Atalanta

I dubbi sul futuro di Maxi E se diventasse il nostro Pirlo?

I dubbi sul futuro di Maxi E se diventasse il nostro Pirlo?
Atalanta 22 Maggio 2015 ore 09:53

È il più piccolo del gruppo. Eppure per lunghi tratti della stagione ha trascinato i suoi compagni come se fosse il più grande di tutti. Tante volte, il suo incedere e la sua voglia lo hanno fatto sembrare un gigante. Nel nuovo 4-3-3 di Edy Reja, però, per lui sembra non esserci posto. Eppure il tecnico goriziano, nella recente intervista a tutto campo rilasciata a BergamoPost ha detto alcune cose molto interessanti. Il futuro potrebbe non essere così scontato. Maxi Moralez, folletto argentino con il numero 11 sulle spalle dell’Atalanta, è uno dei giocatori più chiacchierati del recente periodo. Contro Lazio, Palermo e Genoa nell’undici titolare non c’è stato spazio per lui e i dubbi sul futuro in nerazzurro sono aumentati parecchio. Le domande che sorgono spontanee sono molto semplici: nel 4-3-3, dove può giocare? Per fare l’esterno non ha abbastanza gamba, come si colloca una pedina tatticamente preziosa ma poco inquadrabile nel modulo preferito di Reja? Visto il contratto in scadenza nel 2017, non è meglio venderlo ora che ha mercato?

I numeri di Maxi. Con la maglia dell’Atalanta, Maxi Moralez ha giocato finora 131 partite ufficiali tra campionato e Coppa Italia mettendo a segno 18 gol. È in Italia dal 2011, nella stagione del -6 è stato spesso decisivo sia in fase realizzativa che a supporto dei compagni con 7 gol e 7 assist in 35 partite, mentre nel 2012/2013 ha vissuto l’annata più complicata con 1 sola rete e 2 assist in 31 gare. L’anno scorso ha messo a segno 5 gol e 6 assist in 32 giornate, mentre nel campionato in corso il bottino in termini di gol è stato lo stesso (5) con 5 assist in 29 presenze. Il numero 11 argentino è stato spesso uno degli uomini più importanti a disposizione dell’allenatore: Colantuono prima e Reja poi lo hanno mandato in campo e nel complesso le sue marcature hanno fruttato 5 punti. Se con l’ex allenatore Moralez era un elemento imprescindibile, la storia con Reja si è trasformata con il passare delle settimane fino alle recenti esclusioni.

SPO,CALCIO Atalanta Stagione 2014-2015
Foto 1 di 4

Genova Stadio Marazzi 6 Giornata di Campionato Serie A Tim Stagione 2014-2015 -05 Ottobre 2014 ATALANTA - Sampdoria-Atalanta Bergamo post ph Alberto Mariani nella foto, MAXIMILIANO MORALEZ

Soccer: serie A; Atalanta-Napoli
Foto 2 di 4

Atalanta's German Denis (L) jubilates after the 3-0 goal against Napoli scored by his teammate Maximiliano Moralez during the Italian Serie A soccer match Atalanta vs Napoli at Atleti Azzurri d?Italia stadium in Bergamo, Italy, 02 February 2014. Atalanta won 3-0. ANSA/ PAOLO MAGNI

M_AL8564
Foto 3 di 4

26-04-15 STADIO AZZURRI D'ITALIA ATALANTA - EMPOLI CAMPIONATO SERIE A TIM 2014-15 PHOTO ALBERTO MARIANI NELLA FOTO , MAXIMILIANO MORAEZ

MARL7506
Foto 4 di 4

26-04-15 STADIO AZZURRI D'ITALIA ATALANTA - EMPOLI CAMPIONATO SERIE A TIM 2014-15 PHOTO ALBERTO MARIANI NELLA FOTO , MAXIMILIANO MORALEZ

Il modulo e la posizione. Nei quattro anni con la maglia dell’Atalanta, Maxi Moralez ha quasi sempre giocato in una delle due posizioni più decisive del 4-4-1-1. Il modulo consolidato e preferito da Colantuono lo ha visto protagonista sia alle spalle del centravanti (di solito German Denis) con Bonaventura a sinistra piuttosto che nel ruolo di esterno di centrocampo con una seconda punta a dar manforte in avanti. Comunque, Maxi, è sempre stato vicino alla porta. Collocazione tattica a parte, Maxi Moralez ha spesso disegnato calcio nella Dea targata Colantuono grazie alla sua duttilità e alla sua intelligenza. Quando sei così piccolo rispetto agli avversari, l’unico modo per imporsi è giocare d’astuzia. Sempre ben posizionato, abile a capire in anticipo linee di passaggio e movimenti avversari, il folletto argentino ha deciso tante situazioni sia per la squadra che per il compagno German Denis: se il Tanque è arrivato a segnare più di 50 gol in serie A con la maglia della Dea, molti meriti sono del compagno. Pur non avendo un dribbling secco e un tiro eccezionale.

La panchina e il futuro. Dopo il cambio di allenatore, l’Atalanta ha pian piano cambiato pelle. La squadra gioca in 35 metri, il nuovo 4-3-3 prevede Migliaccio davanti alla difesa con Carmona e Cigarini che si inseriscono mentre Gomez e D’Alessandro sono a supporto di Pinilla. Nomi a parte, basta analizzare le caratterisiche dei cinque giocatori di attacco (i due interni, i due esterni avanzati e il centravanti) per capire che Maxi Moralez non è il cambio puro di nessuno. Di qui, la convinzione diffusa che Maxi sia sul mercato e che l’Atalanta possa privarsi a cuor leggero del piccolo argentino classe 1987. Il contratto di Moralez scadrà nel 2017, la valutazione si aggira sui 5 milioni di euro e secondo le voci di mercatoci sarebbero alcune formazioni argentine che sarebbero pronte ad investire su di lui.

L’idea di mister Reja. «Un allenatore deve mettere in campo i giocatori migliori che ha a disposizione. Adesso Maxi è un po’ penalizzato perché stanno giocando D’Alessandro e Gomez, tuttavia non è escluso che per lui si possa trovare una soluzione in mezzo al campo. Certo, serve più tenuta difensiva ed equilibrio in mezzo al campo e bisogna lavorarci. Ma non è escluso a priori». Con queste parole, il tecnico atalantino Reja ha però aperto una finestra importante sul futuro di Moralez. Nelle ultime due apparizioni casalinghe, il tecnico goriziano ha inserito Maxi al posto di Luca Cigarini. Qualche prova è stata fatta pure in settimana e l’indicazione non è affatto banale. Con una difesa più alta e con una coppia di centrocampisti un po’ diversi, la nuova vita di Maxi Moralez nell’Atalanta che verrà potrebbe essere nel cuore della manovra. Insomma, potrebbe seguire le orme tracciate anni fa da Pirlo al Milan, quando Ancelotti lo arretrò dal canonico ruolo di trequartista alla regia in mezzo al campo, consacrando il fenomeno che abbiamo poi conosciuto.

maxiXXX
Foto 1 di 4
SPO,CALCIO Atalanta Stagione 2014-2015
Foto 2 di 4

Bergamo, Stadio Azzurri D'Italia trofeo Tim Cup 23 Agosto 2014 BERGAMO POST ph Alberto Mariani nella foto, maximiliano moralez

S
Foto 3 di 4

L'esultanza di Boakye con Maxi Moralez.

SPO,CALCIO Atalanta Stagione 2014-2015
Foto 4 di 4

Maxi Moralez, favorito per una maglia da titolare su Boakye per affiancare El Tanque Denis.

Disponibilità e logiche di mercato. Perché un simile scenario diventi realtà, è necessario capire fino in fondo come e quanto Maxi Moralez sia disposto a reinventarsi regista. Per caratteristiche, non potrà certamente essere un incontrista come Migliaccio ma la sua capacità di muovere veloce la palla unita ad una intelligenza certamente da rimarcare potrebbero fargli conquistare un nuovo ruolo da protagonista. La valutazione di mercato, come detto, si aggira sui 5 milioni di euro e se pensiamo che l’Atalanta pagò più o meno il giocatore la stessa cifra quattro anni fa, la scelta è molto delicata. Se si punta alla cessione, nella prossima sessione di mercato la Dea potrebbe incassare soldi importanti da un giocatore bravo, ma che non sembra più centrale nel progetto tecnico di Edy Reja. Con i soldi di Maxi, ad esempio, si può cercare una seconda punta più simile a Gomez, magari di prospettiva. Se Maxi accetta la nuova collocazione tattica e si attende il ritiro di Rovetta per capire quanto l’idea di Reja sia davvero attuabile, allora ogni ragionamento si può rimandare a luglio con Maxi Moralez e Cigarini che diventerebbero alternativi. E nel caso in cui le sirene di mercato attirassero il metronomo emiliano, appurato che Baselli non ha le caratteristiche per sostituire Cigarini, magari l’alternativa sarebbe già in casa.

Seguici sui nostri canali