Menu
Cerca
Dai bouquet alle profumazioni

Oggetthi in Borgo S. Caterina Fiori, fantasia e un tocco bon ton

Oggetthi in Borgo S. Caterina Fiori, fantasia e un tocco bon ton
Viva Bèrghem 18 Febbraio 2015 ore 08:15

oggetthi bergamo foto devid rotasperti (26)

 

Segno zodiacale Vergine. Colore preferito il rosso, per il suo carattere forte, sanguigno, acceso. Passione i fiori, che sono tanti e belli e riempiono il suo negozio. Benvenuti da Oggetthi, un luogo dove trovano casa piante ornamentali, cactus di legno, vasi fatti a mano e complementi d’arredo. Artefice di questo mondo colorato e decisamente profumato è Cristian Bonfanti, 37 anni indossati su un sorriso aperto e carico d’energia.

La sua avventura è iniziata qualche anno fa, nel 2002, quando con un’amica aveva aperto un piccolo negozio di lampade e candele. Un esperimento, per vedere se il lavoro creativo avrebbe potuto diventare passione e appagamento. Nel 2003 era seguita l’inaugurazione del negozio floreale in Borgo Santa Caterina, uno spazio alternativo fatto di piccoli oggetti e grandi soddisfazioni. Eventi, matrimoni, composizioni floreali. Per il giovane fiorista c’è sempre qualcosa di nuovo da decorare, interpretando le emozioni e i desideri delle clienti, che sono soprattutto donne che si vogliono bene e dunque che si regalano un fiore. «Anche se sono regali che le clienti fanno a se stesse – racconta Cristian – amo confezionare il dono. Capita a volte che l’idea sia di regalare una pianta ad un’amica, ma poi una volta a casa decidano di tenerla per sé, perché vedono quanta bellezza possa donare un elemento floreale al luogo in cui viviamo».

Cristian ha una personalità eclettica: non solo compone bouquet floreali, ma dipinge tele, realizza oggetti di design, gira per mercatini alla ricerca di mobili antichi da recuperare. Nasce così il suo negozio, al n. 77 di Borgo Santa Caterina, con le pareti movimentate da un intervento artistico e i lampadari costruiti da Cristian con cassette di plastica nei toni del verde e del rosso, interamente realizzate con materiale di recupero. Tra vasi di primule, bulbi invernali e piante tropicali, il negozio vibra di note positive e di creatività artigianale. Sugli scaffali fanno bella mostra di sé essenziali vasi in ceramica, decorati con strisce bianche e rosse, firmati Claylab, e grandi fichi d’india di legno, realizzati a mano da un artigiano bergamasco. Tra le proposte non mancano profumazioni per l’ambiente, composizioni con rose stabilizzate e frutta secca, cuori in lana colorata e le spille di Guia Aiolfi. «Amo collaborare con gli artigiani, perché credo molto nelle sinergie – prosegue Cristian, sfoderando il suo sorriso -. Io stesso, quando creo, cerco di reinventarmi ogni volta per esprimere la creatività, che può riversarsi in una composizione di rose stabilizzate oppure su una tela, a seconda del mio stato d’animo».

Ma cosa chiedono le sue clienti? «Chi entra qui è una persona appassionata di oggettistica – spiega il fiorista del borgo – con gusti che vanno dall’eccentrico al semplicissimo. Una linea comune contraddistingue invece le spose. Oggi va molto il matrimonio con decorazioni semplici, di cui protagonisti sono fiori morbidi e di stagione». L’idea in più? La fa spesso il contenitore, che può essere in tessuto oppure in panno, senza essere troppo elaborato. Largo alla fantasia dunque, ma solo se a guidarla c’è un tocco di bon ton!

24 foto Sfoglia la gallery