Atalanta

Toloi è della Dea, accordo fatto Un brasiliano alla corte di Reja

Toloi è della Dea, accordo fatto Un brasiliano alla corte di Reja
Atalanta 22 Agosto 2015 ore 09:15

E’ fatta: mancano soltanto le visite mediche e la firma sul contratto ma ormai non ci sono più dubbi, Rafael Toloi è un nuovo giocatore dell’Atalanta. Il 24enne difensore carioca arriverà a Bergamo a titolo definitivo e firmerà con la società nerazzurra un contratto triennale fino al 2018. Come avevamo anticipato, la giornata decisiva per la chiusura della trattativa è stata quella di sabato 22 agosto. L’Atalanta e il San Paolo hanno continuato a trattare a oltranza e verso l’ora di cena è arrivata la conferma e lo scambio di documenti. Particolare importante: la proprietà di Toloi era solo al 25% della società brasiliana, gli altri investitori sono stati tutti coinvolti nella trattativa e l'Atalanta lo acquista al 100%.

La notizia è subito circolata anche in Brasile. Alcuni portali specializzati hanno dato la conferma della chiusura della trattativa per una cifra di circa 3,5 milioni di euro, Toloi non giocherà domenica al Maracanà contro il Flamengo ed è pronto a partire per l’Italia. L’Atalanta si è dunque assicurata quello che era il primo obiettivo per rinforzare il pacchetto arretrato per una cifra decisamente interessante. Se fossero confermate le indiscrezioni rilanciate anche da Sky Sport si tratterebbe di un investimento di circa la metà di quanto è stato incassato dalla cessione di Benalouane al Leicester: Toloi ha 3 anni in meno rispetto al francese ed è stato titolare inamovibile del San Paolo fino alla scorsa settimana.

Rafael Toloi, brasiliano classe 1990, si appresta dunque a tornare in Italia dopo l’esperienza con la Roma, ma non sarà l’unico rinforzo per la formazione nerazzurra.

 

20150627144916-toloi1

 

Giornata intensa. Per tutto venerdì, il silenzio attorno ai movimenti dei dirigenti orobici è stato assordante. Sia il direttore dell’area tecnica Giovanni Sartori che l’amministratore delegato Luca Percassi hanno lavorato alacremente per l’arrivo del brasiliano: per chi conosce il loro modus operandi era palese che qualcosa di importante si stesse muovendo. La giornata era iniziata con una certezza: l’Atalanta aveva fatto pervenire ai brasiliani del San Paolo un’offerta importante, si parlava di 3,5 milioni di euro per l’acquisto a titolo definitivo del giocatore. La richiesta era vicina ai 5 milioni, ma la necessità di cedere e far cassa del San Paolo e la ferma volontà dell’Atalanta di ingaggiare il giocatore hanno spinto le parti ad un confronto continuo.

 

RAFAEL-TOLOI

 

Chi è Rafael Toloi. Ora che il giocatore è nerazzurro, proviamo a raccontare chi è Rafael Toloi. Alto 185 centimetri per 75 chili di peso, il centrale brasiliano è nato il 10 ottobre del 1990 ed è cresciuto calcisticamente nel Goias Esporte, squadra nella quale ha esordito nella massima divisione del campionato brasiliano nel 2009. In quattro stagioni con il Goias ha totalizzato 88 presenze (realizzando 6 reti), 46 delle quali nella Serie A locale e 42 in B. La svolta nella carriera del 24enne è avvenuta nell’estate del 2012, quando è arrivata la chiamata dal San Paolo, uno dei club più prestigiosi del Brasile. In campionato con il San Paolo, Toloi è sceso in campo complessivamente oltre 70 partite volte, totalizzando due gol.

L'arrivo alla Roma. Nel gennaio del 2014, il difensore è arrivato in Italia per giocare con la Roma, con la quale ha fatto però solo cinque apparizioni. Al termine del campionato scorso la società capitolina ha deciso di non esercitare il diritto di riscatto fissato a 5,5 milioni di euro. Toloi non fa parte della Nazionale brasiliana, ma è stato uno dei giocatori simbolo del Brasile Under 20 con il quale ha vinto l’argento ai Mondiali del 2009 e l’oro nel campionato Sudamericano in Venezuela nello stesso anno.

 

 

Le sue caratteristiche tecniche. Rafael Toloi è un difensore moderno, forte nell’anticipo. È stato paragonato al romanista Castan, ma è più veloce rispetto al numero 5 giallorosso. Per questo, in alcune partite, è stato utilizzato anche come mediano d’impostazione davanti la difesa. Possiede una buona tecnica di base e un piede (è un destro naturale) che gli permette di rilanciare l’azione dalle retrovie. Caratteristiche che Reja desidera per il ruolo di centrale difensivo. Dal punto di vista fisico, Toloi sarebbe già pronto per scendere in campo. Il campionato brasiliano è attualmente in corso, dal 5 luglio in avanti (praticamente lo stesso periodo in cui l’Atalanta ha iniziato la preparazione) ha giocato con la maglia del San Paolo ben 9 gare ufficiali restando in campo quasi sempre per 90 minuti.

In arrivo un secondo colpo. Con l’acquisto di Toloi, l’Atalanta puntella in modo importante il proprio reparto difensivo. Parliamo di un giocatore ancora giovane, ma con una significativa esperienza alle spalle e che viene in Italia per continuare a giocare da titolare. E non è finita: secondo i rumors, la società nerazzurra starebbe lavorando ad un secondo colpo sempre per la zona centrale della difesa. Il nome del giocatore in arrivo oltre a Toloi non è mai uscito sui giornali, impossibile dunque sia il cileno Vegas. Da quel che si è capito si tratta di una pedina che rappresenterebbe un altro ottimo acquisto. Considerando che già l’arrivo del centrale brasiliano è da ritenere soddisfacente, dovesse davvero arrivare a stretto giro di posta anche un secondo innesto nel pacchetto arretrato, l’Atalanta sarebbe decisamente a posto.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter