Costanzi, Boakye ed “Esti”: un tris d’assi per la Dea

Costanzi, Boakye ed “Esti”: un tris d’assi per la Dea
07 Luglio 2014 ore 10:01

L’Atalanta aspetta le offerte per i suoi big di cui si parla, per ora, solo sui giornali e continua la sua campagna acquisti orientata ai giovani e al vivaio. Per Bonaventura, Carmona, Cigarini e Consigli a Zingonia non sono arrivate richieste ufficiali,i movimenti in entrata tuttavia sono decisamente importanti e certificano la strategia nerazzurra.

La prima mossa, ufficiale, è quella legata al nuovo responsabile dell’area scouting del settore giovanile che è Maurizio Costanzi. Allenatore e uomo di campo, Costanzi lascia il Chievo Verona dopo 16 anni (era il braccio destro di Giovanni Sartori) e approda a Bergamo con un contratto quinquennale. L’operazione è stata seguita in prima persona dall’Ad nerazzurro Luca Percassi. Il responsabile dell’area scouting della prima squadra resta ovviamente Beppe Corti e la sinergia tra lui, Costanzi, l’accoppiata Favini-Finardi e il responsabile dell’attività di base il Maestro Bonifaccio risulterà decisiva per il futuro nerazzurro.

Esperto di calcio africano e grande conoscitore delle dinamiche federali, Maurizio Costanzi ha portato il Chievo a vincere lo scudetto Primavera nell’ultima stagione e il suo lavoro parte da lontano: nonostante il budget ridotto, grazie a competenza e professionalità il neo dirigente atalantino ha ottenuto davvero ottimi risultati e nell’ambiente circola forte la convinzione che l’Atalanta abbia fatto un grande acquisto.

Da una nuova scrivania passiamo al nuovo attaccante. E anche qui, il progetto giovani è chiarissimo. In settimana dovrebbero esserci sviluppi decisivi ma ormai non ci sono più dubbi: il nuovo attaccante che Stefano Colantuono avrà a disposizione si chiama Richmond Boakye. Classe 1993, il talento africano sarà il secondo ghanese del gruppo dopo Boukari Dramè, ha già fatto sapere che Bergamo è piazza molto gradita e c’è grande voglia di vederlo all’opera. Può giocare prima o seconda punta, il fisico non gli manca (187 cm per 80 kg di peso) ma, soprattutto, ci sono numeri molto interessanti dalla sua parte.

Il ragazzo di Accra, il cui cartellino è a metà tra Genoa e Juventus, ha fatto il suo esordio in serie A il 3 aprile 2010 a 17 anni e 2 mesi e ha subito segnato un gol con la maglia del Genoa contro il Livorno, le presenze totali in massima serie sono 7 e dopo l’esperienza in B con il Sassuolo (due stagioni dal 2011 al 2013 con 63 presenze e 21 gol in campionato) nell’ultimo campionato Boakye ha giocato da titolare in Spagna nella formazione valenciana dell’Elche. Il bilancio è di 7 reti in 33 presenze ufficiali, una al Real Madrid. E’ nel giro della Nazionale, in carriera a soli 21 anni Richmond Boakye può vantare già 106 presenze e 31 gol.

Ultimo, ma non meno importante, Marcelo Estigarribia. L’esterno paraguaiano attende segnali che da Bergamo arriveranno a breve. Ha caratteristiche molto preziose, Colantuono lo conosce bene e sarebbe l’esterno mancino d’attacco da piazzare in organico: con lui e D’Alessandro, corsa e imprevedibilità sulla corsie laterali sono garantiti. La settimana che separa l’Atalanta dal raduno sarà dunque ricca di novità: mercoledì verranno svelate le nuove maglie, oltre ai nuovi arrivi ci sarà qualche altra partenza (Brienza e Ardemagni sulla via di La Spezia?)  e gli abbonamenti si apprestano a fondare quota 4000.

Ecco il video del gol di Boakye al RealMadrid:

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia