Altro

Atalanta beffata da Leao e travolta da un imperioso Theo Hernandez (volata di 80 metri): 2-0

Atalanta beffata da Leao e travolta da un imperioso Theo Hernandez (volata di 80 metri): 2-0
Altro 13 Maggio 2022 ore 16:28

SECONDO TEMPO

94' - San Siro esulta: il Milan è a un punto dallo scudetto.

92' - Ammonito Benasser per fallo su Zapata. L'Atalanta ci prova fino all'ultimo.

90' - Quattro minuti di recupero.

87' - Ammonito Malinovskyi, salterà l'ultima di campionato.

85' - OCCASIONE PER L'ATALANTA! Ancora Zapata in combinazione con Boga. Maignan salva in extremis. Grande contropiede della Dea.

84' - OCCASIONE PER IL MILAN. Intervento con i piedi di Musso su conclusione da pochi passi!

78' - Scalvini e Demiral nell'Atalanta al posto di Palomino e Djimsiti. Nel Milan dentro Florenzi e Bakayoko per Calabria e Krunic.

76' - GOL DEL MILAN: PAZZESCO THEO HERNANDEZ! Krunic recupera palla su Boga e la appoggia a Theo: ottanta metri di ripartenza con la palla al piede, il francese salta tutta la difesa dell'Atalanta e con il sinistro in diagonale batte Musso! Incredibile volata di 14 secondi. San Siro esplode.

71' - OCCASIONE PER L'ATALANTA. Malinovskyi da calcio d'angolo, Zapata sale in mezzo all'area e colpisce di testa: palla fuori di poco, con Maignan che resta a guardare.

70' - Boga sostituisce Pessina.

67' - Giallo per Kessie.

62' - Benasser sostituisce Tonali.

56' - GOL DEL MILAN: LEAO. Palla in profondità per il protoghese che, inseguito da Koopmeiners, si allunga la palla di testa entra in area e segna sotto le gambe di Musso! L'Atalanta protesta per un fallo su Pessina a inizio azione, ma la rete è convalidata dal Var.

52' - Ammonito Koopmeiners che ha frenato la corsa di Theo Hernandez. La battuta della punizione finisce sull'esterno della rete e fa gridare al gol. Musso impietrito. I due allenatori danno il via ai cambi: nel Milan fuori Giroud e Saelemaekers, nell'Atalanta fuori Muriel e Pasalic.

50' - Nel Milan pronti a entrare Messias e Rebic. Gasperini risponde con Malinovskyi e Zapata.

A San Siro ci sono trenta gradi. Nessun cambio nell'intervallo ma decisive nella seconda parte saranno le sostituzioni.

 

PRIMO TEMPO

Partenza decisa dei rossoneri, ma l'Atalanta riesce a tenere basso il ritmo e a contenere le folate rossonere. Non succede nulla di rilevante fino al 22' quando Muriel si ferma per un problema muscolare, Gasperini chiede a Zapata di scaldarsi, ma poi Muriel riprende il suo posto e al 30' si esibisce con un gran tiro dal limite, Maignan in tuffo riesce a bloccare. È la prima occasione della partita. Risponde Saelemaekers ma il tiro è centrale e Musso para senza affanno. A centrocampo si lotta su tutti i palloni e il filtro dei nerazzurri funziona, la tensione è alta e le due squadre appaiono un po' contratte. Al 41' Leao ha una buona palla dal limite ma spara alto. Al 43' Giroud si lascia cadere in area dopo una leggera spinta di Djimsiti, il francese chiede a gran voce il rigore, il clima si accende, ma Orsato lo ammonisce per proteste e poi fa continuare. Nell'Atalanta buona prova di Zappacosta e Muriel.

 

FORMAZIONI UFFICIALI

Milan (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Kalulu, Tomori, Hernandez; Tonali, Kessie; Saelemaekers, Krunic, Leao; Giroud. All: Pioli
A disposizione: Tătărușanu; Ballo-Touré, Florenzi, Gabbia, Romagnoli; Bakayoko, Bennacer, Díaz, Messias; Ibrahimović, Rebić, Mirante.

Atalanta (4-3-1-2): Musso; De Roon, Djimsiti, Palomino, Hateboer, Zappacosta; De Roon, Koopmeiners, Freuler; Pessina; Pasalic, Muriel. All. Gasperini
A disposizione: Rossi, Sportiello; Demiral, Mæhle, Scalvini; Malinovskyi, Miranchuk; Boga, Mihăilă, Zapata.

Arbitro: Orsato

 

Penultimo atto della stagione nerazzurra e niente è perduto per l’Atalanta: l’Europa è ancora lì, a un passo, e neppure la partita di oggi contro il Milan sarà decisiva: il pareggio della Roma con il Venezia ha lasciato aperta la possibilità per la Dea di un posto fra le prime sette del campionato. L’Atalanta nell'ultima giornata incontrerà l’Empoli.

Tutto esaurito e San Siro (fischio d’inizio alle 18) sarà una bolgia: i rossoneri, favoritissimi, non possono perdere e una loro vittoria chiuderebbe di fatto la partita scudetto. La febbre dei tifosi del Diavolo è altissima, già cinque ore prima del match il piazzale della Scala del calcio era strapieno. Ma non meno carichi sono i supporter della Dea che alla partenza del pullman in direzione Milano si sono ritrovati a Zingonia per incitare Gasperini e ai suoi uomini. Il Milan non batte l’Atalanta in casa da otto anni. Nella gara di andata di questa stagione a Bergamo la squadra di Pioli si era imposta 3-2, con reti di Calabria, Tonali e Leao e mancata rimonta nerazzurra nel finale con i gol di Zapata e Pasalic.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter