Atalanta

Atalanta, progetto giovani Il presente passa dal futuro

Atalanta, progetto giovani Il presente passa dal futuro
Atalanta 05 Settembre 2016 ore 10:17

L’Atalanta di Gasperini, oltre ad essere nuova nelle scelte tattiche e in tanti elementi, è sicuramente più giovane. Abbiamo provato a fare un parallelo tra la squadra dell’anno passato e quella di quest’anno. Il metro di paragone è il gruppo che ha iniziato la stagione e il confronto tra il 4-3-3 di Reja e il 3-5-2 di Gasperini (modulo che in questo momento sembra favorito sul 3-4-3). Ragionando sugli uomini, la svolta verso i giovani è evidente.

 

Atalanta-Chiasso amichevole 27 luglio 2016 foto Mariani (18)

 

L’undici titolare di Reja. Nella passata stagione, dopo un precampionato in cui sembrava che Moralez e Gomez non potessero coesistere, il tecnico goriziano ha scelto un 4-3-3 composto così: Sportiello (classe '92) tra i pali, Masiello ('86), Toloi ('90), Paletta ('86) e Dramè ('85) in difesa; Kurtic ('89), de Roon ('91) e Grassi ('95) in mezzo al campo con Moralez ('87), Denis ('81) e Gomez ('88) a completare il tridente d’attacco. Le incognite, per Reja, erano soltanto due, visto che de Roon (arrivato dall’Heerenven) e Grassi (eterno panchinaro nella stagione precedente) si presentarono ai nastri di partenza da esordienti assoluti. L’età media dei giocatori citati era di 26,81 anni e le alternative in panchina non potevano contribuire ad abbassare in modo significativo l’età media. In difesa, Stendardo ('81) e Cherubin ('86) giocarono la prima di campionato a San Siro e oltre a loro c’erano Raimondi ('81) e Bellini ('80) come prime opzioni; a centrocampo Cigarini ('86) era l’unico ad avere buone possibilità di scendere in campo, mentre in avanti il solo D’Alessandro ('91) poteva insidiare i titolari, con Pinilla ('84) spesso out per squalifica o infortunio.

 

Gasp atalanta-brusaporto amichevole (3)

 

Il nuovo undici di Gasperini. Premesso che il nuovo tecnico, ad oggi, non ha uno schieramento definito né negli uomini né nel modulo, in questo momento l’opzione più probabile è un 3-5-2 schierato con questi uomini: Sportiello ('92) tra i pali, Konko ('84), Toloi ('90) e Zukanovic ('87) in difesa; Grassi ('95), Kurtic ('89, oppure Carmona classe '87) e Kessie ('96) a metà campo con D’Alessandro ('91) a destra e Spinazzola ('93) a sinistra; in attacco Gomez ('88) a supporto di Paloschi ('90). Anche in questa stagione, gli esordienti sono praticamente due (Kessie e Spinazzola, anche se quest’ultimo vanta qualche presenza con Colantuono due stagioni fa) ma l’età media si è sensibilmente abbassata. Pur mantenendo tra i titolari 5 elementi dello scorso campionato (Sportiello, Toloi, Grassi, Kurtic e Gomez), che quindi sono forzatamente più vecchi di un anno, la Dea grazie ai nuovi innesti ha abbassato l’età del gruppo titolari a circa 25 anni e mezzo. Con Carmona ('87) al posto di Kurtic, il dato si alza leggermente; se invece del 3-5-2 si considerasse il 3-4-3 con Conti ('94) al posto di Kurtic, si passerebbe addirittura a 25 anni (quasi) tondi. Nelle alternative, la squadra di Gasperini è migliorata rispetto al passato in difesa (Masiello classe '86 e Caldara classe '94), a centrocampo (Freuler classe '92 e Cabezas classe 1997, ma anche Gagliardini classe 1994) e davanti con Petagna ('95) e Pesic ('92) che si aggiungono a Pinilla.

 

MARL1985-1024x682

 

Squadra più giovane, serve più pazienza. Giovani o vecchi che siano, i giocatori se sono bravi devono giocare. Ma è indubbio che una simile rinfrescata alla squadra titolare necessita di un tempo di amalgama maggiore e all’inizio si può pagare lo scotto contro squadre più attrezzate. L’Atalanta ha un gruppo con grande cultura del lavoro, applicazione e rispetto dei ruoli, ma soprattutto ci sono tanti giocatori che possono veramente fare le fortune atalantine nel prossimo futuro. Restando a Bergamo e crescendo ancora, oppure partendo per altri lidi con tanti soldi nelle casse orobiche. Avere Gasperini in situazioni come questa è il massimo: gli piace lavorare con i giovani e anche se le incognite sono parecchie è giusto fidarsi di un allenatore che storicamente ha sempre fatto le nozze con i fichi secchi a Genova trovandosi la squadra smembrata e ricostruita ogni sei mesi dal presidente Preziosi. Ultimo, ma non meno importante, lo scudetto Allievi (classe 1999) conquistato insieme a quello dei Giovanissimi (classe 1997) nello scorso campionato. Il giovane Latte ('99) ha già esordito in Coppa Italia, il tecnico osserva molto i ragazzi della Primavera ed è altamente probabile che qualcuno si allenerà con la prima squadra e presto venga lanciato in Serie A. Anche questo fa parte del progetto Atalanta.

Seguici sui nostri canali