Uno stadio nuovo per entrare in Europa

Uno stadio nuovo per entrare in Europa
28 Maggio 2014 ore 09:41

A Bergamo non si dice: vado allo stadio. Si dice: vado all’Atalanta. L’identificazione fra la Dea e la sua gente è tale che, in 107 anni di storia, la squadra della città è diventata un simbolo, un marchio, un riferimento inconfondibile. Ecco perché Bergamo Post accende subito il riflettore in home page su un fenomeno di sport e di costume che ha pochi eguali in Italia ed esalta la storia del club non metropolitano con il maggior numero di partecipazioni alla serie A. Un club che si è appena lasciato alle spalle la splendida stagione dei 50 punti, un’altra tappa di crescita, un altro passo in avanti per entrare stabilmente nelle prime dieci posizioni della classifica e per puntare all’Europa. Perché, la lunga marcia che Percassi ha incominciato quattro anni fa, ha un obiettivo forte e chiaro: conquistare una dimensione calcistica internazionale, in linea con i progetti, le strategie, le ambizioni che contraddistinguono il Gruppo cui appartiene l’Atalanta. In aprile, c’è stato un momento in cui il sogno sembrava divenire realtà: lo storico record delle sei vittorie consecutive aveva  scatenato l’entusiasmo di un popolo intero. Ma il verdetto del campo è stato un altro e il campo non mente mai. Giusto così. C’è un tempo per tutto e il tempo per ritornare in Europa si raggiunge facendo un passo dopo l’altro. Avverte un’antica massima tibetana: quando arrivi in cima alla montagna, continua a scalare. Il mercato ci dirà quale nuova Atalanta avremo, quale forza avrà, quali saranno le sue prospettive nel prossimo campionato. Ma, ciò che conta, è la base solida sulla quale poggiano i progetti e gli obiettivi di una società che viene indicata da più parti come modello di gestione in ogni suo ambito. Perché il salto di qualità si compia, l’Atalanta e i suoi tifosi hanno bisogno di uno stadio alla loro altezza. Cinquant’anni di chiacchiere, di ignavia, di immobilismo sono stati insopportabili. La nuova amministrazione comunale sa che questo è un problema da risolvere una volta per tutte. Lo faccia e capirà una volta di più che cosa sia l’Atalanta per i bergamaschi. I bergamaschi lo sanno già.

Dai una mano a
Sono ormai settimane che i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano senza sosta per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio.
Tutto questo gratuitamente, senza chiedere nulla in cambio.
Viviamo di pubblicità. Una risorsa che è venuta a mancare nelle ultime settimane a causa delle conseguenze dell'emergenza CoronaVirus.
Per questo ci rivolgiamo a te. Ti chiediamo di sostenere il tuo quotidiano online con un contributo volontario.
Ci aiuterà a superare questo momento, continuando a informarti.
Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia