Il ricco programma

Il Palio degli Asini di Songavazzo Una festa nata per divertimento

Il Palio degli Asini di Songavazzo Una festa nata per divertimento
19 Luglio 2019 ore 09:15

Un weekend di festa attende il paese di Songavazzo. Sabato 20 luglio si apre infatti la 25° edizione della Fiera del Carmine, evento che vede al centro degli spettacoli il famoso Palio degli Asini. Principali attori, vere star di questa “corsa” speciale, sono i simpatici quadrupedi dalle lunghe orecchie. L’evento interessa questo piccolo paese della Val Seriana ormai da anni, tanto che la manifestazione, che tocca il traguardo del quarto di secolo, risale in realtà a tempi molto più lontani. Artefice dell’iniziativa è l’Associazzione Giovani di Songavazzo, un gruppo che nasce nel 1994 e che oggi conta quasi ottanta iscritti, giovani e “non più giovani” che ancora credono nell’importanza di un gruppo unito e solidale. Oltre al Palio, l’associazione organizza altri eventi volti ad animare il paese, come il Songastribut a fine agosto, un weekend di buona cucina e musica con le miglior cover band del panorama rock.

 

 

Parola all’associazione. «Anche quest’anno al Palio partecipano otto fantini, naturalmente accompagnati da asinelli fuoriclasse – commenta Giovanni Pezzoli, presidente dell’associazione -. Il nostro Palio, a differenza di tanti altri, non coinvolge le contrade del paese, è nato come una corsa tra amici e vogliamo che mantenga sempre questa tradizione. È un modo per trovarci tutti insieme e passare una serata divertente. Ogni anno per la corsa allestiamo un tema diverso e questa volta, in onore del cinquantesimo anniversario di Woodstock, abbiamo deciso di vestire i fantini da hippy e di assegnare un premio al “cavaliere” più simpatico. Lo scopo principale resta quello di divertirsi e far divertire. Anche perché la corsa, alla fine, non la la fa il fantino, ma l’asino!».

Il programma. Sabato 20, dalle ore 15, si apre la grande fiera con bancarelle di artigianato, hobbistica e merceologia varia lungo le vie centrali del paese. Segue l’animazione per grandi e piccini con i Zumba Fitness e il concerto dei trio acustico Sofia, Matteo e Luca. Alle ore 19 apertura della cucina con prelibatezze locali e sapori seriani. Non mancheranno casoncelli, strinù, polenta, formagella e altre specialità orobiche. Si continua alle ore 20.30 con la sfilata per le vie del paese di fantini e asinelli accompagnati dalla banda. La partenza dei “ciuchini” è prevista (l’ultima parola spetta sempre all’asino) alle 21.15, lungo un percorso realizzato appositamente per l’occasione presso il campo sportivo comunale. Seguono le premiazioni, la serata danzante con il Duo Dance e l’estrazione dei biglietti della sottoscrizione a premi. Chiude la serata lo spettacolo pirotecnico alle ore 23.

4 foto Sfoglia la gallery

La Festa della Madonna del Carmine. «Quest’anno si festeggia la venticinquesima edizione della Fiera, ma in realtà la corsa degli asinelli ha radici molto più lontane e viene già ricordata negli anni ’70 – continua Pezzoli -. Una tradizione che la lega al nostro paese da decenni, iniziata probabilmente con i nostri nonni e portata avanti dai nostri genitori. Negli anni la corsa si è sviluppata sempre di più ed è stata accorpata alla Fiera e alla Festa della Madonna del Carmine, che probabilmente è di diritto la più antica sagra del paese». Una devozione che risale al 1100, quando, si racconta, un gruppo di monaci si ritirò sul Monte Carmelo (promontorio sul Mar Mediterraneo) per pregare. Domenica 21 luglio la parrocchia organizza la 287° edizione di questa festa e, in onore della Beata Vergine, si tiene la Solenne celebrazione animata dalla corale don Angelo Covelli, con processione tra la vie del paese della statua dedicata alla Madonna, costruita nel 1732 da Andrea Fantoni.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia