Viva Bèrghem
I record e le regole

Cose da sapere se oggi abbraccerete le Mura

Cose da sapere se oggi abbraccerete le Mura
Viva Bèrghem 01 Luglio 2016 ore 10:00

Finalmente ci siamo: uno degli eventi più "grandi" che Bergamo abbia mai organizzato sta per diventare realtà. Oggi pomeriggio, domenica 3 luglio, si terrà l'attesissimo Abbraccio delle Mura, iniziativa organizzata dal Comune di Bergamo, Provincia di Bergamo e da Turismo Bergamo con l'intento di "disegnare" il contorno delle Mura veneziane con uno straordinario abbraccio umano: circa 15mila persone si abbracceranno lungo i 5 chilometri del perimetro, un'iniziativa che si candida anche a vincere il Guinness World Record per il più grande abbraccio umano intorno a un monumento storico e per la più lunga staffetta di abbracci della storia. Un modo piacevole e unico per dimostrare come tutta la cittadinanza supporti attivamente la candidatura delle Mura veneziane a Patrimonio dell’Umanità Unesco.

 

 

Una partecipazione... da record! L'iniziativa è nata meno di un mese fa, ma la partecipazione dei bergamaschi è stata incredibile e, forse un po' inaspettatamente per alcuni, numerosissima. Si è raggiunta quota 15mila iscritti, con 1770 adesioni (per 364 posti) come portabandiere e 240 richieste per steward. Sappiamo bene, infatti, che noi abitanti di Orobie e dintorni non siamo fatti per le smancerie. Romanticismo e coccole le lasciamo volentieri ad altri. Non è che non proviamo affetto, solo abbiamo un modo tutto nostro di esprimerlo. Siamo un po’ “orsi” insomma. E invece... Nel giro di poche settimane, migliaia di persone si sono iscritte all'iniziativa, compilando il form appositamente predisposto sul sito di Turismo Bergamo. Un messaggio bellissimo, sia alla città che all'Unesco, visto che l'Abbraccio è stato pensato proprio come un modo per far conoscere, sia a livello nazionale che internazionale, la bellezza e l'importanza storica del monumento. Oltre alla cittadinanza, anche una trentina di Comuni della Bergamasca, l'ATB, l'Avis, l'ANA Bergamo, il CAI, il CSI, la Diocesi e gli oratori, la ASCOM, la Confesercenti, l'Accademia Carrara, l'Atalanta, l’Associazione Noter de Berghem, L’Eco di Bergamo e Bergamonews hanno aderito all’evento, a dimostrazione dell’entusiasmo e della partecipazione del territorio a sostegno della candidatura.

 

 

Mezzi gratis e sconti, basta la maglietta. L'ATB metterà a disposizione gratuitamente il trasporto pubblico a tutti i partecipanti all’iniziativa (basterà avere la maglietta della manifestazione), mentre l'Accademia Carrara garantirà uno sconto del 50 percento sull’ingresso alla pinacoteca. I commercianti riuniti nello spazio estivo a Borgo Sant’Agostino, invece, praticheranno il 50 percento di sconto sulle bevande consumate la sera dell’evento a tutti coloro che si recheranno alla cassa con la maglietta dell’Abbraccio delle Mura. Nonostante manchino poche ore al grande evento, iscriversi è ancora possibile, sia singolarmente che in gruppo o in famiglia, e sarà possibile fino a oggi, 3 luglio. E, naturalmente, è tutto assolutamente gratuito.

Le Mura saranno divise in quattro settori, ognuno identificato da un colore, e ad ogni partecipante verrà fornito un kit comprensivo di una t-shirt che, a partire da mercoledì 29 giugno, è possibile ritirare nei 5 centri commerciali Esselunga bergamaschi (situati in via San Bernardino e via Corridoni a Bergamo, in via Bergamo a Curno, in via Cascina Colombaia a Nembro e nel centro commerciale Le Due Torri a Stezzano), oltre che all’info-point allestito in piazza della Libertà. Proprio in quest'ultima sede potranno ritirare la maglietta anche i non bergamaschi iscritti all'evento entro le 14. Oggi, invece, saranno consegnati, all’atto della registrazione, bandane e sconti all’Accademia Carrara.

 

 

Cose da sapere. Per favorire la riuscita della manifestazione, Città Alta sarà chiusa al traffico privato per tutta la giornata, e anche ai mezzi pubblici a partire dal pomeriggio. Come detto, infatti, l'Abbraccio coinvolgerà tutto il perimetro delle Mura. Questo è stato suddiviso in quattro settori identificati da diversi colori: giallo (da Porta San Giacomo a Porta sant’Agostino); rosso (da Porta Sant’Agostino a porta Garibaldi); verde (da Porta Garibaldi a Porta Sant’Alessandro); blu (da Porta Sant’Alessandro a Porta San Giacomo). I partecipanti riceveranno una mail nella quale sono indicati il settore e il numero del gruppo in cui dovranno collocarsi. Gli organizzatori consigliano di presentarsi nel punto di ritrovo previsto tra le 15 e le 17, vista anche la difficoltà di gestire così tante persone.

I partecipanti accederanno a Città Alta attraverso le porte legate al loro colore di riferimento e, appena passato il varco, troveranno un banchetto dove poter compiere il "check in" all’evento. Lì sarà necessario identificarsi attraverso il QR code presente nella mail ricevuta come conferma di partecipazione all'evento, così che sia possibile conteggiare l'esatto numeri dei partecipanti e validare il Guinness World Record. Una volta registrate, le persone potranno sistemarsi attorno al loro settore, cercando il cartello che presenta il numero del loro gruppo di riferimento. Il momento tanto atteso arriverà poi alle 18, quando si procederà con il primo record da infrangere: i partecipanti saranno disposti su due file, una interna e una esterna. Ognuno avrà di fronte la persona che dovrà abbracciare. Al via partirà l’abbraccio, che dovrà avere almeno 10 secondi di durata, fino al segnale di stop, altrimenti il record potrebbe essere invalidato.

 

abbraccio-delle-mura_44074_display

 

Foto di gruppo e la staffetta degli abbracci. Finito il primo abbraccio, via al secondo: entrambe le file si dovranno rivolgere verso Città Alta, la fila interna si accoscerà, come si fa solitamente nelle foto di squadra, mentre la fila più esterna avanzerà. Tutti, poi, abbracceranno il proprio vicino per le spalle. Delle telecamere riprenderanno ogni gruppo, dando poi vita alla foto di gruppo più grande del mondo. Ma non è finita, visto che Bergamo sogna di infrangere anche un ulteriore record, ovvero quello della staffetta di abbracci più lunga del mondo. Il primo di ogni fila di ogni settore, dunque, dovrà abbracciare la persona alla sua sinistra, dando così il via così a una serie di abbracci lunghissima. Un modo bellissimo per dimostrare affetto (è proprio il caso di dirlo) verso la nostra Bergamo, la sua bellezza, la nostra storia. Ma anche per dimostrare che, in fondo, noi bergamaschi non siamo poi così "orsi".

Seguici sui nostri canali