Viva Bèrghem
Il menu, i numeri, i retroscena

La cena da favola di Da Vittorio alla presentazione della nuova Alfa

La cena da favola di Da Vittorio alla presentazione della nuova Alfa
Viva Bèrghem 26 Giugno 2015 ore 19:00

Era uno degli eventi a quattro ruote più attesi di tutto il 2015: l’anteprima mondiale della nuova Giulia, l’ultima arrivata in casa Alfa Romeo. Il 24 giugno 2015, nel giorno in cui la prestigiosa casa automobilistica festeggiava i 105 anni di vita, nella cornice del rinnovato museo Alfa Romeo di Arese (che aprirà i battenti al grande pubblico il 30 giugno), la nuova meraviglia, nella versione top di gamma contraddistinta dal leggendario quadrifoglio, è stata presentata a oltre 400 giornalisti di tutto il mondo.

La presentazione mondiale. A fare gli onori di casa, tra gli altri, il presidente della Juventus Andrea Agnelli (seduto nelle prime file vicino al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio), John Elkann con la bella moglie Lavinia Borromeo, il capo del brand Harald Wester e, naturalmente, l’ad di Fca Sergio Marchionne. Che verso le sei inizia a parlare. E garantisce: «La Giulia rappresenta l’inizio di un processo di ricostruzione del marchio». Processo iniziato, peraltro, a maggio di un anno fa, quando era stato presentato il piano da 5 miliardi di investimenti mirato alla vendita di 400mila auto nel 2018 (sei volte tanto quelle del 2004). Numeri non da poco. Ce la faranno? Bocelli canta Nessun dorma della Turandot e Marchionne assicura che sì, ce la faranno, perché «Alfa Romeo è la nostra Turandot. Lo è per la sua genesi travagliata, quella di un capolavoro rimasto per lungo tempo incompiuto».

 

 

Giulia Alfa Romeo, un gioiello. Un capolavoro che è solo il primo di altri sette modelli completamente nuovi. E che porta la firma di un team di ingegneri, tecnici e designer rinominati Skunks. Come lo staff della Locked Martin che, durante la guerra, in un bunker nascosto crearono in pochissimo tempo lo Shooting Star, il primo caccia a reazione americano. Un gioiello. Come quest’auto. A trazione posteriore come le grandi Alfa del passato (con opzione trazione integrale). Con un motore turbo benzina 6 cilindri da 510 CV di origine Ferrari/Maserati (che consente alla vettura di passare da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi). Perfetta distribuzione dei pesi (50/50 tra i due assi), sospensioni raffinate, tecnologia Torque Vectoring per il massimo controllo della stabilità, fibra resistente e ultra-leggera in carbonio e alluminio. Cofano lungo, parafanghi muscolosi, sbalzi ridotti, un profilo dinamico “a goccia” che ricorda la meravigliosa Giulietta Sprint.

8 foto Sfoglia la gallery

La cena firmata Da Vittorio. Tanta meraviglia non poteva che terminare in un momento di ristoro altrettanto eccellente. Naturalmente e fortunatamente italiano. E, udite udite, bergamasco. Ebbene sì: Silvia Trabucco, responsive public relations&events di Fiat Group, ha pensato proprio a Da Vittorio, il tre stelle Michelin di Brusaporto guidato dalla famiglia Cerea, a cui è stata affidata l’organizzazione, per tre giorni consecutivi e per 500-600 ospiti al giorno, dell’aperitivo e dell’elegante cena servita a chiusura della presentazione. Lo chef Chicco Cerea ci svela un po’ di numeri e di retroscena: una 70ina le persone dello staff del ristorante, tra sala e cucina, impegnate per l’evento, 18-20 l’ora dell’aperitivo, 80 i giornalisti con buffet/saletta stampa dedicato, 4 le portate servite al tavolo per la cena, durata un’ora e un quarto. Presenti, dati il prestigio e la portata della manifestazione, tutti e tre i fratelli: gli chef Chicco e Bobo e il maître sommelier Francesco; affiancati per l'organizzazione dall'event planner Gaia Gionchetti, per la cucina da Massimo Malighetti, e per la sala da Fabio Indalizio. Un servizio «impegnativo», rivela Chicco, ma anche molto soddisfacente, ripagato dalla stretta di mano di Marchionne e dal suo: «Siete stati fantastici!». Niente male.

Del resto, bastava dare un occhio al menu. Si iniziava con delicati Fiori di zucca ripieni di ricotta e mentuccia, per continuare con una raffinata Spuma allo zafferano e granita di erbe del Mediterraneo. Un primo piatto sofisticato ma ad effetto: Conchiglioni al ragù di crostacei.  Pesce (la specialità di casa Da Vittorio) anche per il secondo: Filetto di rombo con tortino di melanzane, pomodori canditi, olive e capperi. E poi, il dolce: Crema di fragoline di bosco con gelato alla panna e buffet di ciliegie, albicocche, fragole e piccola pasticceria. Chicca finale: i cannoncini live, cioè riempiti di crema al momento direttamente dalle mani degli chef. Fate voi!

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter