Saremo salvi già domenica? Tutte le combinazioni possibili

Saremo salvi già domenica? Tutte le combinazioni possibili
08 Maggio 2015 ore 09:56

L’Atalanta è padrona assoluta del suo destino. Il vantaggio sulla serie B, rapportato alle giornate che mancano alla fine del campionato e agli scontri diretti con Cagliari e Cesena, è enorme. Domenica pomeriggio alle 17 potrebbe anche arrivare il verdetto definitivo chiamato salvezza: se il Cagliari dovesse perdere a Torino con la Juventus e l’Atalanta vincere a Palermo, a quel punto anche la matematica direbbe Serie A. La vittoria dei sardi sul derelitto Parma ha scosso un po’ di certezze nei tifosi, ma è bene ricordare tutte le possibilità che ci sono per l’immediato futuro nerazzurro. E guardare con un bel sorriso ai prossimi impegni.

Una classifica che resta ottima. Detto che ogni ragionamento viene fatto pensando alla situazione attuale della squadra, un gruppo che era partito con la convinzione di poter giocare un campionato senza nessuna preoccupazione e che invece si trova a lottare per non retrocedere, bisogna prendere i numeri per quello che valgono davvero e ragionare sulle possibilità, sui rischi e sulle certezze. Con 33 punti in classifica e 6 di vantaggio sulla prima inseguitrice che è il Cagliari (27 punti), i nerazzurri hanno un vantaggio enorme sui chi insegue. E nel prossimo turno, ben 15 combinazioni di risultati su 18 a disposizione permetterebbero ai nerazzurri di mantenere o aumentare il margine sulla serie B con una partita in meno da giocare.

8 foto Sfoglia la gallery

Il Cesena è ormai spacciato. Iniziamo a ragionare sulla squadra che in questo momento è più lontana da Pinilla e compagni. Con 33 punti contro 24, l’Atalanta affronterà il Palermo consapevole del fatto che Cesena-Sassuolo è quasi ininfluente. Se la Dea vince a Palermo, i romagnoli retrocederanno in Serie B indipendentemente da quello che faranno contro i neroverdi. Ugualmente, se i romagnoli perdono contro i neroverdi, finiranno tra i cadetti qualsiasi sia il risultato dei nerazzurri al Barbera. La speranza dei ragazzi di Di Carlo, quindi, è che l’Atalanta perda: in tal caso potrebbero sperare in un successo o in un pareggio per ridurre il distacco. Qualora invece l’Atalanta pareggiasse, nella migliore delle ipotesi il Cesena s’avvicinerebbe da 9 a 7 punti, ma deve necessariamente vincere: un pareggio sarebbe comunque troppo poco per i ragazzi di Di Carlo. Conti alla mano quindi, i bianconeri hanno a disposizione tre risultati utili su nove per ridurre il loro distacco dall’Atalanta e non considerarsi già in Serie B.

La situazione del Cagliari. Matematicamente parlando, il Cagliari è l’unico vero pericolo per l’Atalanta. I sardi giocano sabato alle 18 contro la Juve campione d’Italia, e avrebbero solo tre combinazioni di risultato per accorciare le distanze sui nerazzurri: vincere sperando in una sconfitta o in un pareggio della Dea o pareggiare sperando in una sconfitta. Se l’Atalanta vince a Palermo, la trasferta del Cagliari a Torino sarebbe decisiva solo in caso di sconfitta dei sardi perché, a quel punto, l’Atalanta sarebbe salva. Nove punti di vantaggio, tre giornate al termine della stagione e scontri diretti a favore: i bergamaschi sarebbero irraggiungibili. Se il Cagliari dovesse vincere a Torino il distacco rimarrebbe invariato, così come se entrambe le concorrenti pareggiassero: il che sarebbe un bene per la Dea. Tirando le somme, in tre casi l’Atalanta aumenta il suo vantaggio, in tre s’avvicina il Cagliari, in tre le distanze rimarrebbero invariate.

8 foto Sfoglia la gallery

Grande fiducia. La situazione, dal punto di vista matematico, è quella che vi abbiamo appena presentato. Ovviamente tutte le partite dovranno essere giocate e può succedere ogni cosa. Ma i tifosi dell’Atalanta hanno diversi motivi per stare sereni. La squadra ha giocato benissimo contro la Lazio, il Cagliari in questo campionato non ha mai vinto due partite di fila e c’è un ultimo aspetto che certifica quanto l’Atalanta sia padrone del suo destino. La formazione di Reja affronterà Palermo (trasferta), Genoa (casa), Chievo (trasferta) e  Milan (casa): se porta a casa 6 punti su 12 può essere matematicamente certa di giocare in serie A pure il prossimo anno. Se il Cagliari pareggia a Torino, ne bastano 4 in 4 partite. L’Atalanta a 39 punti è salva indipendentemente da quello che fanno le altre squadre. A 37 lo è se i sardi non vincono a Torino sul campo dei campioni d’Italia: Allegri schiererà le riserve, ma è pur sempre la Juve, che vuole festeggiare lo Scudetto davanti ai suoi tifosi. Animo, appassionati atalantini, il traguardo è vicinissimo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia