Il 30 e il 31, alle 22

Al Goisis i live non finiscono mai Neppure ora che è fine agosto

Al Goisis i live non finiscono mai Neppure ora che è fine agosto
31 Agosto 2017 ore 08:15

L’estate sta finendo e un anno se ne va, sto diventando grande, lo sai che non mi va… Così cantavano più di trent’anni fa i Righeira in una canzone diventata più di un cult, soprattutto in questo periodo. Anche per questo 2017, infatti, agosto è pronto a salutarci e settembre incombe. Nostalgia canaglia, verrebbe da dire citando un altro grande pezzo della musica italiana. Per fortuna, però, c’è il Goisis. Nell’area verde di Monterosso, per fortuna, nonostante l’incombente fine dell’estate si continuano a fare le cose per bene e sappiamo per certo che non rimarremo soli. Merito di un programma, come sempre, ricco di appuntamenti, a partire proprio dalla sera del 30 agosto, quando i ragazzi di We Run Bergamo cambieranno il loro abituale giro di corsa cittadino eleggendo (dalle 21) proprio l’estivo Goisis a punto di partenza e di arrivo. Sabato 2 settembre, invece, dalle 17 torna il The Little Flea Market, ovvero l’esclusivo “mercatino” curato da La Terza Piuma e Goisis interamente dedicato al vintage e alle produzioni artistiche. A tutto questo, si aggiungono due live acustici di livello, che sono pure due ritorni in quel di Monterosso.

 

Bag Ladies live
(mercoledì 30, ore 22)

Quando due ragazze esplosive si incontrano, non può che nascere una bomba. Lo sappiamo bene, del resto, visto che le Bag Ladies, alias Giulia Spallino e Carolina Pasinetti, al Goisis ci sono già passate lo scorso 9 agosto, regalando una vera e proprio esplosione di note. Il progetto, che prende il nome da un pezzo di Erykah Badu, un pezzo che in sostanza dice «ragazza, se hai un obiettivo, non aspettare il destino o gli altri ma datti una mossa», non può che essere contraddistinto da un alto tasso di ritmo e talento dietro cui si celano due artiste molto note sul territorio orobico. Tra sonorità contemporary R&B, new soul e rap, le Bag Ladies promettono innanzitutto una cosa: divertimento. «Siamo due donne che si divertono e che vogliono sperimentarsi, in un mondo musicale prettamente maschile, e dove le cantanti spesso si scannano fra di loro – raccontavano qualche tempo fa -. Entrambe abbiamo un’identità vocale ben definita e nonostante ciò ci capiamo al volo quando si tratta di cantare a due voci o di arrangiare un pezzo. È un progetto che ci fa stare bene e che ci permette di crescere, sotto molti punti di vista».

 

Two Blues
(giovedì 31, 22)

Un altro ritorno al Goisis per un altro live acustico di livello. Dalle note moderne e “creative” di Giulia e Carolina, il 31 agosto si passa ai suoni malinconici e coinvolgenti di un’America che c’è ancora ma che si racconta poco. Merito dei Two Blues, ovvero Max Marchesi e Marco Pasinetti, duo nato alle 16 circa di un caldo pomeriggio estivo, quando si incontrarono per condividere una suonata in strada. Sono passati anni, i palchi si sono ormai spesso sostituiti agli angoli di strada, ma lo spirito è sempre quello: accompagnare il pubblico in un viaggio emotivo con canzoni puramente “on the road”. Un viaggio che non ha bisogno né di stradario né di calendario, nel quale basta abbandonarsi alle note per partire. Johnny Cash, Bob Dylan, Hank Williams, Tom Waits, JJ Cale, Otis Redding, Bill Withers: un repertorio blues variegato, immenso, che ci porta ad incontrare personaggi spesso dimenticati, disagiati, alle prese con un amore fallito, con l’ennesima bottiglia svuotata, senza più una casa. I fiumi paludosi del Sud degli States lasciano presto il posto a un treno merci in corsa senza una vera meta; si passa da una prigione a un pontile isolato. I Two Blues, con la sola forza di chitarra e voce, raccontano la vita di cantautori che hanno descritto in modo poetico e significativo la società americana dell’ultimo secolo. Un viaggio bellissimo da fare restando nel cuore della nostra Bergamo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia