Dal 5 al 13 marzo

Pronti per Bergamo Film Meeting?

Pronti per Bergamo Film Meeting?
Viva Bèrghem 03 Marzo 2016 ore 15:30

I cinefili di Bergamo stanno per stringersi attorno al loro appuntamento preferito, il Bergamo Film Meeting, che quest’anno offre loro la possibilità di partecipare ancora di più e più da vicino, raddoppiando gli appuntamenti che richiedono le loro preziose votazioni.

I numeri di questa 34esima edizione sono da capogiro e non fanno altro che sottolineare il gradimento che ogni anno ottiene il Festival: 143 proiezioni tra lungometraggi, documentari e corti, 6 opere di video-arte, 3 anteprime, 3 mostre e 3 workshop, 3 proiezioni a Milano, 1 masterclass, 1 tavola rotonda, 1 fantamaratona, 2 sonorizzazioni dal vivo, 2 pubblicazioni, 9 strisce quotidiane a fumetti.

 

 

Il pubblico protagonista. Con la moltitudine di iniziative collaterali, si corre il rischio di dimenticare che il BFM è innanzitutto un concorso cinematografico internazionale con 2 premi differenti. Si inizia con il concorso riservato ai nuovi autori con 7 lungometraggi inediti in Italia. In questo caso il giudizio è espresso dal pubblico è fondamentale per definire la triade finale che si aggiudica il premio Bergamo Film Meeting, mentre al vincitore espresso dalla giuria spetta la somma di 5mila euro messa in palio da UBI – Banca Popolare di Bergamo. La novità di quest’anno è che anche la sezione Visti da Vicino avrà un premio dedicato al miglior documentario fra i 15 in gara, con una somma di 2mila euro, messa in palio da Cgil Bergamo e assegnata grazie alle preferenze espresse dal pubblico. Insomma, è chiaro che essere spettatori del BFM richieda esperienza e dedizione, per poter selezionare il meglio fra le produzioni indipendenti.

12 foto Sfoglia la gallery

Gli ospiti internazionali. Il BFM ha, da sempre, la capacità di portare il mondo a Bergamo e di far conoscere Bergamo al mondo. Lo fa da una parte con le proposte che seleziona, in arrivo davvero da luoghi non scontati né convenzionali, dall’altra parte invitando, durante la manifestazione, registi e artisti della scena internazionale. Anche quest’anno la formula si rinnova con un’edizione decisamente europea. Al vecchio continente infatti è dedicata un’intera sezione del Festival – EUROPE, NOW! -, in cui registi saranno ospitati a Bergamo per incontrare il pubblico.

Si tratta della regista bosniaca Jasmila Žbanić, autrice tra gli altri di Grbavica – Il segreto di Esma (2006), che si è aggiudicato l’Orso d’oro al Festival di Berlino; del regista ceco Petr Zelenka, autore del recente Karamazovi – I fratelli Karamazov (2008), originale trasposizione del romanzo di Dostoevskij e premio per la miglior regia al Festival di Karlovy Vary; e infine del britannico Shane Meadows, autore di veri e propri cult, tra cui This Is England (2006), poi diventato anche una serie Tv.

 

 

I grandi del cinema. Un’altra ospite di tutto rispetto sarà Anna Karina, che regalerà la sua presenza al festival dal 10 al 12 marzo. L’icona della Nouvelle Vague lega il suo nome a quello di Jean-Luc Godard, con il quale condivise un percorso cinematografico e di vita.

Giovedì 10 marzo, invece, un maestro del cinema d’animazione come Vladimir Leschiov terrà un workshop presso l’Accademia Carrara di Bergamo. Sarà un’esperienza molto interessante, visto che il regista lettòne è uno dei più importanti assertori della resistenza alla computer animation.

E oltre ai film… C’è chi non vede nemmeno un film ma partecipa alla festa. È vero, succede anche questo al BFM, e succede perché attorno alla manifestazione gravitano concerti, mostre, proiezioni straordinarie, serate a tema in collaborazione con Elav, The Blank, GAMeC, Pedrali. Il programma completo della manifestazione lo trovate qui, mentre per chi volesse iniziare ad assaporare il clima della festa del cinema di Bergamo, si pre-inizia stasera, giovedì 3 marzo, con il concerto dei Wet Love Reporter.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli