Menu
Cerca
Il personaggio

Aleksej Miranchuk, l’uomo da una rete ogni 103′ minuti in Serie A. Giocando pochissimo

Poche occasioni, tanta panchina ma anche tanti progressi che gli hanno permesso di collezionare 6 reti in 26 presenze complessive

Aleksej Miranchuk, l’uomo da una rete ogni 103′ minuti in Serie A. Giocando pochissimo
Atalanta 28 Aprile 2021 ore 09:15

di Fabio Gennari

Ha giocato poco, Aleksej Miranchuk. Nonostante un buon numero di presenze (26 stagionali in tutte le competizioni), i minuti sono appena 747′, ma la media gol raggiunge i 125′ minuti per ciascuna segnatura. In Serie A, dopo la rete del 5-0 al Bologna, il numero 59 dei nerazzurri è arrivato a quota tre, con una media di un gol ogni 103′ minuti: poco più di una partita, recupero compreso. Per chi in Russia era titolarissimo del Lokomotiv Mosca e in Nazionale è un punto di riferimento, un impiego coì ridotto è difficile da considerare soddisfacente, eppure sono proprio i numeri a garantire il suo futuro.

Arrivato in estate come alternativa di prospettiva a Ilicic, Miranchuk ha fatto vedere ottime cose palla al piede. Il suo sinistro è delicato, ultimamente ha alzato anche il livello sul piano agonistico e sembra proprio che questi mesi di apprendistato gli siano serviti per capire al meglio che calcio si gioca in Italia, ma, soprattutto, che tipo di campionati e coppe ci sono fuori dai confini russi. Anche per lui, come per tutti i giocatori della rosa, il contratto è blindato e l’anno prossimo ci si aspetta la sua esplosione.

Ogni valutazione sul futuro, infatti, non è ancora stata fatta in termini assoluti. Il ragionamento è sempre lo stesso: dopo mesi di lavoro con Gasperini, se sei un giovane che ha bisogno di farsi notare come Sutalo e Lammers è giusto che vai a giocare, ma ragazzi come Miranchuk o Malinovskyi (che stiamo ammirando in queste ultime settimane) possono tranquillamente essere protagonisti con l’Atalanta. Non a caso, i sei gol stagionali segnati da Miranchuk sono stati spalmati in tutte le competizioni: tre in Serie A, due in Coppa Italia e uno in Champions League.

Di occasioni dall’inizio ne ha avute solo cinque tra campionato e Coppa Italia, ma i gol sono arrivati anche in momenti decisivi, come ad esempio quello del definitivo 1-1 di Bergamo contro l’Inter. Per il livello che ha fatto intravedere, si capisce bene che parliamo di un giocatore importante ed è giusto aspettarlo: rispetto a Ilicic ha otto anni di meno, magari dal mercato arriverà un altro attaccante ma Aleksej Miranchuk, per quanto ha fatto intravedere, merita grande fiducia.