ ovunque. Indubbiamente utili per regolare il traffico, in certi casi sembrano però il frutto di estemporanee iniziative locali. [Trad. Sono solo loro e rotonde]

 

3. Mèi ‘ndà a pè

 

A volte il calcolo dei tempi di percorrenza da casa al lavoro inducono a questa triste riflessione, mentre si trascorrono lunghi minuti di attesa per entrare in città dalle valli. [Trad. È meglio andare a piedi]

 

4. Ü cantér via l’óter

Passati praticamente inosservati durante la stagione estiva, i cantieri superstiti fanno sentire la loro presenza e fanno perdere la pazienza anche ai più accaniti sostenitori del lavoro edile. [Trad. Un cantiere via l’altro]

 

5. Só stöf de cùe

Praticamente stare in coda è diventato uno stato esistenziale per chiunque si trovi a dover raggiungere il capoluogo, da qualsiasi direzione. Che avvenga così quasi ovunque non è una consolazione. [Trad. Sono stufo di code]

 

6. ‘Ndó col tramì

A mali estremi, estremi rimedi. La tramvia elettrica offre almeno agli abitanti della Val Seriana la certezza dei tempi di percorrenza, anche se piove. In questa situazione, non è poco. [Trad. Prendo il tram]

 

7. I è mia bù de guidà

A volte l’automobilista attribuisce la congestione del traffico non alla viabilità disastrata, ma all’incompetenza degli altri. Ovviamente ritenendosi assolutamente escluso dalla categoria. [Trad. Non sanno guidare]

 

8. Se te sbàgliet urare l’è fenida

 

La lunga pratica ci ha reso smaliziati, e siamo in grado di calcolare al secondo l’orario giusto per metterci in marcia. Ma basta poco per ritrovarci fermi, a imprecare più o meno silenziosamente. [Trad. Se sbagli orario è finita]

 

9. ‘Ndo ‘ndarài töcc?

 

A volte ci lasciamo andare a una riflessione profonda, che parte dalle condizioni del traffico e arriva a indagare questioni esistenziali. Una di queste è l’opinabilità delle mete altrui. [Trad. Ma dove andranno tutti?]

 

10. I gh’avrèss de fà come col stadio

La rapidità e l’efficienza nella costruzione dello stadio ci induce a pensare che gli stessi criteri potrebbero essere applicati al manto stradale. Così viaggeremmo sempre su un biliardo. [Trad. Dovrebbero fare come si fa con lo stadio]

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia