De Roon è una diga lì in mezzo Tra i migliori c’è anche Dramé

De Roon è una diga lì in mezzo Tra i migliori c’è anche Dramé
29 Settembre 2015 ore 09:08

Tutti bravissimi quelli della Dea nel match contro la Samp, con Dramé e de Roon in evidenza e Papu Gomez a vincere la palma del migliore in campo. Parlando del gruppo in generale, invece, il migliore è mister Reja. Questa Atalanta diverte e si diverte, le scelte sono sue e tante intuizioni stanno trovando grandi riscontri. Con una classifica che mette i brividi.

Sportiello 7,5: prima parata all’8’ su Eder, non si vede più fino al 71’ quando vola all’incrocio dei pali a respingere in angolo un destro di Soriano. Siamo sempre alle solite: una parata, decisiva per il risultato, la fanno solo i grandi portieri. Marco è fatto di quella pasta.

Bellini 7,5: primo tempo assolutamente perfetto, gioca fino al 93′ senza mai tirarsi indietro e si rende protagonista di una prestazione super. A 35 anni e con tutti che lo davano per bollito. Bandiera.

Toloi 7,5: al 34’ si becca l’ovazione dello stadio con una scivolata su Eder nemmeno fosse un gol. Di testa e in anticipo le prende tutte lui e ancora una volta rischia di andare in rete. Grande serata, la prima da titolare in casa.

Paletta 7,5: inizia benissimo su Eder, calma olimpica in ogni intervento. Un muro alzato davanti alla porta di Sportiello, capace di neutralizzare qualsiasi avversario sia dal punto di vista agonistico che tecnico. Sicurezza.

Dramé 8: innesca l’autogol di Moisander al 7’, al 9’ si incunea ancora in area e crossa per Maxi che devìa fuori. In generale, cerca sempre di fare qualcosa di utile per la squadra. Gioca fino alla fine sbagliando praticamente zero, questa volta è lui il migliore della difesa.

Grassi 7: come sempre tantissimo cuore, tanta corsa e – forse – poca lucidità negli ultimi 20 metri, ma nel complesso è una delle scoperte più piacevoli di questo avvio di stagione. Il coro della Curva, dopo la sostituzione, la dice lunga sulla considerazione della piazza per il giovanissimo prodotto del vivaio. (61’ Migliaccio 7,5: il solito guerriero, il solito prezioso soldato che risponde sempre presente).

De Roon 8: primo tempo sontuoso, in generale si conferma un mastino inesauribile: non si conta l’infinità di palle recuperate, e quando ha la palla tra i piedi sa sempre cosa fare. In più, non si arrende mai. Un campioncino.

Kurtic 7: va vicino al gol in almeno tre occasioni: la più ghiotta, al 47’, quando di testa devia da pochi metri, ma trova Viviano al centro della porta pronto a respingere. Ha alcuni colpi davvero notevoli, esce al 74’ tra gli applausi del pubblico e stavolta sono tutti davvero meritati. (74’ Cigarini 6,5: gestisce il pallone nel finale di partita)

Moralez 8: ad Empoli ha corso addirittura per 12 km, contro la Samp si conferma uno dei più bravi e impreziosisce la gara con l’assist per il gol del 2-0. Moto perpetuo, pericolo costante, qualità superiore.

Pinilla 6: peccato per l’infortunio muscolare (32’ Denis 7: grande occasione al 64’ dal cuore dell’area di rigore, mal sfruttata. Si rifà in pieno recupero, segnando il gol numero 53 della sua storia nerazzurra e raggiungendo Rasmussen nella classifica di tutti i tempi dei bomber stranieri).

Gomez 8,5: inizia alla grande, specie al 26’, quando rischia di segnare un gol epico dopo 70 metri di galoppata: il suo destro sibila a fil di palo. Quello che però colpisce di più è la continua ricerca del dribbling e della giocata importante. Ha grande qualità e Reja ha trovato il modo di sfruttarle al massimo.

All. Reja 9: classifica a parte (senza i finali infausti con Inter, Sassuolo e Verona sarebbe la Dea sarebbe clamorosamente prima), la sua Atalanta gioca veramente molto bene. In tre partite ha sempre schierato Grassi dall’inizio, l’idea di Maxi e Papu in campo insieme è sua e lì dietro ha ruotato un po’ tutti in 6 giornate, ottenendo sempre risultati efficaci. Se trova la chiave per aumentare la percentuale realizzativa questa Atalanta può fare grandi cose.

Sampdoria: Viviano 6; Pereira 5 (78’ Carbonero 6), Moisander 5, Zukanovic 6, Mesbah 5,5; Fernando 6, Barreto 6, Soriano 6,5; Correa 5(61’ Rocca 6); Eder 5, Muriel 4,5(70’ Cassano 5,5). All. Zenga 5.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia