Atalanta
Flessione

Abbonamenti, chiuse le prelazioni: raggiunta quota 10.560, in oltre 5mila non hanno rinnovato

In molti hanno deciso di non ripetere l'investimento. Ora si spera che ci siano tanti nuovi tifosi desiderosi di sottoscrivere il tagliando

Abbonamenti, chiuse le prelazioni: raggiunta quota 10.560, in oltre 5mila non hanno rinnovato
Atalanta 30 Giugno 2022 ore 09:40

di Fabio Gennari

Ora che le fasi di prelazione sono concluse, la valutazione è completa e si può fare senza grandi giri di parole: con 10.560 tifosi che hanno esercitato il proprio diritto di acquistare in anticipo e con un prezzo agevolato un posto allo stadio per la prossima stagione, la flessione rispetto all'ultima campagna è evidente e si attesta su oltre cinquemila unità. Dai circa 15.800 tifosi che avevano sottoscritto un abbonamento nella stagione 2019/20, hanno confermato il proprio posto in 10.560. E i motivi possono essere i più disparati.

Dal punto di vista logistico, al netto dei posti che probabilmente sono stati riservati per la vendita libera in Curva Pisani, il settore più caldo della tifoseria è quasi piena. I posti che rimangono per la vendita libera sono in Curva Morosini, Distinti Sud e Tribuna Rinascimento, oltre che in Tribuna Centrale. I prezzi in prelazione erano decisamente competitivi, in Curva Morosini il rateo gara era di 9 euro: se non si è esaurita, pur essendo senza copertura e decisamente meno comoda, c'è da sperare nel ricambio dei nuovi abbonati.

Appunto, i nuovi abbonati. Fino a sabato 2 luglio ci sarà un fermo tecnico, poi partirà la vendita libera e per raggiungere quota 12-13 mila abbonati è necessario che ci sia una corsa al posto (probabilmente quelli più economici, quindi Morosini e Distinti Sud) di chi non era abbonato nella stagione 2019/20. Lo stadio, a prescindere dai numeri, deve tornare a essere un fortino visto che il rendimento dell'ultima stagione è stato uno dei peggiori della storia nerazzurra: per farlo serve anche la spinta del pubblico.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter