Poker d’assi

Le 4 migliori gelaterie di Bergamo per la guida del Gambero Rosso

Le 4 migliori gelaterie di Bergamo per la guida del Gambero Rosso
Viva Bèrghem 22 Settembre 2018 ore 07:00

Quando si parla di gusti la faccenda è delicata. Se ci sono di mezzo centinaia di artigiani quotatissimi, ancor di più. Se i gusti sono quelli del gelato, anche, la bagarre è dietro l’angolo, perché all’affermazione «le migliori gelaterie sono» è già pronto il commento «ma non potete lasciar fuori….». Quindi, queste selezioni hanno immancabili lacune nel dna. Affidarsi però a un’autorità di un certo peso quale la guida Gelaterie d'Italia del Gambero Rosso porta a insegne sicure, da non perdere. Ecco quali sono, secondo la nostra fonte, gli indirizzi migliori della provincia di Bergamo.

 

La Pasqualina – Almenno San Bartolomeo e Bergamo

 

L’insegna di Riccardo Schiavi è fra le migliori pasticcerie della Penisola, uno di quei locali da frequentare a qualsiasi ora, dalla colazione alla merenda. L’amore per il gusto ha il suo culmine nel gelato con la selezione attenta delle materie prime da ogni regione, lavorando gli ingredienti nella maniera tradizionale. Un gelato setoso, autentico, squisito. Da non perdere l'Isola che non c'è, con mandorle italiane e zucchero caramellato, e poi il Sogno di Maya, felice combinazione di cacao e nocciole di Piemonte Igp. Il take away si avvale di speciali confezioni che permettono di mantenere separati i gusti.

 

Pandizucchero – Almè

C’è sempre la coda al banco del Pandizucchero, un punto di riferimento imprescindibile lungo la statale che collega Bergamo alla Val Brembana. Il chiosco che dà sul traffico è semplice e curato, il gelato è cremoso e apprezzatissimo. L’artista artigiano è Ronald Tellini, che gestisce l'insegna insieme ai genitori. Cioccolato, mandorla, pistacchio e torrone sono i grandi classici intramontabili sempre presenti in gelateria, ma ci sono anche il mascarpone con noci di Sorrento, il Bloody Mary con pomodori datterini, centrifuga di sedano, sale della Slovenia, tabasco e Worcestershire sauce, il lampone di Albenza e rosmarino. L’anno scorso ha visto la luce anche Lasagna dolce: si rifà al piatto tipico domenicale dal punto di vista estetico, sostituendo le componenti salate con ingredienti dolci.

 

Al d.mangiami – Bergamo

L'impiego dell'azoto liquido per la produzione di un buon gelato è oggi una tecnica piuttosto diffusa fra diversi artigiani della Penisola. Il primo a introdurlo nella propria gelateria, però, stato Marios Gerakis, greco di nascita ma bergamasco di adozione. Solo ingredienti naturali al 100%, senza l'aggiunta di alcun tipo di conservante o grassi vegetali e idrogenati. L'insegna è attualmente chiusa e l'artigiano sta facendo lavori di consulenza per altre gelaterie e pasticcerie della zona. Ma presto dovrebbe tornare a bottega.

 

Oasi American Bar – Fara Gera D'Adda

Fra i gelati di Candida Pelizzoli spiccano quelli funzionali, realizzati combinando fra loro frutta e verdure con proprietà nutraceutiche ben definite. Gusti saporiti e intensi, ottime le variazioni di cioccolato. Fra gli abbinamenti più insoliti, lo spinacino, a base di spinaci e kiwi, e poi quello con carota e violetta, e ancora pomodoro datterino e lampone.