Viva Bèrghem
Uno spazio creativo

Hanami in via Martiri di Cefalonia Dove si incontrano fiori e design

Hanami in via Martiri di Cefalonia Dove si incontrano fiori e design
Viva Bèrghem 02 Dicembre 2014 ore 16:15

hanami fotografo devid rotasperti (29)

 

«Hanami non è solo il mio lavoro, è la mia passione e gran parte della mia vita, delle mie emozioni. Tutto è nato con i fiori, e poi è andato oltre...». Claudia Tinor Centi, titolare del prezioso negozio di fiori in Via Martiri di Cefalonia 6, è una flower designer che si lascia ispirare dalla bellezza: dai colori di un bosco, dalla forza del mare, da un bel quadro, da una vecchia casa piena di ricordi. Da qui nascono poi composizioni floreali cariche di energia vitale, di colori ben accostati, di cui armonia e poesia sono le parole chiave.

Originaria di Pordenone, è arrivata a Bergamo per amore, dove poi si è stabilita. Hanami, che in giapponese significa letteralmente “ammirare i fiori” è uno spazio creativo che vibra per la romantica creatività, unita al design. Tra le pareti bianche, moderne strutture d'acciaio si mescolano a scaffalature in legno sbiancato, mostrando allestimenti rigorosamente curati nel dettaglio. «Amo fare ricerca – racconta Claudia, donna consapevole e di gusti raffinati – tanto che anche per Natale ho deciso di proporre qualcosa di nuovo, abbinando materiali morbidi e selvaggi, come il plumoso selvatico, a delicati oggetti in rame, per un effetto scenografico molto sofisticato». Quel che ne risulta sono matrimoni eleganti tra sfere di lichene verde menta e lanterne di rame in stile marocchino, o vasi di terracotta dipinti a mano accostati a palle di vetro soffiato.

Una scelta di colori, quella del verde e del rame, che si discosta invece dai fiori freschi, scelti nelle tonalità del bianco e del rosso. In eleganti vasi, spiccano i primi narcisi, i tulipani e gli ellebori, accanto ai rossi vivaci degli amarillis, a bacche di rosa canina (disponibili, tra l’altro, in cinque gradazioni differenti). «Abbiamo anche elementi come i fiori del gossypium (fiori di cotone), i fiori del cedro del Libano, le cascate di datteri e la corteccia di sughero, per composizioni di ispirazione invernale», conclude Claudia, mentre crea un nuovo bouquet.

Accanto ai fiori, c'è anche una scelta variegata di tè firmati Palais des Thes, al sapore di pera, fiori d'arancio e Long Jing. Una confezione di tè e un fiore diventano dunque un regalo prezioso, dalla modica spesa, e simbolo di un pensiero che porta bellezza. Perché più di tutto è questo che Claudia vuole offrire: bellezza.

Claudia è anche una donna decisa, che sa affrontare le sfide di ogni giorno con grinta ed intelligenza, e lancia messaggi contro la crisi. Lo scorso anno, per esempio, fu sua l'idea di scrivere sulle grandi vetrine un proverbio cinese di grande saggezza. Così recitava: «Quando soffiano i venti del cambiamento, c'è chi costruisce muri, e chi mulini a vento».

28 foto Sfoglia la gallery
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter