Un po' anni Ottanta

Re Logo in Borgo Santa Caterina Dove l’originalità veste a pennello

Re Logo in Borgo Santa Caterina Dove l’originalità veste a pennello
13 Aprile 2015 ore 11:34

Se fosse un colore sarebbe il rosso, tant’è che ne indossa sempre un tocco, che sia un accessorio, una maglietta o un paio di calzini. Ama le linee morbide, i tessuti dalle fantasie rigate, che nelle sue mani diventano gonne svasate, lunghe e ampie, abiti dalla comoda vestibilità, camicie dalla forte personalità.  Barbara Ceresoli, 44 anni, da dieci anni è la titolare di Re-Logo, un negozio dove gli abiti sono realizzati a mano, rigorosamente con tessuti naturali come cotone, cachemire, lino, seta, lana, anche misti tra loro.

Linee morbide, decorate con righe o motivi tartan, tagliate e cucite da Barbara che, fin da bambina, ha coltivato questa passione, grazie alla complicità della mamma con cui andava a comprare i tessuti il sabato mattina. «Sono molto pratica e amo far tutto da me – racconta la titolare, occhi azzurri su un volto dalle linee gentili -. Mi piace lavorare i materiali perché ricerco la sensazione tattile, fisica che accompagna i lavori fatti a mano e realizzo capi versatili come gonne abbastanza ampie, che possono essere portate con le ballerine, ma anche con gli anfibi. Molto sta alla personalità di chi indossa i miei capi, anche se dopo dieci anni le clienti si lasciano consigliare».

L’originalità dei tagli si riflette anche nell’arredamento dello spazio, un luogo dalle linee pulite ed essenziali. Una vecchia lavagna degli anni Ottanta, qualche manichino decorato con fogli di giornale e rocchetti di filo colorato nei toni del rosso, del giallo e del blu. Lo spazio, molto luminoso e ben collocato, ha come sottofondo le voci dei passanti di Borgo Santa Caterina, la via dove Re-Logo ha sede, al numero 75/A.

Abiti gialli, gonne in fantasia tartan o a righe bianche, blu e grigie, e pantaloni morbidi a righe bianche e rosse, si alternano a capi color grigio perla, per un guardaroba primaverile molto femminile. «Personalmente, sono molto legata ai punk e ai dark degli anni Ottanta – continua Barbara, il volto sottolineato da un paio di orecchini artigianali – perciò amo molto capi come l’eskimo, accessori come gli anfibi e dettagli che possono dare una personalità grintosa all’abito. Il gioco è proprio questo: dare un significato diverso ad ogni cosa, a seconda di ciò che si è. Ridare cioè un significato al tempo, allo spazio, a ciò che siamo e che indossiamo, mostrando personalità diverse e caratteri differenti. Re-Logo infatti, significa ri-logare, dare quindi un nuovo significato».

Le sue clienti lo sanno molto bene e, nonostante coprano una larga fascia d’età, dai trenta ai settant’anni, sono tutte accomunate dalla consapevolezza che il dettaglio fa la differenza, per una riga, un taglio svasato, o una cucitura accennata a gonfiare un po’ la gonna. Anche gli accessori hanno personalità: che sia una collana realizzata con materiali naturali oppure un paio di orecchini costruiti con i denti metallici delle cerniere, ogni oggetto è realizzato a mano, in pezzi unici da abbinare agli abiti, per un look assolutamente su misura.

20 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia