Un quartiere che cambia

Malpensata, addio al palaghiaccio Pista per roller con spazio feste

Malpensata, addio al palaghiaccio Pista per roller con spazio feste
08 Maggio 2017 ore 06:00

Pareti in vetro e pavimenti al quarzo. Modernissima, la nuova struttura con pista da roller che sorgerà al posto del palazzetto del ghiaccio della Malpensata. Con tanto di spazi feste e cineforum. La gestione potrebbe essere affidata ai ragazzi dello spazio giovani «Gate», da poco inaugurato al centro del parco rinnovato. Insomma, la rinascita della zona continua, con la trasformazione dell’ex gasometro in parcheggio dietro l’angolo (i lavori sono al via).

Il palaghiaccio non serve più. C’è infatti il nuovo IceLab di via San Bernardino, costruito da Italcementi per la città. Quindi, come anticipato in apertura, si procede all’abbattimento.  Al suo posto sorgerà uno spazio polivalente, presentato a metà aprile alla rete sociale del quartiere: sarà inaugurato entro l’estate del prossimo anno. Spazio al pattinaggio a rotelle in linea (roller), certo, ma non solo: l’impianto si presterà anche ad altri usi, come da richiesta del quartiere. Feste e proiezioni cinematografiche, cioè.

 

 

Progetto di Luciano Locatelli. Il progetto, dicevamo, c’è ed è esecutivo. Sviluppato internamente dagli uffici comunali e seguito dall’architetto Luciano Locatelli, ha quasi terminato il suo iter: finirà sul tavolo della Giunta entro la fine di maggio. «Poi si partirà con la gara d’appalto per la rimozione della struttura, operazione che dovrebbe iniziare a ottobre per concludersi entro febbraio 2018 – spiega a L’Eco di Bergamo l’assessore ai Lavori pubblici, Marco Brembilla –. A quel punto inizierà la costruzione del nuovo palazzetto, per il quale servirà un altro quadrimestre». I tempi sono stretti: bisogna prendere la palla al balzo del Bando periferie, approvato dal Governo lo scorso luglio: in questo modo verranno finanziati completamente gli 1,8 milioni necessari. Un milione e mezzo per la pista di roller; 300mila euro per la demolizione del vecchio palaghiaccio e per la bonifica dell’area (per fare il ghiaccio veniva usata l’ammoniaca, quindi i piccoli sversamenti vanno ripuliti).

Il legame col parco. La struttura si affaccerà sul verde del parco grazie a due pareti in vetro. L’edificio ospiterà sia il deposito del nuovo centro giovanile Gate, sia gli spogliatoi e l’infermeria per il nuovo campo da basket costruito dentro il parco. Ci saranno delle gradinate che si affacciano sulla pista, naturalmente, e il pavimento sarà in cemento al quarzo lisciato. Le misure saranno regolamentari per gare di pattinaggio e hockey, ma inizialmente non è stata prevista un’omologazione per un uso agonistico. «L’impianto è pensato per un utilizzo di tipo sportivo-ricreativo, in modo da dare spazio non solo alle associazioni di pattinaggio, che comunque lo sfrutteranno in forma prevalente, ma anche a tutte le altre attività che necessitano di una pista a superficie liscia», ha commentato, sempre a L’Eco, l’assessore allo Sport, Loredana Poli.

Copertura per la pista del Pilo. Per gli appassionato del pattinaggio a rotelle c’è anche un’altra novità in arrivo: si sta valutando di dotare la pista inserita nel parco di via Rosolino Pilo, Valtesse, gestita da Bergamo Sport, di una copertura, in modo da renderla utilizzabile anche quando piove e fa freddo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia