Come si produce

Il particolarissimo Blu di Bufala detto «il capolavoro di Cologno»

Il particolarissimo Blu di Bufala detto «il capolavoro di Cologno»
25 Marzo 2017 ore 06:00

Detto anche il capolavoro di Cologno, questa particolarissima produzione del Caseificio Quattroportoni (appunto di Cologno al Serio) altro non è che una prova della maestria dell’arte casearia dei bergamaschi. Di Alfio e Bruno Gritti, in particolare. Della tradizione in realtà non c’è moltissimo, anzi, è proprio il fatto di essere qualcosa fuori dal comune che ha fatto la sua fortuna. Parliamo del Blu di Bufala, ovviamente.

Il mercato soprattutto internazionale. Chi è del settore, o vagamente appassionato, già lo conosce bene, gli altri un po’ meno, anche perché Bergamo e circondario sono la geografia che regala meno soddisfazioni, in termini di vendite, mentre si va molto bene nelle boutique gourmet di Londra, nelle fromagerie parigine e sui banchi raffinati di New York, dove il made in Italy di qualità superiore va sempre a ruba, a 100 euro al chilogrammo. Ma anche Tokyo, Osaka, Sidney e Singapore.

 

 

Come si produce il Blu di Bufala. L’eccezione la racconta già il nome: ottenuto da latte bufalino anziché vaccino o caprino, cioè con un latte che non è certo abituato a vedersi lavorare dalla lira orobica. E poi blu, cioè erborinato, cioè inoculato con quelle particolari spore di muffa nobile che sviluppano le tanto amate striature, con sfumature grigiastre o verdastre o appunto bluastre, a seconda del ceppo. Queste, insieme al colore, fanno in modo che si trasformi anche l’aroma e il sapore, donando alla pasta quel gusto pungente e peculiare, a volte accompagnato da sensazioni piccanti e ammoniacali. Ma tutto molto più dolce e più armonico rispetto a un Gorgonzola o a un Roquefort, proprio perché il latte di bufala ha caratteristiche di leggerezza e morbidezza organolettica peculiari.

I numeri del successo. Tutto merito di un’azienda che ha deciso di fare tabula rasa del vecchio allevamento per introdurne uno dal carattere pioneristico, a queste latitudini. Passando da 40 capi presi a Varese nel 2001 alla mandria di 600 capi acquistata in blocco da Latina nel 2003. Se ancora non lo conoscete, assaggiatelo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia