Battute Giana e Virtus Ma la difesa preoccupa Reja

Battute Giana e Virtus Ma la difesa preoccupa Reja
26 Luglio 2015 ore 23:14

Doppia affermazione atalantina nelle consuete amichevoli precampionato. A Clusone i nerazzurri hanno superato 2-1 la Giana Erminio, formazione di LegaPro, grazie alle reti di Denis e Moralez nella prima frazione di gioco, mentre a Rovetta la squadra allenata da Reja ha sconfitto la neonata Virtus Bergamo, sodalizio di serie D alla prima uscita stagionale, con il punteggio di 3-1 grazie alle firme di Monachello, Tulissi e Cigarini. Quasi tutti i componenti della rosa sono quindi riusciti a disputare un buon minutaggio, eccezion fatta per Del Grosso, Estigarribia, Giorgi, Marilungo, Suagher, Canini e Boakye che, essendo alle prese con i rispettivi acciacchi, non hanno preso parte a nessuno dei due incontri.

Giana Erminio. Contro i milanesi l’Atalanta ha disputato un primo tempo pimpante conquistando il doppio vantaggio, colpendo due pali e vedendosi annullare un’altra rete per gioco falloso di Denis. Mentre nella ripresa la gara è calata notevolmente: dopo il 2-1 di Romanini non c’è stato più nessuno spunto degno di nota.

La Giana Erminio non è salita in val Seriana con il solo ruolo di vittima sacrificale. Anzi, sono proprio i ragazzi di Albè a creare la prima insidia di giornata. Dopo appena venti secondi dal fischio d’inizio una conclusione di Pinto da fuori area costringe Sportiello alla deviazione. La risposta atalantina si fa attendere solo un giro di lancette, con Migliaccio che spara alto in mischia. Al 9′ Giana nuovamente pericolosa: schema da palla inattiva con Bonalumi che, lasciato solo sul secondo palo, colpisce di testa ma senza creare eccessivi problemi. Poi, fino alla fine del parziale, sarà un monologo nerazzurro. Al 13′ Denis di testa insacca, ma l’arbitro annulla per una spinta dello stesso attaccante ai danni di Bonalumi, ma al 19′ il panzer argentino replica svettando più in alto di tutti e infilando Paleari.

Al 26′ iniziativa di D’Alessandro che va verso il fondo, scarica centralmente in direzione di Denis il quale salta un avversario, calcia, ma la conclusione colpisce il palo. Legno che nega la gioia del gol anche a Kurtic al 35′, mentre il raddoppio giunge al 42′ con un pallonetto di Moralez che sorprende Paleari in uscita. Nella ripresa girandola di sostituzioni nelle fila milanesi ed entrambe le formazioni tirano i remi in barca. L’unica azione da segnalare è la rete del 2-1 firmata da Romanini con un potente destro a fil di palo.

36 foto Sfoglia la gallery

Virtus Bergamo. Vita decisamente più facile nel secondo match di giornata contro la Virtus Bergamo. A Rovetta, di fronte a un migliaio di sostenitori, l’Atalanta ha battuto la formazione allenata da Inversini, giunta soltanto al secondo giorno di preparazione e che, di fatto, non ha mai impensierito la porta difesa da Radunovic se non nell’occasione del gol. Le iniziative più insidiose sono arrivate dalla sinistra con Brivio che in due occasioni, al 3′ e al 23′, serve lo smarcato Tulissi, ma il giovane atalantino trova prima il palo e poi l’opposizione di Pantaleo. Un minuto più tardi è ancora Tulissi a mostrarsi fra i più in palla e a rendersi pericoloso, ma l’estremo difensore della Virtus in uscita chiude bene lo specchio.

Il gol è nell’aria e arriva al 26′: Carmona vede Monachello solo a centro area, lo serve e l’attaccante ex Lanciano non perde occasione per firmare la prima rete con la nuova maglia. Prima dell’intervallo cerca gloria personale anche Gomez che sfiora il raddoppio con un bel destro a giro su cui però Pantaleo ci arriva in tuffo. Nel secondo tempo l’Atalanta legittima la propria supremazia all’8′ sugli sviluppi di un calcio di punizione: Cigarini batte per Gomez che dal fondo crossa al centro per Tulissi, inseritosi perfettamente, che da due passi firma il 2-0.

Gomez, cresciuto con il trascorrere dei minuti, sfiora il 3-0 al 9′ (palla sull’esterno della rete) e al 13′ (deviazione di Bacuzzi sulla traversa), ma al 27′ la Virtus riapre clamorosamente il match. La punizione con il contagiri di Morosini trova il perfetto ingresso in area di Bergamaschi che, con un colpo di testa, sorprende la poco attenta retroguardia nerazzurra e infila Radunovic. Nel finale Cigarini chiude il match: il regista si procura un rigore (fallo commesso da Crippa) trasformato dallo stesso numero 21 atalantino.

20 foto Sfoglia la gallery

Reja perplesso. Nonostante i due successi, le prestazioni non hanno pienamente convinto il tecnico Edy Reja, soprattutto per quanto concerne la prova difensiva: “Non possiamo ancora pensare di essere al cento per cento della condizione – ha spiegato l’allenatore nerazzurro – Stiamo entrando pian piano nella situazione fisica ottimale, ma oggi non mi sono piaciute alcune disattenzioni della retroguardia, soprattutto su palla inattiva. Non possiamo permetterci di prendere dei gol così. Monachello? Sono felice che abbia segnato subito. E’ qui da pochi giorni e si sta inserendo. Contro la Virtus Bergamo non avrebbe dovuto fare nemmeno novanta minuti, ma il problema sorto a Boakye mi ha costretto a utilizzarlo per tutta la gara”.

 

Atalanta-Giana Erminio 2-1

20 foto Sfoglia la gallery

Atalanta (4-3-3): Sportiello (20’st Bassi); Conti, Cherubin, Masiello, Dramè; De Roon (1’st Grassi), Migliaccio, Kurtic; D’Alessandro, Denis, Moralez. A disposizione: Gomez, Kresic, Raimondi. All.: Reja.

Giana Erminio (4-4-2): Paleari (1’st Sanchez); Perico (1’st Sosio), Bonalumi, Montesano, Solerio; Rossini (22’st Gasbarroni), Grauso (16’pt Marotta), Pinto (1’st Augello), Cogliati (1’st Biraghi); Bruno (1’st Romanini), Perna (1’st Capano). All.: Albè. A disposizione: Sanzeni.

Arbitro: Perotti di Legnano (assistenti Zinzi di Catanzaro e Martinelli di Seregno)

Reti: 19’pt Denis (A), 42’pt Moralez (A), 10’st Romanini (G)

 

Atalanta-Virtus Bergamo 3-1

4 foto Sfoglia la gallery

Atalanta (4-3-3): Radunovic; Bellini, Stendardo, Benalouane (13’st Kresic), Brivio; Gagliardini, Cigarini, Carmona (31’pt Raimondi); Tulissi, Monachello, Gomez (31’st Benalouane). All.: Reja. A disposizione: Turrin, Grassi.

Virtus Bergamo 1°T (4-2-3-1): Pantaleo; Ravot, Tognassi, Deri, Seck; Previtali (33’pt Lanza), Zanola (35’pt Mister); Vitali (35’pt Crippa), Germani (30’pt Baldis), Carobbio (33’pt Sarr); Amodeo (30’pt Cooper). All.: Inversini.

Virtus Bergamo 2°T (4-2-3-1): Bacuzzi; Biava (33’st Crippa), Valietti, Ghidini, Acerbis; Lemma (33’st Lanza), Morosini (33’st Mister); Zanga, Bergamaschi (33’st Baldis), Facoetti (33’st Sarr); Cooper (15’st Bosio). All.: Inversini.

Arbitro: Maninetti di Lovere (assistenti Lattanzi e Amantea di Milano)

Reti: 26’pt Monachello (A), 8’st Tulissi (A), 27’st Bergamaschi (V), 43’st rig. Cigarini (A)

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia