Si chiama "Orobie Style"

Questa sera alle ore 20 a Clusone si fa la rivoluzione della Val Seriana

Questa sera alle ore 20 a Clusone si fa la rivoluzione della Val Seriana
25 Novembre 2019 ore 09:15

Nel 2012, appena sette anni fa, il rapper sudcoreano PSY pubblicò un brano musicale destinato a diventare in poche settimane il primo video della storia ad aver raggiunto un miliardo di visualizzazioni su YouTube. Un record, poi frantumato più volte, tanto che già nel 2017 le visualizzazioni erano triplicate. Quel brano, quasi superfluo ricordarlo, si intitolava Gangnam Style ed era accompagnato da un video in cui il rapper proponeva una sorta di dance stile cavalcata nei posti più disparati. Quello che forse non tutti sanno è che quel brano voleva semplicemente esaltare lo stile di Gangnam, quartiere di tendenza della metropoli di Seoul, dove PSY è nato. Una storia che a suo modo racchiude il senso di una nuova scommessa (non canora ma che vuol essere altrettanto “di tendenza”) lanciata nelle ultime settimane in Bergamasca: Orobie Style. Il “sogno condiviso” (così lo definiscono i promotori) ha dato vita a una community «per definire e promuovere uno stile comportamentale, architettonico e di accoglienza, che diventi il driver del miglioramento continuo dell’offerta turistica, nel territorio delle valli delle Orobie Bergamasche e del Lago d’Iseo».

 

 

Tutto nasce dalla condivisa urgenza di proporre anche dalle nostre parti una vera rivoluzione culturale, che basandosi su concetti di benessere, naturalità ed ecosostenibilità, offra a turisti, visitatori e investitori un biglietto da visita attuale e competitivo. Lunedì 25 novembre, alle 20, al Cineteatro Tomasini dell’oratorio di Clusone è in programma “la prima”, in cui gli imprenditori che hanno lanciato il progetto presenteranno la sfida (già raccolta positivamente da decine di operatori), proponendo nel contempo esempi virtuosi di aree che hanno saputo “far tendenza”.

«Tutto è nato da alcune chiacchierate amichevoli – spiega Silvia Ferri Minuscoli, che guida il gruppo – e dalla necessità di alzare l’asticella per puntare a un reale sviluppo della Valle. Siamo assolutamente convinti del fatto che le nostre Valli e il lago d’Iseo hanno peculiarità ambientali, culturali, artistiche e architettoniche di incredibile potenzialità. Siamo seduti su una montagna (e un lago) d’oro, ma non ne abbiamo la piena consapevolezza». Silvia, con il marito, condivide l’impegno in una attività che negli ultimi anni ha avuto uno sviluppo esponenziale. La panetteria artigianale di…

 

Articolo completo a pagina 48 di BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 28 novembre. In versione digitale, qui.

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve