Menu
Cerca
è ufficiale

L’annuncio del generale Figliuolo: «Da domani in Lombardia si passa al portale di Poste Italiane»

Il commissario straordinario all’emergenza Covid e il capo della Protezione civile Curcio in visita all’hub vaccinale di Malpensa Fiere. «Piano lombardo coerente con quello nazionale. Con passaggio a Poste gradualmente si risolveranno le problematiche»

Cronaca 31 Marzo 2021 ore 12:41

Adesso è ufficiale: da domani il sistema informatico della Lombardia di adesione alle vaccinazioni anti-Covid passerà alla struttura commissariale nazionale gestita da Poste Italiane. Lo ha confermato il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario all’emergenza Covid, in visita all’hub vaccinale allestito nell’area espositiva di Malpensa Fiere, a Buso Arsizio, che a pieno regime ospiterà 30 linee per somministrare fino a 6 mila dosi al giorno.

«La Lombardia è la regione con più abitanti. Un buon andamento della campagna regionale si tradurrà per la gran parte del buon andamento della campagna di vaccinazione nazionale – ha sottolineato il generale Figliuolo -. Ovviamente non viviamo nel Paese ideale, ci potrebbero essere problemi, li miglioriamo insieme. Sono confidente che si farà ancora meglio».

Addio problemi (speriamo)

Il generale Figliuolo ha evidenziato che il programma di vaccinazione lombardo è «coerente con quello nazionale. Con il passaggio a Poste gradualmente, ma in modo veloce, si risolveranno tutte le problematiche legate alle criticità che si sono verificate nei sistemi informativi.

Insieme a Figliuolo era presente anche il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. «C’è pienissima sinergia tra la struttura commissariale e il sistema nazionale di protezione civile. Il nostro obiettivo è vaccinare, secondo le caratteristiche e le peculiarità di ogni territorio. La Lombardia ha un sesto degli abitanti di tutta Italia, per raggiungere la soglia di 500 mila vaccinati al giorno ha un ruolo fondamentale. Dal piano regionale che abbuiamo visto questo messaggio è chiaro».

A regime circa 170 mila vaccinazioni al giorno

Il piano di vaccinazione di massa ideato da Regione Lombardia verrà ufficializzato alla stampa nei prossimi giorni. Come anticipato dal vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti, sarà un piano misto, che coinvolgerà grandi hub ma anche ospedali, medici di base e farmacie.

«A regime consentirà 140 mila vaccinazioni nei centri massivi, cui si aggiungeranno 30 mila somministrazioni negli altri punti vaccinali – ha spiegato – Sono stati fatti errori, ce ne scusiamo, ma stiamo rimediando. Siamo fra le migliori regioni per le vaccinazioni degli over 90. La Lombardia ha vaccinato più di Svezia, Belgio e Olanda».

Letizia Moratti ha anche confermato che tutti gli over80 riceveranno almeno la prima dose di vaccino entro l’11 aprile. A oggi sono 1 milione 570 mila le dosi somministrate, pari all’85 per cento dei vaccini ricevuti dalla Regione.