La curiosità

«CROTONE»: piccola storia di come un errore possa diventare una (quasi) notizia

Un post incompleto e le voci diventate indiscrezione senza nessun tipo di fondamenta

«CROTONE»: piccola storia di come un errore possa diventare una (quasi) notizia
25 Aprile 2020 ore 01:24

di Fabio Gennari

Questa è la storia di un errore. Una digitazione non controllata, una scelta superficiale che ha generato pensieri strani e (addirittura) la convinzione che fosse un messaggio in codice. Sul mio profilo Facebook personale, ogni tanto spuntano i ricordi di gare del passato seguite allo stadio. Nel 2011 la Dea giocò a Crotone il venerdì di Pasqua. Quel giorno ero allo Scida e ho scattato alcune foto da postare su Facebook, sia dentro che fuori dallo stadio. Una di queste immagini era per il settore ospiti e nei ricordi social quello scatto non aveva didascalia. Ho pensato di metterla: «CROTONE».

Per qualche strano motivo, l’algoritmo di Facebook non ha preso l’immagine da pubblicare e sul profilo, per qualche ora, è rimasta solo la scritta. Qualcuno secondo voi ha pensato a un errore visto che, il giorno prima, un’altra foto della stessa giornata era stata postata? Nient’affatto, su alcuni gruppi WhatsApp si è iniziato a parlare della possibilità che l’Atalanta giochi le sue future gare interne a Crotone. Durante un collegamento con una tv calabrese, mi è stata chiesta esattamente la stessa cosa. Be’, non è così. È stato semplicemente un errore.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia