Da «Lure i zöga e nóter a m’sé a cà» a...

Dieci frasi in dialetto bergamasco sulla Nazionale femminile di calcio

Dieci frasi in dialetto bergamasco sulla Nazionale femminile di calcio
14 Giugno 2019 ore 06:30

Non l’avremmo mai detto, ma ci troviamo a tifare per undici ragazze che corrono, contrastano, tirano, segnano. E vincono. L’approdo della Nazionale femminile di calcio ai Mondiali ci ha costretto a ricordare la figuraccia maschile, e a rivedere un po’ di stereotipi radicati nella nostra mentalità. Oltre a fornire alle nostre mogli altre solide argomentazioni sul ruolo dominante della donna.

 

  1. 1. Lure i zöga e nóter a m’sé a cà

Mesta considerazione che ricorda la vergognosa mancanza della Nazionale italiana ai Campionati del Mondo maschile, una ferita che non si è ancora rimarginata. [Trad: Loro giocano e noi siamo a casa]

 

2. Ghe n’è dét dò ch’i me piàs

Le valutazioni maschili oscillano tra il tecnico e l’estetico, e non si capisce se il giudizio espresso sia applicato all’abilità nel dribbling e nel tackle o a parametri fisici non propriamente atletici. [Trad: Ce ne sono un paio che mi piacciono]

 

3. Issé zöghe a’ mé

Brutale denigrazione del calcio femminile che nasconde, oltre alla mancata conoscenza del valore sportivo della squadra, una malcelata invidia per i traguardi raggiunti dalle ragazze. [Trad: Così gioco anch’io]

 

4. Pensàe mia

Manifestiamo a volte un genuino stupore che viene suscitato dall’armonia e dalla tecnica dell’undici femminile, che spiazzano i più accaniti teorici delle virtù unicamente casalinghe della donna. [Trad: Non pensavo…]

 

5. I pica pò a’ lure

Entrate decise, energiche trattenute e spallate vigorose entrano anche nel repertorio del gentil sesso, che in queste occasioni perde qualcosa in leggiadria ma acquista in determinazione. [Trad: Picchiano anche loro]

 

6. La mé moér l’à ciapàt passiù

Consorti che hanno sempre visto come il fumo negli occhi le partite, occasioni in cui il marito si isola davanti al televisore, hanno improvvisamente scoperto che il calcio piace anche a loro. E a loro volta monopolizzano la visione. [Trad: Mia moglie si è appassionata]

 

7. A m’sè mèi in töt

L’orgoglio femminile, che di per sé non avrebbe bisogno di essere ulteriormente sollecitato, in questi casi trova il facile pretesto per ribadire una superiorità che si estende ben oltre i limiti del campo da calcio. [Trad: Siamo migliori in tutto]

 

8. Gh’è negót de dì, i è bràe

Alla fine la maggior parte di noi ammette la bravura delle nostre azzurre, e si converte a un tifo che, fino a poco tempo fa, non poteva neppure essere immaginato. [Trad: Niente da dire, sono brave]

 

9. Pò a ‘l mister l’è öna fómna

Con un curioso controsenso lessicale, prendiamo atto che la donna può ricoprire tutti i ruoli anche nel mondo del football, anche se la nostra lingua non si è ancora adattata. [Trad: Anche il mister è una donna]

 

10. Ol mónd a l’incontrare

Naturalmente non mancano gli eterni insoddisfatti, i più conservatori che non ammettono alcuna novità o evoluzione. Rasserena vedere che, malgrado loro, il mondo va avanti. [Trad: Il mondo gira al contrario]

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia